X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


Nel Mar Ionio addestramento congiunto per le portaerei Truman, Charles de Gaulle e Cavour a supporto delle operazioni di sicurezza della Nato

@ US Navy / Petty Officer 3rd Class Gabriela Chambers

Le forze navali di Francia, Italia e Usa hanno condotto operazioni tri-portaerei nel Mar Ionio, il 17 marzo, a diretto supporto delle operazioni di sicurezza della Nato. L’Harry S. Truman Carrier Strike Group (HSTCSG) si è integrato con la Task Force 473 della portaerei francese FS Charles de Gaulle (R 91) e della portaerei italiana ITS Cavour (C-550) per migliorare ulteriormente l’interoperabilità.

Elementi delle forze marittime francesi, italiane e statunitensi operano regolarmente insieme, favorendo un approccio cooperativo verso la sicurezza e la stabilità regionale. Questa è stata un’opportunità per riunire tre alleati strategici per rafforzare le capacità combinate con la NATO e altri paesi alleati. “Siamo strettamente collegati ai nostri partner della NATO che apportano un’enorme capacità su navi e aerei. L’interoperabilità che costruiamo svolgendo queste esercitazioni garantisce la massima capacità delle nostre forze marittime combinate“, ha affermato il contrammiraglio Curt Renshaw, comandante del Carrier Strike Group 8.

La convergenza di tre gruppi di attacco delle portaerei alleate ha consentito di condurre una serie di missioni tattiche progettate per massimizzare le capacità di difesa aerea ed estendere la portata degli attacchi marittimi di precisione a lungo raggio da aerei basati su portaerei in un’area operativa in rapida evoluzione. “Le capacità di un gruppo d’attacco di una portaerei statunitense sono rese esponenzialmente più forti operando insieme ai nostri alleati e partner. L’aggiunta dei team francesi e italiani offre un’interessante opportunità addestrativa“, ha affermato Renshaw.

L’HSTCSG ha recentemente partecipato all’attività guidata dalla NATO Neptune Strike 22. L’attività ha praticato il passaggio di consegne dell’HSTCSG al comando e controllo della NATO, evidenziando la naturale evoluzione della capacità della NATO di integrare le capacità di guerra marittima di fascia alta di un gruppo d’attacco di portaerei per sostenere la difesa dell’alleanza NATO.

Alla Neptune Strike 22 hanno partecipato anche la portaerei italiana ITS Cavour (C-550) ed elementi del suo gruppo di attacco, rafforzando la partnership marittima sia con gli Stati Uniti che insieme come NATO. “Il Cavour prende parte alle attività più ampie volte ad aumentare la nostra capacità di operare all’interno dell’alleanza“, ha affermato il POC della Marina Militare Italiana. “Sfruttare ogni possibile interazione per migliorare il livello di interoperabilità delle forze NATO è fondamentale per la sicurezza e la stabilità internazionale“.

L’attuale dispiegamento del Charles de Gaulle Carrier Strike Group, chiamato Clemenceau 22, contribuisce alla difesa del fianco orientale dell’Alleanza Atlantica e riunisce una varietà di risorse alleate, tra cui il cacciatorpediniere missilistico guidato di classe Arleigh Burke USS Ross (DDG 71). “Operare insieme ai nostri alleati della NATO è un obiettivo primario del nostro dispiegamento Clemenceau 22“, ha affermato il contrammiraglio francese Christophe Cluzel, comandante della Task Force 473. “Eventi come questo rafforzano la nostra interoperabilità per operare insieme e rafforzare gli scambi con i nostri partner NATO, essenziale per la sicurezza europea in quest’area strategica”.

A bordo delle portaerei i velivoli da combattimento Rafale Marine, Super Hornet e AV-8B Harrier II+ operano in completa sinergia a dimostrazione della interoperabilità raggiunta tra le tre marine militari della NATO.

Gli elementi del gruppo di attacco della portaerei americana includono il personale del Carrier Strike Group 8; l’ammiraglia USS Harry S. Truman; i nove squadroni del Carrier Air Wing (CVW) 1; il personale e i cacciatorpediniere missilistici guidati del Destroyer Squadron (DESRON) 28, che includono: USS Gonzalez (DDG 66), USS Bainbridge (DDG 96), USS Gravely (DDG 107); la fregata di classe Fridtjof-Nansen della Royal Norwegian Navy HNoMS Fridtjof Nansen (F310) schierata nell’ambito del programma di schieramento cooperativo; e l’incrociatore di classe Ticonderoga USS San Jacinto (CG 56). Anche la USS Cole (DDG 67) e la USS Jason Dunham (DDG 109) fanno parte del gruppo d’attacco della portaerei e attualmente supportano l’area operativa della quinta flotta degli Stati Uniti.

L’Harry S. Truman Carrier Strike Group è impegnato in un dispiegamento programmato nell’area operativa della Sesta Flotta degli Stati Uniti a sostegno delle operazioni navali per mantenere la stabilità e la sicurezza marittima e difendere gli interessi degli Stati Uniti, degli alleati e dei partner in Europa e Africa.

Photo credits: US Navy / Petty Officer 3rd Class Gabriela Chambers

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale Telegram.

Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto