Il Consiglio di Amministrazione di Leonardo ha approvato all’unanimità i risultati del primo trimestre 2020. Alessandro Profumo, Amministratore Delegato di Leonardo, ha commentato: “I risultati del primo trimestre 2020 sono stati in linea con le attese fino all’impatto del COVID-19. Abbiamo reagito immediatamente alla pandemia con l’obiettivo prioritario di assicurare la piena tutela della salute e della sicurezza delle nostre persone, preservando la continuità del business e della produzione. Abbiamo rallentato ma mai fermato le attività essendo un business strategico per i nostri clienti nei paesi chiave. Stiamo supportando le istituzioni con i nostri prodotti e tecnologie, utilizzando gli elicotteri in configurazione EMS per il trasporto di pazienti, il C27J per il trasporto di materiale sanitario e stiamo fornendo comunicazioni protette. I nostri servizi satellitari stanno garantendo la connettività e la cyber security sta supportando il lavoro da remoto e prevenendo attacchi informatici. Non siamo ancora in grado di quantificare l’impatto del COVID-19 nel 2020, ma crediamo fermamente nei nostri solidi fondamentali e rimaniamo interamente focalizzati sull’esecuzione del Piano Industriale volto a creare valore per tutti i nostri stakeholder”.

I risultati del primo trimestre 2020 (risultati al 31 marzo 2020), dopo un solido inizio d’anno a livello commerciale e industriale, risentono, a partire dal mese di marzo, dei primi effetti del COVID-19 che ha condizionato la performance del Gruppo. In particolare si sono registrati:

  • rallentamenti delle attività produttive in conseguenza delle azioni poste in essere, in linea con le indicazioni Governative (revisione dei processi industriali e dell’organizzazione del lavoro per garantire il distanziamento sociale, sanificazione degli ambienti), per la tutela della salute dei lavoratori con conseguente riduzione delle ore produttive sviluppate nel mese di marzo e minore efficienza;
  • minori avanzamenti sui programmi a seguito dei rallentamenti sopra citati, delle restrizioni sugli spostamenti delle risorse e dell’impossibilità di accedere ai siti dei clienti, nonché della iniziale minore efficienza indotta dalla riconfigurazione di parte delle attività in modalità smart working;
  • slittamento di consegne per l’impossibilità da parte dei clienti di effettuare le fasi di test e accettazione delle macchine, con particolare riferimento ai velivoli ATR ed agli elicotteri civili;
  • nel trimestre si sono registrati i primi segnali di un calo della domanda nel mercato civile indotta dal severo rallentamento del settore del trasporto su scala mondiale, che sta impattando i produttori di aerei e conseguentemente condizionerà i volumi produttivi delle aerostrutture nonché le previsioni di vendita di elicotteri civili e velivoli ATR;
  • effetti alla data trascurabili sulla supply-chain, che rimane tuttavia un elemento di estrema attenzione

Il Gruppo ha reagito prontamente al nuovo scenario mettendo in atto una serie di misure volte prioritariamente a garantire la piena tutela della salute e la sicurezza dei lavoratori, allo stesso tempo preservando la continuità delle proprie produzioni, afferenti a settori di business considerati strategici nei principali Paesi in cui il Gruppo opera.

In tale ambito sono stati sviluppati piani di monitoraggio e di azione atti a valutare gli impatti del COVID-19 sui diversi ambiti di attività e contenerne gli effetti. Da un punto di vista operativo le iniziative includono interventi volti a recuperare livelli di produttività adeguati mediante il progressivo incremento della presenza nei siti in condizioni di sicurezza, la maggiore efficienza delle lavorazioni in remoto con ulteriori investimenti in mezzi ed infrastrutture digitali, la revisione dei calendari lavorativi per supportare, di concerto con le associazioni sindacali, nella seconda parte dell’anno il recupero dei ritardi maturati.

In parallelo il Gruppo sta effettuando una profonda revisione della propria base costi e del livello di investimenti riducendo o ritardando tutte le iniziative e le spese non strettamente necessarie o strategiche, al fine di mitigare gli effetti del COVID-19 sui risultati dell’anno. Allo stesso tempo sono state incrementate le linee di credito per garantire adeguata liquidità finanziaria al Gruppo.

Leonardo ha infatti sottoscritto nuove linee di credito con un pool di banche internazionali per un valore di 2 miliardi di euro. Questo importo sommato alle disponibilità liquide e alle linee di credito preesistenti, consente a Leonardo di contare su una liquidità totale di oltre 5 miliardi di euro. Le linee di credito hanno una durata fino a 24 mesi e non prevedono covenant finanziari.

Il pool di banche è composto da:

  • Mandated Lead Arrangers e Bookrunners: Banca IMI (Gruppo Intesa Sanpaolo), BNP Paribas, Crédit Agricole CIB, UniCredit
  • Lead Arranger: Banco BPM
  • Co-Arrangers: UBI Banca, HSBC, NatWest, Société Générale

Crédit Agricole CIB e UniCredit hanno assunto i ruoli di Coordinator e Documentation Bank. Banca IMI (Gruppo Intesa Sanpaolo) e BNL Gruppo BNP Paribas assumeranno i ruoli di Agent Bank.

Si evidenzia che il primo trimestre ha registrato un’ottima performance commerciale, non ancora condizionata dalla crisi COVID-19, a conferma del buon posizionamento dei prodotti e soluzioni del Gruppo nei mercati di riferimento. 

Di seguito vengono esposte le principali variazioni che hanno caratterizzato l’andamento del Gruppo rispetto al precedente esercizio.

  • Ordini: pari a 3.421 milioni di euro, presentano, rispetto ai primi tre mesi del 2019 (€ 2.518 mil), un incremento pari al 35,9%, dovuto principalmente agli Elicotteri e, in misura inferiore, all’Aeronautica
  • Portafoglio ordini: pari a 37.000 milioni di euro, assicura una copertura in termini di produzione equivalente pari a circa 2,5 anni
  • Ricavi: pari a 2.591 milioni di euro, presentano, rispetto ai primi tre mesi del 2019, una leggera flessione (€ 134 mil, pari al 4,9%) principalmente riconducibile ai rallentamenti registrati negli Elicotteri ed in particolare alle minori consegne attribuibili al citato effetto COVID-19
  • EBITA: pari a 41 milioni di euro (ROS del 1,6%) presenta, rispetto al primo trimestre del 2019, un decremento di €mil. 122 dovuto ai citati effetti legati al COVID-19
  • EBIT: pari a 30 milioni di euro, presenta, rispetto ai primi tre mesi del 2019 (€ 156 mil), una riduzione pari a € 126 mil (-80,8%) dovuto principalmente al decremento dell’EBITA, oltre ad un lieve incremento degli oneri di ristrutturazione
  • Risultato Netto Ordinario: pari al Risultato Netto, negativo per 59 milioni di euro, risente, oltre che del peggioramento dell’EBITA, del maggiore impatto degli oneri finanziari
  • Free Operating Cash Flow(FOCF): negativo per 1.595 milioni di euro, (negativo per € 1.114 mil nel periodo a confronto). Detto andamento, pur confermando l’usuale profilo infrannuale caratterizzato da significativi assorbimenti di cassa nella prima parte dell’anno, risente in parte di talune criticità manifestatesi nell’ultimo mese del trimestre per effetto del COVID-19
  • Indebitamento netto di Gruppo: pari a 4.396 milioni di euro, si incrementa, rispetto al 31 dicembre 2019 (€ 2.847 mil), principalmente per effetto del negativo andamento del FOCF

risultati Leonarado 1 trim 2020

Effetti del COVID-19 sul business di Leonardo

Come già evidenziato in sede di Relazione Finanziaria Annuale 2019 l’emergenza COVID-19 sta producendo effetti sul regolare e ordinario svolgimento delle attività aziendali del Gruppo, in un contesto globale di grave recessione economica ed elevata incertezza. Questo impone di sospendere le previsioni per l’esercizio 2020 formulate a marzo nell’ipotesi di assenza di COVID-19.

Peraltro l’Italia è stato il primo Paese occidentale ad essere coinvolto dalla pandemia e quindi il Gruppo fin dal primo trimestre è stato più di altri impattato dalle conseguenze dei provvedimenti emanati dalle autorità per il contenimento del rischio e la protezione della salute dei lavoratori.

Le misure adottate per contenere la diffusione del virus e gli effetti dell’emergenza sanitaria condizionano le attività produttive del Gruppo, l’avanzamento dei programmi, la catena di fornitura e la possibilità da parte dei Clienti di ritirare i prodotti e sistemi. A ciò si aggiungono gli effetti che la crisi avrà sulla domanda nei mercati in cui il Gruppo opera, ed in particolare in quello dell’aeronautica civile.

Il Gruppo ha reagito prontamente al nuovo scenario mettendo in atto una serie di misure volte prioritariamente a garantire la piena tutela della salute e la sicurezza dei lavoratori, allo stesso tempo preservando la continuità delle proprie produzioni, afferenti a settori di business considerati strategici nei principali Paesi in cui il Gruppo opera. Tali iniziative riguardano interventi volti a (i) recuperare progressivamente livelli di produttività adeguati, (ii) limitare, mediante una profonda revisione della propria base costi e del livello di investimenti, gli effetti economico-finanziari del COVID-19 e (iii) garantire adeguata liquidità finanziaria al Gruppo.

L’incertezza circa la gravità e la durata della pandemia e delle misure di contenimento del contagio nonché degli impatti sul tessuto produttivo, economico e sociale dei numerosi Paesi in stato di parziale o totale “lockdown” in cui il Gruppo opera non permette allo stato attuale una quantificazione degli effetti sull’andamento del Gruppo nel 2020.

La Società, non appena gli sviluppi dell’emergenza consentiranno una quantificazione del possibile impatto con le relative azioni di recupero, ne darà tempestiva comunicazione al mercato. Il Consiglio di Amministrazione, visto il portafoglio ordini dell’azienda e l’andamento commerciale registrato nel primo trimestre, ritiene che quanto sta accadendo non modifichi le prospettive di medio-lungo periodo del Gruppo.

Il supporto di Leonardo all’emergenza Covid-19

Leonardo sta supportando le istituzioni e la popolazione con i prodotti e le tecnologie a disposizione del gruppo industriale italiano. Elicotteri AW-169 e AW-139 in configurazione EMS per il trasporto di pazienti, un ATR-72 e un C-27J Spartan per il trasporto di materiale sanitario, fornitura di comunicazioni protette. I servizi satellitari di Leonardo stanno inoltre garantendo la connettività, e la cyber security sta supportando il lavoro da remoto prevenendo anche gli attacchi informatici.

Inoltre Leonardo, in collaborazione con la Guardia di Finanza, ha realizzato una versione dei velivoli ATR-42MP che consentisse il trasporto in sicurezza di malati affetti da Covid-19. La richiesta è stata motivata dalla necessità di sostenere il Servizio Sanitario Nazionale mettendo a disposizione mezzi in grado di effettuare il trasferimento di persone colpite dall’infezione dalle aree sovraccariche verso altre meno sollecitate.

Nel giro di pochissimi giorni, nonostante le difficoltà derivanti dal dover lavorare in modalità remota da parte di tutto il personale ingegneristico, ha identificato e progettato una configurazione che tenesse conto anche delle indicazioni ricevute dal personale medico-sanitario che collabora con la Guardia di Finanza.

La soluzione individuata prevede una modifica al layout interno del velivolo al fine di alloggiare due sistemi a biocontenimento del tipo ISOARK N36-7, di fornitura Guardia di Finanza, ed il personale sanitario a supporto, nonché la modifica all’impianto elettrico del velivolo necessaria a garantire la corretta alimentazione di tutte  le apparecchiature elettro-medicali fondamentali per il trasporto dei pazienti Covid-19. Inoltre il ricorso all’utilizzo dei kit già a disposizione del cliente ha permesso di implementare la modifica sul velivolo ATR-42MP – MSN 502 – Grifo 14 nel giro di tre giorni grazie anche al proficuo impegno del personale Leonardo e di quello della GdF.

Print Friendly, PDF & Email
 

Rispondi