X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


L’Italia produce in autonomia il primo MDF – Mission Data File per gli F-35 di Aeronautica e Marina

@ Aviation Report / G. Vannicelli

L’Italia nazione partner dell’F-35 Partner Support Complex (PSC) ha prodotto in autonomia il suo primo MDF – Mission Data File a supporto della flotta F-35 Lightning II di Aeronautica e Marina. L’F-35 PSC, attivato nel 2016, è composto da sette nazioni partner che hanno acquistato gli F-35 e collaborano con gli Stati Uniti allo sviluppo degli MDF.

Gli aerei fanno affidamento sugli MDF per fornire ai piloti la consapevolezza di quali potenziali minacce possono esserci in un’area e come contrastarle, come radar e missili terra-aria (SAM). Le informazioni provengono da ciò che i sensori dell’aeromobile rilevano durante i voli e sono guidate dai dati della missione. All’atterraggio, i piloti rivedono i loro nastri e forniscono feedback sulle prestazioni dell’MDF agli sviluppatori di dati di missione per migliorare le prestazioni future.

È stato interessante lavorare insieme perché ogni nazione affronta le cose in modo diverso”, ha dichiarato Robert Kraus, direttore dell’F-35 PSC. “È interessante e a volte può essere una sfida. Il laboratorio è un hardware nella struttura di test dove disponiamo effettivamente di tutte le apparecchiature EW – Electromagnetic Warfare attraverso le quali l’aereo viene stimolato da simulatori di minacce e da un computer che esegue lo scenario di combattimento“, ha affermato Kraus. “Il nostro team è nel laboratorio a controllare i monitor come quello della cabina di pilotaggio per vedere cosa accade mentre i nostri computer raccolgono dati“.

L’F-35 rappresenta una sfida maggiore rispetto allo sviluppo di MDF per aeromobili di generazione precedente non solo a causa dell’aumento delle capacità avanzate, ma anche perché la politica del governo degli Stati Uniti richiede che gli MDF siano sviluppati negli Stati Uniti.

Eseguire test in un ambiente di quinta generazione richiede di prendere in considerazione molteplici variabili che interagiscono in un ambiente complesso” ha affermato il Tenente Colonnello dell’Aeronautica Militare Alessandro Macculi, responsabile italiano del laboratorio di riprogrammazione del team Norvegia-Italia. “Quando esegui i test con un sistema di quarta generazione, l’interazione tra le variabili è più prevedibile e i volumi complessivi sono inferiori.

Il primo tecnico italiano è arrivato presso la base aerea di Eglin nel 2017 e il team è cresciuto fino ad otto persone, composto da personale dell’Aeronautica Militare e della Marina Militare. In quel periodo, il team ha acquisito familiarità con le apparecchiature, i processi che supportano gli MDF dell’F-35 e infine ha imparato ad operare all’interno del laboratorio di prova. “Quando siamo venuti qui ad Eglin e ci siamo guardati intorno ai nostri partner statunitensi e delle altre nazioni, la prima domanda è stata: saremmo in grado di fornire lo stesso processo di qualità?” ha detto Macculi.

Macculi e il suo team hanno recentemente risposto a questa domanda finalizzando il loro primo MDF di fabbricazione italiana prima della tempistica prevista. Man mano che il team avanza e continua a costruire i propri database e le proprie competenze, si aspettano che il tempo di finalizzazione del MDF si riduca. “Consegnare un MDF così rapidamente avrebbe richiesto molto più tempo senza l’aiuto del team statunitense, che ci ha supportato con conoscenze, formazione e istruzione. Questo è stato il vero punto di svolta per noi“, ha affermato Macculi.

Con l’MDF completo, le Forze Armate Italiane lo caricheranno sugli aerei e lo testeranno sul campo e riporteranno le loro scoperte al team negli USA per continuare a migliorare lo sviluppo dei loro dati e dei loro MDF. Questo risultato segna anche una pietra miliare nel percorso della flotta italiana di F-35 verso la piena capacità operativa (FOC).

Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto