Indra FCAS 2020
Copyright: Indra / Thales

Indra guiderà lo sviluppo dei sensori per il FCAS il sistema di combattimento aereo di nuova generazione europeo

La spagnola Indra guiderà un team di tre partner industriali per costruire la suite di sensori per i programmi avanzati di caccia e sistemi d’arma di nuova generazione franco-tedesco-spagnolo, ha annunciato la società il 23 novembre scorso.

L’ufficio acquisti francese, la Direction Générale de l’Armement (DGA), ha firmato un contratto con la compagnia spagnola per conto delle tre nazioni coinvolte nei programmi Future Combat Air System (FCAS) (SCAF – Système de Combat Aérien du Futur) e Next-Generation Weapon System (NGWS). Indra collaborerà con la società francese Thales e il consorzio industriale tedesco FCMS – Future Combat Mission System, di Hensoldt, Diehl Defense, ESG e Rohde & Schwarz, per progettare e sviluppare l’architettura dei sensori connessa e distribuita per fornire consapevolezza della situazione e aumentare la sopravvivenza della piattaforma, ha affermato la società in un comunicato.

Il contratto prevede un periodo di un anno per il team per progettare i pacchetti di sensori come parte dello studio del concetto di fase 1A del programma più ampio e potrebbe essere esteso per altri sei mesi. La fase 1A è stata lanciata lo scorso febbraio e durerà circa 18 mesi, secondo i funzionari del programma FCAS.

Mentre gran parte dei dettagli che circondano i sensori rimangono ancora sconosciuti, le tre organizzazioni coinvolte hanno affermato che la suite contribuirà alla consapevolezza situazionale del sistema d’arma di prossima generazione dell’FCAS e alla capacità di operare senza essere rilevati.

La suite di sensori avanzati è uno dei sette “pilastri” tecnologici che fanno parte del programma Future Combat Air System, insieme al jet da combattimento di sesta generazione NGF – Next Generation Fighter, ai droni “remoti” avanzati RC – Remote Carriers, ad un nuovo motore a reazione, ad un sistema d’arma di nuova generazione, alla tecnologia stealth e ad un sistema cloud per il combattimento aereo ACC – Air Combat Cloud.

Il programma FCAS è guidato da Airbus e Dassault Aviation, con Indra che guida la partecipazione dell’industria spagnola. Madrid ha aderito al programma all’inizio di quest’anno, quasi tre anni dopo che Francia e Germania avevano annunciato congiuntamente i piani per costruire un nuovo jet da combattimento di sesta generazione e altre tecnologie avanzate. I team stanno attualmente lavorando in tandem alla fase di studio del concetto e allo sforzo dimostrativo della Fase 1A, che dovrebbero culminare entrambi intorno all’estate 2021.

I primi dimostratori per gli aerei da combattimento e il sistema d’arma di prossima generazione sono previsti entro il 2026, con il programma di sviluppo completo che dovrebbe iniziare nel 2027. Il fielding dovrebbe iniziare entro il 2040, con l’aereo da combattimento che dovrebbe sostituire il francese Dassault Rafale e l’europeo Eurofighter Typhoon.

FCAS e i sette pilastri tecnologici

L’esperienza di alcuni programmi di cooperazione in materia di difesa internazionale come l’Airbus A400M ha portato all’implementazione di un’organizzazione industriale altamente strutturata per il futuro FCAS. Questo sistema è così organizzato attorno a sette pilastri: l’aereo, il motore, i droni remoti, il cloud da combattimento, la simulazione, la furtività e i sensori. Un appaltatore principale è stato indicato per ciascuno di questi pilastri ed è stato nominato come partner principale.

pilastri FCAS europeo
pilastri FCAS europeo (@ Senato della Repubblica Francese)

Il programma Future Combat Air System (FCAS) è essenziale per il rinnovo dell’aviazione da combattimento in Francia, Germania e Spagna entro il 2040 (data di fine servizio per Rafale ed Eurofighter Typhoon). È inoltre essenziale preservare l’autonomia strategica, tecnologica e industriale e della difesa dell’Europa e dominare i cieli dei futuri scenari di combattimento.

A giugno del 2019 una importante tappa del programma fu mostrata attraverso la presentazione al pubblico dei modelli New Generation Fighter (NGF) e Remote Carriers (RC), nel giorno dell’inaugurazione del Salone dell’Aviazione di Le Bourget, mentre a febbraio 2020 i governi di Francia e Germania avevano assegnato a Dassault Aviation, Airbus e ai loro partner, MTU Aero Engines, Safran, MBDA e Thales, il contratto quadro iniziale (Fase 1A) che avvia la fase dimostrativa per il sistema di combattimento aereo del futuro (Future Combat Air System – FCAS).

Il sistema FCAS è essenziale e strutturerà i prossimi decenni. L’attuale impegno finanziario, con un contratto iniziale di 65 milioni di euro per lo studio del concept congiunto e un secondo contratto di 155 milioni di euro per la fase 1A per lo sviluppo del dimostratore, rimane ancora troppo limitato per impedire qualsiasi ritorno. I negoziati, che hanno portato agli accordi franco-tedeschi sulla prima fase del programma sono stati laboriosi.

L’FCAS deve sostituire gli attuali sistemi di combattimento aereo (Rafale ed Eurofighter) entro il 2040 e rimarrà in servizio almeno fino al 2080 e, forse, oltre. La velocità con cui la tecnologia evolve, in termini non solo di combattimento aereo, ma anche di intelligenza artificiale, scambi di dati, cloud, guerra elettronica, missili ipersonici, nonché gli sforzi compiuti dagli avversari e dagli alleati per sviluppare sistemi sempre più efficaci, impone di guardare oltre il 2040. L’obiettivo è quello di evitare di sviluppare un sistema di combattimento che sarà obsoleto non appena commissionato. Inoltre va considerato anche l’aspetto etico e legale dell’intelligenza artificiale presa in considerazione nell’ambito del programma.