Prova il nostro nuovo servizio gratuito AvRep WhatsApp! Salva nella tua rubrica il nostro numero di telefono +39 342 049 1665 e inviaci un messaggio WhatsApp con scritto "ok aviation". Ti invieremo un articolo a settimana tra quelli più letti e a fine mese la newsletter con tutti gli articoli più letti. Nulla di più! Per annullare l'iscrizione sarà sufficiente cancellare il nostro numero dalla tua rubrica. Iscrivendoti accetti la privacy del sito web
Esercitazioni

In Israele è in corso l’esercitazione internazionale Blue Flag 2021

Dopo mesi di lunghi preparativi, equipaggi e velivoli da combattimento di quarta e quinta generazione provenienti da 8 paesi: Israele, Germania, Italia, India, Francia, Regno Unito, Stati Uniti e Grecia hanno dato il via all’esercitazione biennale Blue Flag 2021, lo scorso 17 ottobre. L’esercitazione è progettata sviluppare l’interoperabilità e la forza della coalizione, migliorando al contempo i partenariati multinazionali. All’esercitazione, che si svolge presso la base aerea di Uvda nel deserto del Negev, sono previsti più di 60 jet e un migliaio di soldati. La Blue Flag 21 dovrebbe terminare il 28 ottobre.

Viviamo in una regione molto complicata e le minacce allo Stato di Israele da Gaza, Libano, Siria e Iran stanno solo aumentando. Organizzando un’esercitazione internazionale in questa realtà attuale, continuando le nostre attività operative pubbliche e segrete su tutti fronti, è di estrema importanza strategica e ha un ampio impatto sull’aviazione militare israeliana, sulle IDF e sullo Stato di Israele“, ha affermato il Mag. Gen. Amikam Norkin, Comandante delle Forze Aeree Israeliane.

Questa è la quinta volta che l’aeronautica militare israeliana ospita l’esercitazione nel deserto del paese mediorientale da quando è iniziata nel 2013. All’edizione precedente, quella del 2019, avevano partecipato solamente quattro nazioni ospiti. Anche la Germania partecipa con sei Eurofighter, sotto il comando del Tactical Air Force Squadron 31 “Boelcke”,di cui uno appositamente decorato per l’evento con una fantastica livrea speciale e soprannominato Eagle Star.

La cooperazione con la Germania è una delle collaborazioni più strette dell’aeronautica militare israeliana. Pochi mesi fa il Generale Ingo Gerhertz, Comandante delle Forze Aeree Tedesche, aveva ospitato personalmente una delegazione israeliana in Germania, altra espressione della cooperazione di settore tra i due Paesi. Inoltre la Luftwaffe aveva ospitato lo scorso anno una delegazione dell’aeronautica militare israeliana in visita in Germania, quando aveva partecipato ad un volo su Dachau ed aveva visitato il villaggio olimpico di Monaco, dove furono uccisi 11 atleti israeliani.

Anche in questa occasione i membri della delegazione tedesca appena arrivati ​​in Israele hanno organizzato un volo sulla città di Gerusalemme e la Knesset d’Israele. Gli aerei sono stati guidati dal generale Gerhardz, che ha volato nell’Eurofighter speciale color appositamente dipinto con le bandiere dei paesi tedeschi e israeliani, e il generale Nurkin  in un F-15 Baz in una ideale continuazione dello storico volo effettuato sul campo di Dachau in Germania circa un anno fa.

La sfida particolare dell’esercitazione Blue Flag 2021 è quella di raggiungere obiettivi di missione comuni in un tempo molto breve in condizioni climatiche e geografiche sconosciute. L’interazione con i partecipanti al di fuori della NATO è particolarmente entusiasmante, poiché dobbiamo trovare insieme procedure adeguate. Sono lieto che la mia prima esercitazione come leader del contingente goda di una così grande reputazione internazionale“, ha dichiarato il Tenente Colonnello della Luftwaffe tedesca Niko Biedermann, che guida il contingente tedesco nell’esercitazione.

L’esercitazione di due settimane si concentrerà sul potenziamento delle capacità difensive complessive di Israele nella regione. “Questo evento di addestramento biennale è essenziale per costruire e mantenere l’interoperabilità difensiva e garantire un vantaggio tattico congiunto“, ha affermato il Tenente Colonnello dell’US Air Force Shaun Loomis, comandante del 480th Fighter Squadron. “Avendo sperimentato questo esercizio nel 2019, non vediamo l’ora di esercitare nuovamente la cooperazione militare e di costruire nuove capacità con i nostri partner“, ha aggiunto.

L’edizione 2021 della Blue Flag vede il primo dispiegamento di uno squadrone britannico, con gli Eurofighter Typhoon, in Israele dalla costituzione del paese, così come il primo dispiegamento di uno squadrone di caccia indiano su velivoli da combattimento Mirage e il primo dispiegamento di uno squadrone di caccia francese su velivoli Rafale.

Anche gli F-35I Adir stanno partecipando per la prima volta all’esercitazione, nella quale sono coinvolti due gruppi di volo: lo Squadron 140 (“Golden Eagle”) e lo Squadron 116 (“Southern Lions”). Israele partecipa anche con gli F-15I, gli F-16C Barak, gli F-16I Sufa e i velivoli CAEW. La nostra Aeronautica Militare torna ad Ovda  con gli F-35A del 32° Stormo con un G.550 CAEW (Conformal Airborne Early Warning) del 14° Stormo. La Grecia partecipa con gli F-16 e gli Stati Uniti con gli F-35A.

La Blue Flag 2021 si pone anche come un’altra occasione per integrare tra loro i caccia di quinta generazione F-35 di nazioni diverse e di integrarli con assetti di quarta generazione per sviluppare sinergie e cooperazione tra le nazioni alleate. Infatti ricordiamo che non è la prima volta che gli F-35 italiani, americani ed israeliani di incontrano durante esercitazioni, tra le quali ricordiamo le Tri-Lightnings o l’ultima che si è tenuta proprio in italia, la Falcon Strike 2021, che ha visto anche la partecipazione degli F-35B britannici.

Photo credits: Israeli Air Force / Amit Agronov, Tomer Aizik; Luftwaffe / Falk Bärwald

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto