E' online il nostro nuovo canale Telegram aggiornato giornalmente con immagini, video, notizie da tutto il mondo dell'aviazione militare e commerciale. Iscriviti oggi cliccando qui, siamo già in tanti!
Compagnie aeree

L’iconico primo Airbus A380 di Emirates verrà smantellato e utilizzato per produrre cimeli aeronautici e oggetti da collezione per i fan e gli appassionati di aviazione

La pandemia ha messo a dura prova il settore del trasporto aereo in molti modi, ad esempio costringendo le compagnie aeree a sospendere le rotte, a licenziare i dipendenti e a mettere a terra molti velivoli, soprattutto quelli di grandi dimensioni come i B-747 o gli A380. E proprio una delle vittime degne di nota è stato l’Airbus A380 con il ritiro di massa di svariati velivoli da molte flotte.

Così Emirates ha deciso di non mandare al macello il suo primo iconico Airbus A380, andato in pensione dopo più di 6000 voli, ma di recuperare tutto il materiale possibile per produrre tutta una serie di cimeli aeronautici e oggetti da collezione destinati alla vendita, nei prossimi mesi, per una causa benefica. E siamo certi che la corsa per conquistare un pezzo di storia aeronautica sarà dura e spietata, e forse anche costosa per chi punterà ad esempio all’intero bar del velivolo!

Emirates ha così firmato un contratto con Falcon Aircraft Recycling con sede negli Emirati Arabi Uniti per un’iniziativa pionieristica, per la quale il suo primo aereo Airbus A380 in pensione sarà riciclato, riducendo drasticamente l’impatto ambientale del processo di smantellamento e riducendo drasticamente le discariche sciupare. Le estese attività di recupero e riutilizzo dei materiali saranno interamente condotte negli Emirati Arabi Uniti, la base di partenza della compagnia aerea, riducendo ulteriormente l’impatto ambientale del progetto.

Sempre più spesso, gli aerei in pensione vengono trasportati in località remote e lasciati a languire dopo essere stati smontati per riutilizzarne alcune parti. I tradizionali progetti di recupero e riciclaggio si concentrano sul recupero solo dei componenti redditizi, lasciando così una parte sostanziale dell’aeromobile e dei materiali che finiscono in discarica o rimangono inutilizzati a tempo indeterminato per anni. Inoltre, molti equipaggiamenti per aeromobili possono essere difficili da riciclare o smaltire, ad esempio tessuti ignifughi e materiali compositi.

Sir Tim Clark, presidente della compagnia aerea Emirates, ha dichiarato: “Siamo lieti di collaborare con Falcon Aircraft Recycling in questo progetto unico nel suo genere. Il fatto che tutte le attività di riciclo saranno pienamente eseguite negli Emirati Arabi Uniti simboleggia il forte ecosistema dell’aviazione e delle capacità che la nazione ha costruito nella sua breve storia. Attraverso questa iniziativa, i nostri clienti e fan potranno portare a casa un pezzo di storia dell’aviazione, salvando materiali preziosi dalla discarica e contribuendo a una causa di beneficenza attraverso la Emirates Airline Foundation. È una soluzione di pensionamento elegante e adatta per questo iconico aereo e nostra ammiraglia”.

Andrew Tonks, direttore di Falcon Aircraft Recycling, ha dichiarato: “Questo è il nostro progetto più ambizioso fino ad oggi che vedrà il primo smontaggio di un A380 al di fuori dell’Europa. Circa 190 tonnellate di vari metalli, plastiche, compositi in fibra di carbonio e altri materiali verranno rimosse dall’aereo e destinate al riciclaggio o riutilizzo tramite il nostro programma di upcycling con Wings Craft. Il programma di recupero sarà sviluppato completamente all’interno degli Emirati Arabi Uniti e assicurerà che la maggior parte dell’aeromobile troverà una seconda vita. Siamo orgogliosi di aver vinto questo contratto che sottolinea la fiducia di Emirates nelle capacità di livello mondiale disponibili qui negli Emirati Arabi Uniti. I nostri team sono attualmente impegnati con la ripartizione e i concetti finali per il primo lotto di articoli unici riciclati. Non vediamo l’ora di svelare presto maggiori informazioni sugli articoli al dettaglio“.

Dopo aver completato la sua ultima missione commerciale, il velivolo Airbus A380 matricola A6-EDA, il primo A380 mai consegnato a Emirates, è stato ritirato dal servizio e portato all’Engineering Center della compagnia aerea, dove gli ingegneri di Emirates hanno recuperato componenti utili come motori, carrelli di atterraggio e componenti di controllo del volo. L’aereo è stato quindi cancellato dalla registrazione e consegnato al team Falcon Aircraft Recycling per iniziare il processo accurato di smantellamento dell’aereo.

In collaborazione con Wings Craft, un’altra azienda con sede negli Emirati Arabi Uniti specializzata nella produzione di mobili e articoli personalizzati con materiali aeronautici, Falcon Aircraft Recycling progetterà e produrrà oggetti da collezione e articoli al dettaglio unici con i materiali e le parti rimossi dall’aereo. Questi articoli saranno lanciati per la vendita in fasi nei prossimi mesi. Una parte dei profitti derivanti dalla vendita di tutti gli articoli riciclati e riciclati dal primo A380 di Emirates in pensione andrà a beneficio della Emirates Airline Foundation.

Il primo A380 di Emirates, precedentemente operativo come A6-EDA, è stato ritirato dopo un illustre record di servizio.

Ecco alcuni dei punti salienti del suo servizio:

  • Consegnato dallo stabilimento di Amburgo di Airbus il: 28 luglio 2008
  • Primo volo commerciale: Dubai-New York JFK il 01 agosto 2008
  • Ultimo volo commerciale: Singapore-Dubai il 08 marzo 2020
  • Numero totale di voli: 6.319
  • Aeroporti visitati: 62
Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto