E' online il nostro nuovo canale Telegram aggiornato giornalmente con immagini, video, notizie da tutto il mondo dell'aviazione militare e commerciale. Iscriviti oggi cliccando qui, siamo già in tanti!
Operazioni militari

Guerra in Ucraina: Washington potrebbe fornire droni Reaper, elicotteri Mi-17 Hip ed artiglieria pesante a Kiev? E i Mig-29?

L’amministrazione Biden sarebbe pronta ad espandere notevolmente il trasferimento delle armi verso l’Ucraina, hanno detto martedì funzionari statunitensi. Il nuovo pacchetto di aiuti potrebbe valere circa 800 milioni di dollari. La Casa Bianca ha detto che mentre la Russia si prepara ad intensificare il suo attacco nella regione del Donbass, gli Stati Uniti continueranno a fornire all’Ucraina le capacità per difendersi.

I piani preliminari che circolano tra funzionari governativi e legislatori a Washington includevano anche undici elicotteri Mi-17 Hip destinati inizialmente all’Afghanistan, artiglieria pesante, droni per la difesa costiera e tute protettive per salvaguardare il personale in caso di attacco chimico, biologico o nucleare, avevano affermato i funzionari a Washington, sebbene abbiano avvertito che non è ancora chiaro se tutti questi elementi sarebbero finiti nel pacchetto di aiuti finale.

Il portavoce del Pentagono John Kirby ha rifiutato di commentare ma, come pubblicato dal Washington Post, un altro funzionario della difesa statunitense avrebbe affermato che gli elicotteri di fabbricazione russa non sarebbero stati più inclusi. La CNN aveva dapprima confermato la loro rimozione dall’elenco di assistenza, anche se Biden aveva affermato nella sua dichiarazione che sarebbero stati inclusi. L’Ucraina aveva inizialmente chiesto all’ultimo minuto alla Casa Bianca di non inviare gli elicotteri, indicando che volevano più tempo per valutare se sarebbero stati utili. Ma durante la telefonata di mercoledì, Zelensky ha detto a Biden che il suo paese aveva bisogno di queste macchine, quindi sarebbero stati rimessi nel pacchetto. Quindi alla fine non sappiamo molto di questi elicotteri Mi-17 Hip.

Questa potenziale nuova consegna si aggiunge agli oltre 2,4 miliardi di dollari di assistenza alla sicurezza che gli Stati Uniti stanno fornendo all’Ucraina da quando il presidente Biden è entrato in carica lo scorso anno, inclusi 1,7 miliardi di dollari di aiuti forniti da quando la Russia ha lanciato l’invasione il 24 febbraio scorso. Biden ha confermato che “… come ho assicurato al presidente Zelensky, il popolo americano continuerà a stare con il coraggioso popolo ucraino nella sua lotta per la libertà.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e la sua amministrazione hanno chiesto armi più sofisticate per contrastare i vantaggi tecnologici dell’esercito russo. L’esercito ucraino ha sfidato le aspettative iniziali e ha organizzato una feroce resistenza, avendo già evitato un sanguinoso assalto durato settimane alla capitale, Kiev, che mirava a rovesciare l’amministrazione di Zelensky. Di conseguenza, la Russia ha spostato i suoi obiettivi, consolidando il suo assalto alle città chiave del sud e dell’est del paese.

Il ministro della Difesa ucraino Oleksii Reznikov ha parlato martedì con il segretario alla Difesa Lloyd Austin, ha detto Kirby ai giornalisti durante una conferenza stampa al Pentagono. Reznikov ha scritto su Twitter all’inizio di questa settimana che l’Ucraina sta cercando ulteriori velivoli senza pilota, sistemi di difesa aerea, artiglieria, veicoli corazzati, aerei da combattimento e missili antinave.

Alcune delle armi previste nel prossimo pacchetto sono nuove per le truppe ucraine e richiederanno l’addestramento del personale prima di poter essere utilizzate in combattimento. Un alto funzionario della difesa degli Stati Uniti, parlando a condizione di anonimato secondo le regole di base stabilite dal Pentagono, ha detto ai giornalisti martedì che l’amministrazione Biden è disposta a farlo se questo soddisferà i bisogni specifici dell’Ucraina.

I funzionari ucraini hanno anche iniziato a incontrare alcune aziende statunitensi del comparto della difesa per vedere in quale altro modo potrebbero essere in grado di migliorare le difese di Kiev. In questo contesto l’Ambasciatrice ucraina negli Stati Uniti, Oksana Markarova, ha incontrato la scorsa settimana i rappresentanti della General Atomics, il produttore dei famosi droni Predator e Reaper, ha affermato C. Mark Brinkley, portavoce dell’azienda che ha detto che la società sta attualmente esplorando le opzioni per supportare l’Ucraina, cosa che però richiederebbe comunque l’approvazione del governo degli Stati Uniti.

Abbiamo aerei disponibili ora per il trasferimento immediato“, ha detto Brinkley. “Con il supporto del governo degli Stati Uniti, questi aerei potrebbero essere nelle mani dei piloti militari ucraini nel giro di pochi giorni“. Un tale trasferimento, ha affermato Brinkley, amplierebbe la capacità dell’Ucraina di condurre la sorveglianza aerea del campo di battaglia e fornirebbe capacità di attacco altamente letali non offerte da velivoli senza pilota più piccoli. I piloti ucraini che hanno già familiarità con le operazioni con i droni non comincerebbero da zero nell’addestrarsi a pilotarli, ha aggiunto Brinkley.

L’Ambasciatrice Markarova ha detto che “… insieme al nostro team, abbiamo discusso con General Atomics le prospettive di aumentare la capacità delle forze armate ucraine e l’attuale situazione in Ucraina“, ma si è rifiutata di specificare che tipo di aeromobile avrebbe richiesto alla General Atomics, dicendo che l’Ucraina preferirebbe “sorprendere la Russia sul campo di battaglia”. La General Atomics fornisce alle forze armate americane l’MQ-1 Predator, l’MQ-9 Reaper e MQ-1C il Grey Eagle, droni ampiamente utilizzati dagli Stati Uniti in Iraq e Afghanistan.

Mig-29 Fulcrum

Naturalmente non possiamo scrivere di armamenti all’Ucraina senza parlare ancora una volta dei famigerati velivoli da combattimento MiG-29. Le notizie su questi aerei si rincorrono praticamente tutti i giorni smentendosi una con l’altra di continuo. Ad oggi è la Slovacchia ad aver dato conferma della sua disponibilità alla cessione dei suoi MiG-29 a Kiev, con gli Stati Uniti che non avrebbero fatto obiezioni al riguardo.

Ciò avviene dopo che un precedente piano per fornire i MiG-29 polacchi all’aeronautica ucraina era fallito dopo che le autorità negli Stati Uniti avevano affermato che non avrebbero facilitato la consegna dei caccia attraverso una base americana in Germania. Gli Stati Uniti “non si oppongono” a nessun paese, inclusa la Slovacchia, che invii aerei da combattimento ad ala fissa in Ucraina, aveva detto ai giornalisti un alto funzionario della difesa statunitense.

Il Pentagono aveva affermato che questa era la posizione del governo degli Stati Uniti a marzo in relazione al  trasferimento di MiG-29 polacchi all’aviazione militare ucraina. Tuttavia, le autorità americane avevano affermato di non essere interessate a svolgere un ruolo diretto nella consegna dei jet polacchi, apparentemente a causa delle preoccupazioni che l’invio di jet da combattimento in Ucraina avrebbe potuto creare un’escalation particolarmente grave delle tensioni con la Russia e per la convinzione che le forze armate ucraine potessero fare un uso migliore di ulteriori sistemi di difesa aerea a terra invece che di aerei.

Ora il governo slovacco afferma che avrebbe bisogno di alcune garanzie di sicurezza prima che possa avvenire un tale trasferimento e rimangono ancora dubbi sulla rapidità con cui l’aviazione militare ucraina potrebbe ottenere questi MiG-29 e l’efficacia che potrebbero avere nei combattimenti. Come già notato, ci sono preoccupazioni su quanto velocemente l’aviazione militare ucraina sarebbe in grado di assorbire qualsiasi nuovo jet da combattimento nelle sue flotte e supportarle per un periodo prolungato. Nel corso dei combattimenti, le forze russe hanno colpito due importanti strutture di riparazione dell’aviazione militare in Ucraina, causando danni significativi a entrambe.

Allo stesso tempo, però l’aviazione ucraina ha una notevole esperienza con la piattaforma MiG-29 e finora ha dimostrato la sua capacità di farli volare. Attualmente avrebbe anche più piloti che jet, il che mitigherebbe le preoccupazioni sulla necessità di addestrare altri aviatori. Potrebbe non essere necessario che i piloti ucraini si addestrino ad utilizzare tutte le funzionalità installate sui Fulcrum slovacchi che non sono presenti negli esemplari ucraini prima di metterli in combattimento, anche se probabilmente sarebbe comunque necessaria una minima formazione supplementare.

Il primo ministro slovacco Eduard Heger che aveva lanciato l’idea di inviare i MiG-29 del suo paese in Ucraina, ha però detto che sarebbero necessarie alcune garanzie di sicurezza prima di perseguire tale trasferimento. Sebbene l’aeronautica slovacca sia destinata a ricevere nuovi caccia F-16C/D Viper di fabbricazione statunitense nei prossimi anni, i suoi 12 Fulcrum, che sono stati notevolmente migliorati nel corso degli anni, sono gli unici aerei da combattimento ad ala fissa attualmente in servizio servizio nel paese.

Per concludere ricordiamo anche che l’esercito ucraino ha ricevuto il sistema S-300PMU slovacco dopo che diversi membri della NATO, inclusi gli Stati Uniti, hanno schierato sistemi missilistici terra-aria Patriot in Slovacchia per compensare la conseguente carenza di capacità di difesa aerea e missilistica nel paese. Le forze armate statunitensi, così come altri alleati della NATO, potrebbero offrire di schierare aerei da combattimento per aiutare a proteggere lo spazio aereo della Slovacchia come parte di un nuovo piano per attuare il trasferimento dei MiG-29 di Bratislava a Kiev.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale Telegram.

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto