E' online il nostro nuovo canale Telegram aggiornato giornalmente con immagini, video, notizie da tutto il mondo dell'aviazione militare e commerciale. Iscriviti oggi cliccando qui, siamo già in tanti!
Operazioni militari

Guerra in Ucraina: alto ufficiale americano afferma che i piloti militari ucraini sarebbero al 100% in grado di pilotare aerei da guerra occidentali di quarta generazione

Durante una intervista a Fox News, un alto ufficiale della California Air National Guard ha messo le cose in chiaro, secondo il suo punto di vista, sul tema della capacità dei piloti di caccia ucraini di sfidare nel cielo i velivoli da combattimento russi. I piloti militari ucraini sono “al 100%” in grado di pilotare aerei da guerra occidentali di quarta generazione.

L’aviazione ucraina ha le capacità per pilotare questi tipi di velivoli avanzati“, ha detto il colonnello Rob Swertfager della California ANG. “I piloti ucraini sono fantastici. Ho volato con tutte le forze aeree in Europa, e con tutti i partner regionali … gli ucraini sono sottovalutati. Questo è esattamente il motivo per cui penso che stiano vincendo la guerra perché tutti hanno sottovalutato il fatto che erano migliori di quanto chiunque altro gli desse credito“, ha aggiunto.

Washington ha risposto agli attacchi aerei russi e dell’artiglieria pesante in Ucraina inviando all’ex nazione sovietica diventata democratica miliardi di dollari di equipaggiamenti, ma il Pentagono ha al momento chiuso la porta all’invio di aerei da guerra. I leader delle forze armate più sofisticate del mondo hanno citato le preoccupazioni per l’abilità ucraina e la minaccia di un’escalation della guerra come ragioni principali per aver negato le ripetute richieste di Kiev per moderni aerei da guerra come gli F-16, gli F-15 e gli A-10.

La California Air National Guard ha stretto una partnership di lunga data con l’Ucraina e ha aiutato ad addestrare i suoi militari nell’ambito di un programma statale dagli anni ’90. Swertfager, che ha viaggiato in Ucraina più di 70 volte negli ultimi 20 anni, ha una relazione personale con il personale dell’aviazione militare ucraina e ha detto a Fox News di aver parlato quotidianamente con i suoi colleghi piloti dall’inizio della guerra a febbraio.

Sono il comandante del gruppo operativo del 144th Fighter Wing, l’unità F-15 della California. Uno dei miei compiti è quello di sfidare e valutare la capacità di pilotare aerei da combattimento. La mia valutazione professionale, e l’ho condivisa con i legislatori questa settimana, è che questi ragazzi sono più che in grado di pilotare i nostri aerei al 100 per cento“, ha detto.

Come abbiamo già scritto nelle settimane trascorse, l’accordo per inviare gli F-16 Fightning Falcon americani alla Polonia in cambio della cessione dei loro MiG-29M Fulcrum di era sovietica in Ucraina è stato interrotto da Washington a marzo. Funzionari del Pentagono avevano segnalato la preoccupazione che Mosca avrebbe interpretato questa decisione come un coinvolgimento diretto della NATO nel conflitto e che avrebbe potuto intensificare la guerra anche oltre i confini dell’Ucraina.

Tuttavia, alcuni hanno iniziato a mettere in discussione la linea di ragionamento dell’amministrazione Biden poiché gli alleati degli Stati Uniti e della NATO continuano a inviare armi sofisticate come artiglieria missilistica come l’HIMARS, i Javelins o i missili Stinger. L’US Air Force ha persino progettato un drone, il “Phoenix Ghost”, sviluppato specificamente per le esigenze dell’Ucraina nella sua guerra contro la Russia.

Sono le decisioni politiche prese dalla leadership civile del Pentagono, ma anche in altre parti dell’amministrazione Biden, che in qualche modo vedono alcune piattaforme come provocatorie ma altre no“, aveva detto il senatore repubblicano dell’Alaska Dan Sullivan. “Stiamo inviando missili Stinger e Javelins, quelli stanno eliminando elicotteri, uccidendo comandanti di carri armati. E poi stiamo inviando artiglieria pesante“, ha continuato. “Qual è il confine tra lasciare che si difendano e lasciare che attacchino la Russia?

Sullivan ha ospitato la scorsa settimana un incontro con due piloti di caccia ucraini che sono andati a Washington per illustrare ai politici statunitensi la loro urgente necessità di aerei moderni. “L’aviazione militare russa è ancora molto attiva nell’est e nel sud dell’Ucraina“, ha detto a Fox News un pilota di caccia che risponde con il nickname “Juice”.

Certo, non sono così stupidi come durante le prime settimane di guerra e hanno cambiato tattica, ma sono ancora pericolosi“, ha detto in riferimento agli attacchi aerei della Russia. “Stanno inviando i loro jet d’attacco ed elicotteri a bassa quota attraverso le linee del fronte per attaccare i nostri combattenti in trincea. Dobbiamo reagire, dobbiamo intercettarli. Dobbiamo salvare la vita dei nostri cittadini e delle nostre truppe di terra“, ha aggiunto.

Juice, a cui è stato dato il suo nickname durante l’addestramento con la California Air National Guard nel 2018 ha ribadito che i piloti militari ucraini potrebbero essere addestrati sui moderni aerei americani in un periodo compreso tra tre e sei mesi. Incalzato su questo periodo di addestramento relativamente breve, Swertfager ha detto che avrebbe stimato approssimativamente che un programma di formazione di quattro mesi sarebbe stato sufficiente.

Ho volato con questi ragazzi, più, più volte. E sono piloti professionisti“, ha detto. “Provengono da una dottrina sovietica, che è molto diversa dalla nostra, ma si sono adattati ad una capacità ibrida”. Swertfager ha affermato che l’aviazione militare ucraina non ha integrato completamente le capacità occidentali o della NATO nella loro forza di combattimento, né ha mantenuto esclusivamente le pratiche dell’era sovietica. “Sono da qualche parte nel mezzo. Ed è qui che penso che ottengano molto vantaggio quando combattono i russi“, ha aggiunto. “Potrebbero, data l’opportunità, eccellere“.

Il primo dispiegamento del 144th FW in Ucraina risale al 2011, successivamente nel 2018 l’Ucraina ha ospitato la prima esercitazione multinazionale congiunta, Clear Sky 2018, gestita insieme alle forze armate statunitensi in Europa. L’esercitazione ha coinvolto principalmente l’US Air Force e l’aeronautica militare ucraina, ma anche altre sette nazioni alleate per allineare le forze aeree ucraine agli standard di interoperabilità della NATO.

L’aviazione militare ucraina voleva virare verso la dottrina militare occidentale e l’esercitazione Clear Sky 2018 era stato il punto di partenza, per fornire una prima infarinatura di come l’Occidente si addestra e combatte. Ora dopo questi mesi di guerra tutti sono estremamente colpiti dalle capacità dell’aviazione militare ucraina di fronteggiare la forte aviazione militare russa numericamente superiore, molto probabilmente proprio grazie all’addestramento, anche se basilare, ricevuto dalla California ANG e ai suoi F-15 Eagle.

Seguiteci anche sul nostro canale Telegram.

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto