Il 31 Luglio 2019 personale ed aerei dei due stormi di F-35A della US Air Force basati presso l’aeroporto militare di Hill sono rientrati sulla loro base aerea nello Utah a conclusione dei loro rischieramenti operativi durati circa due mesi. Uomini e donne del 388th Fighter Wing e del 419th Fighter Wing con il 421st Fighter Squadron “Black Widows” e il 34th Fighter Squadron “Rude Rams” hanno concluso le loro recenti operazioni aeree e riprenderanno le missioni di volo nei cieli americani.

Il 421st Fighter Squadron è stato integrato per due mesi in un pacchetto europeo di sicurezza, e sono stati basati presso la base aerea di Spangdahlem, in Germania, ed hanno partecipato a diverse esercitazioni di combattimento con nazioni alleate e partner. Il gruppo di volo della US Air Force ha visitato 19 diversi paesi in Europa, e ha partecipato ad importanti esercitazioni in Italia, Polonia, Lituania, Spagna e Norvegia. Le esercitazioni sono state progettate per incrementare ulteriormente le capacità di combattimento dell’F-35A, rafforzare le relazioni con i paesi alleati ed integrarsi nelle operazioni di volo dei paesi europei ed i loro velivoli.

Di particolare importanza per gli F-35A rischierati in Europa è stata la partecipazione all’esercitazione TLP Tactical Leadership Programme 2019-2 presso la base aerea di Albacete in Spagna, la partecipazione alla Astral Knight 2019 ad Aviano, la partecipazione all’esercitazione congiunta nei cieli del sud Italia con gli F-35A dell’Aeronautica Militare e la presentazione alla Swiss Air Force nell’ambito del programma che prevede la sostituzione della loro anziana flotta degli Hornet. L’F-35 è uno dei cinque candidati alla gara svizzera Air2030.

Il 34th Fighter Squadron ha operato per due mesi dalla base aerea di Mountain Home, nell’Idaho, mentre la pista principale di Hill era chiusa per importanti manutenzioni. Questa è stata la maggiore operazione off-station per gli F-35A di sempre. Mentre rischierati a Mountain Home gli F-35A hanno volato fianco a fianco con i locali F-15E Strike Eagles durante l’addestramento giornliero e l’esercitazione congiunta “Gunfighter Flag”.

Circa una dozzina di caccia di quinta generazione stealth del 34th FS rimarranno a Mountain Home fino alla fine di agosto per partecipare alle valutazioni al combattimento Combat Archer e Combat Hammer.

Il 4th Fighter Squadron “Fightin’ Fuujins” rimane invece ancora schierato sulla base aerea di Al Dahfra, negli Emirati Arabi Uniti, a sostegno delle operazioni aeree dello U.S. Central Command. Ha partecipato ad una importante esercitazione congiunta, la Tri-Lightning, con gli F-35B della Royal Air Force e gli F-35I della Israeli Air Force.

Inoltre appena rientrato a casa il 388th FW ha stabilito un record di velocità per aver portato in volo un nuovo F-35A appena consegnato la scorsa settimana, volando missione a meno di cinque ore dall’accettazione della consegna del suo 68° F-35A Lightning II. Il velivolo in questione, il 5261, ha lasciato lo stabilimento di Lockheed Martin di Fort Worth in Texas poco dopo le 8 del mattino del 1 agosto 2019 ed è atterrato sull Hill AFB alle 10 e alle 15 è decollato nuovamente per la sua prima missione di addestramento al combattimento. In teoria, ciò significa che gli F-35A potrebbero essere schierati direttamente in combattimento a partire dalla fabbrica se un conflitto su larga scala dovesse portare a tale necessità.

Il 388th FW e il 419th FW sono le prime unità di F-35A con capacità di combattimento della US Air Force. I primi F-35A operativi sono arrivati ​​a Hill nell’ottobre 2015. Il 388th FW e il 419th FW della US Air Force Reserve volano e utilizzazano il caccia in una partnership di Total Force, che sfrutta le forze di entrambi gli stormi. Entro la fine del 2019 la base aerea di Hill dovrebbe avere in carico 78 F-35A.

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi