USAF C-17 Globemaster
C-17 Globemaster III (@ Master Sgt. Matt Hecht / 108th Wing/Public Affairs)

La flotta dei C-17 Globemaster raggiunge 4 milioni di ore di volo

Dopo quasi 30 anni di volo e migliaia di missioni di combattimento e umanitarie in tutto il mondo la flotta dei velivoli da trasporto C-17 Globemaster III ha raggiunto quattro milioni di ore di volo il 15 gennaio 2021 durante una missione del 437th Airlift Wing della base aerea di Charleston con un equipaggio composto da un equipaggio formato da personale in servizio attivo, della guardia nazionale e della riserva.

Questa è una pietra miliare significativa per il programma“, ha affermato il Colonnello Scott Ekstrom, Air Force Life Cycle Management Center C-17 System Program Manager, responsabile della modernizzazione e del supporto della flotta C-17. “È davvero una testimonianza della dedizione e del duro lavoro che è stato necessario per produrre e mantenere la flotta C-17 operativa ed efficiente nel corso degli anni. È stato uno sforzo di squadra, tutti coloro che hanno supportato la flotta C-17 dovrebbero essere orgogliosi di questo traguardo“.

Soprannominato “Alce” per il muggito che emette durante il rifornimento a terra, il C-17 è un aereo flessibile in grado di eseguire missioni tattiche di trasporto aereo e di aviolancio e trasporto rapido di truppe e merci in qualsiasi parte del mondo. In preparazione per l’obiettivo, il C-17 Program Office ha indetto un concorso per progettare e selezionare una patch non ufficiale per l’aereo e onorare le persone responsabili del suo successo. Kevin Torres, un capo sezione e ingegnere avionico in ufficio ha presentato il progetto della patch vincente.

Al centro della patch, c’è l’illustrazione della vista frontale dell’aereo e dei due anni sui lati; 1991 e 2021, che rappresentano rispettivamente l’anno del primo volo e l’anno delle quattro milioni di ore di volo.  “Abbiamo bisogno del C-17 ogni giorno“, ha detto Torres. “Questa piattaforma ha soddisfatto un’esigenza durante questa pandemia come nessun’altra piattaforma; fornitura attrezzature mediche e trasporto di pazienti infetti da Coronavirus“.

Composta da 275 aerei statunitensi e alleati, la flotta dovrebbe volare oltre il 2070. “Il C-17 è una piattaforma robusta e solida che può entrare e uscire dalle piste di atterraggio con carichi significativi meglio di qualsiasi aereo da trasporto là fuori“, ha detto Ekstrom. “Stiamo vedendo che l’aereo può volare più a lungo del suo progetto iniziale, ma non senza aggiornamenti e ammodernamenti“.

Alcuni degli sforzi di modernizzazione in corso includono la sostituzione dell’Heads-Up Display del pilota e l’aggiornamento delle capacità di comunicazione radio e satellitare. Grazie alla sua versatilità, il C-17 continua ad aggiungere ulteriori capacità di missione supportando le forze armate americane.

L’aeronautica militare statunitense ha una forte legame con gli otto partner stranieri che gestiscono 53 aerei C-17 Globemaster. Attraverso l’ufficio del programma C-17, l’USAF e i suoi partner sostengono e supportano le operazioni della flotta C-17 in tutto il mondo attraverso un unico accordo simbiotico di “flotta virtuale”. La flotta virtuale non solo rende il C-17 accessibile a tutti i partner, ma aumenta anche la disponibilità di aeromobili di ogni paese.

Il C-17 fornisce a tutti gli operatori capacità di trasporto aereo strategico che consente loro di fornire un supporto che non era possibile in precedenza. Un esempio recente è la risposta ai soccorsi dopo l’esplosione di Beirut nell’agosto 2020 da parte più paesi che utilizzano il C-17 per fornire aiuti umanitari immediati. Con la capacità di volare su lunghe distanze e di utilizzare aeroporti austeri, o piste semi preparate, più partner hanno risposto con aiuti umanitari in poche ore. Il C-17 Globemaster III è utilizzato dagli Stati Uniti, dalla NATO, dagli Emirati Arabi Uniti, dal Qatar, dall’India, dal Regno Unito, dal Kuwait, dal Canada e dall’Australia.

Il C-17 è stata la piattaforma globale scelta per affrontare le sfide del 2020. È molto appropriato che l’intera comunità del C-17 possa celebrare questo importante traguardo all’inizio del 2021“, ha affermato Ekstrom.