X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


FCAS: sulla strada del primo volo con l’assegnazione del contratto per la fase 1B del valore di 3,2 miliardi di euro

@ Airbus Defence & Space

Dopo l’accordo raggiunto tra i produttori il 1 dicembre, la Direzione Generale Francese per gli Armamenti (DGA) ha annunciato lo scorso 15 dicembre di aver assegnato a Dassault Aviation, Airbus, Indra ed Eumet (una joint venture tra Safran Aircraft Engines e MTU Aero Engines) e ai loro partner industriali il contratto per il Dimostratore Fase 1B del Future Combat Air System (FCAS). Questo contratto storico, del valore di 3,2 miliardi di euro, coprirà i lavori sul dimostratore FCAS e sui suoi componenti per circa tre anni e mezzo. Queste attività saranno contrassegnate in particolare dal primo volo del caccia dimostrativo di nuova generazione.

Dassault Aviation, Airbus, Indra ed Eumet hanno accolto con favore questo importante passo avanti che riflette la determinazione di Francia, Germania e Spagna nello sviluppare un sistema d’arma potente, innovativo e completamente europeo per soddisfare le esigenze operative delle forze armate dei tre paesi.

Questa notifica del contratto segue la firma degli accordi industriali a sostegno del dimostratore Phase 1B da parte di Airbus, Dassault Aviation, Indra ed Eumet come prime contractor del programma e dai loro partner industriali. Le discussioni avvenute negli ultimi mesi hanno consentito di creare una solida base di cooperazione tra l’industria e i tre governi.

Ciò continua il successo del lavoro e delle attività di sviluppo dei dimostratori della Fase 1A, che hanno consentito l’identificazione delle tecnologie chiave e il lancio degli sviluppi dei dimostratori. Aprendo la strada alla fase di sviluppo del programma, questa fase dimostrativa 1B consentirà la continuazione dei dimostratori con lo sviluppo e la maturazione delle tecnologie all’avanguardia richieste, nonché il consolidamento delle architetture del progetto, con dimostrazioni in volo mirate nelle fasi successive entro il 2028- 2029.

Il programma è composto da un insieme di sistemi: New Generation Fighters che collaborano con Remote Carriers “‘loyal wingmen” e sono collegati in rete attraverso un Air Combat Cloud. Al fine di soddisfare le ambizioni e le sfide di tale programma, è stata istituita un’organizzazione industriale adatta ed efficiente, costruita attorno ai famosi sette pilastri tecnologici. Ogni pilastro è sotto la guida di un’industria che agisce come prime contractor, lavorando in stretta collaborazione con i suoi principali partner e sfruttando gli ecosistemi industriali aeronautici di ogni nazione.

Oltre al loro ruolo di primo piano per i pilastri, Airbus, Dassault Aviation e Indra agiscono come coordinatori nazionali per garantire la coerenza complessiva dei dimostratori, la direzione e il consolidamento del lavoro del programma generale.

La governance industriale della Fase 1B è organizzata come segue:

  • Coerenza, dimostrazioni e consolidamento di NGWS con Airbus, Dassault Aviation e Indra Sistemas come partner co-contraenti.
  • New Generation Fighter (NGF), con Dassault Aviation per la Francia come appaltatore principale e Airbus come partner principale per Germania e Spagna.
  • NGF Engine con la Joint Venture 50/50 Eumet, tra Safran Aircraft Engines per la Francia e MTU Aero Engines per la Germania, come prime contractor e ITP Aero per la Spagna come main partner.
  • Sistemi senza pilota, Remote Carrier (RC) con Airbus per la Germania come prime contractor, MBDA per la Francia e Satnus per la Spagna come partner principali.
  • Combat Cloud (CC) con Airbus per la Germania come prime contractor, Thales per la Francia e Indra Sistemas per la Spagna come partner principali.
  • Simulazione con Airbus, Dassault Aviation e Indra Sistemas come partner co-contraenti.
  • Sensori con Indra Sistemas come partner principale per la Spagna e Thales per la Francia e FCMS per la Germania come partner principali.
  • Enhanced Low Observability (stealth) con Airbus come appaltatore principale per la Spagna, Dassault Aviation per la Francia e Airbus per la Germania come partner principali.
  • Ambiente di lavoro comune con Airbus, Dassault Aviation, Indra Sistemas e Eumet come partner co-contraenti.

I partner industriali hanno ringraziato le tre nazioni europee per la fiducia e ribadiscono il fermo impegno e la totale mobilitazione per fare di questo programma il braccio armato dell’autonomia strategica dell’Europa grazie al rafforzamento della sovranità operativa, tecnologica e industriale della sua difesa. Il progetto FCAS consentirà alle forze armate francesi, tedesche e spagnole di rispondere nella terza dimensione alle minacce dal 2040+.

Siamo sicuri che lanciare insieme la Fase 1B sia l’approccio migliore per noi“, ha affermato, di tutte le parti coinvolte, Bruno Fichefeux, responsabile del programma FCAS di Airbus “Abbiamo 16 aziende leader e un ecosistema alle spalle che lavora nei tre paesi. I programmi per la prossima generazione di aerei da combattimento stanno andando avanti negli Stati Uniti e nel Regno Unito, e dobbiamo tenere il passo”, osserva. “Pensiamo di essere molto avanti, perché c’è un impegno finanziario significativo da parte delle nazioni per finanziare questo programma per i prossimi otto anni. Esiste già un quadro, un’ambizione e un budget per la Fase 2, di cui stiamo discutendo anche con le nazioni“, ha aggiunto.

Le priorità di sviluppo per il Next Generation Fighter trinazionale includeranno il raggiungimento di obiettivi operativi condivisi, oltre ad alcuni specifici requisiti esclusivamente nazionali, in particolare per la necessità della Francia di una futura piattaforma in grado di trasportare armi nucleari e anche di atterrare su una portaerei. Le nazioni partner prevedono che il nuovo caccia entri in servizio operativo intorno al 2040, sostituendo alcuni dei loro attuali velivoli da combattimento quali il Dassault Rafale e l’Eurofighter Typhoon.

Potrebbe anche esserci un’opportunità futura per altre nazioni di poter entrare nel progetto. “È un programma europeo. Una volta che entrerà in pieno sviluppo potrebbe essere interessante per altre nazioni, oltre alle tre, entrare nel programma, probabilmente in Europa per cominciare“, afferma l’Amministratore Delegato di Airbus Defence & Space Michael Schoellhorn.

Immagini: Airbus Defence & Space

Categorie: News Militari
Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto