Il programma Future Combat Air System (FCAS) è essenziale per il rinnovo dell’aviazione da combattimento in Francia, Germania e Spagna entro il 2040 (data di fine servizio per Rafale ed Eurofighter Typhoon). È inoltre essenziale preservare l’autonomia strategica, tecnologica e industriale e della difesa dell’Europa e dominare i cieli dei futuri scenari di combattimento.

E’ questo il tema di uno studio elaborato in Francia e denomitato “2040 l’Odissea del FCAS”, e depositato presso il Senato francese il 15 luglio 2020, che affronta lo sviluppo e la costruzione di un sistema di combattimento aereo di nuova generazione che consentirà alle tre nazioni del consorzio di disporre della migliore tecnologia ed affrontare così tutte le minacce nei prossimi decenni.

A giugno del 2019 una importante tappa del programma fu mostrata attraverso la presentazione al pubblico dei modelli New Generation Fighter (NGF) e Remote Carriers (RC), nel giorno dell’inaugurazione del Salone dell’Aviazione di Le Bourget, mentre a febbraio 2020 i governi di Francia e Germania avevano assegnato a Dassault Aviation, Airbus e ai loro partner, MTU Aero Engines, Safran, MBDA e Thales, il contratto quadro iniziale (Fase 1A) che avvia la fase dimostrativa per il sistema di combattimento aereo del futuro (Future Combat Air System – FCAS).

Questo contratto quadro copre un primo periodo di 18 mesi e avvia i lavori per lo sviluppo dei dimostratori e di tecnologie all’avanguardia, con l’ambizione di iniziare i test di volo nel 2026. Dall’inizio del 2019, i partner industriali hanno lavorato sulla futura architettura del sistema nell’ambito del Joint Concept Study (JCS). Oggi, il programma FCAS entra in un’altra decisiva fase con l’avvio della fase dimostrativa.

Tornando allo studio depositato al Senato francese, alla fine del suo lavoro, il team che ha elaborato lo studio ha identificato quattro sfide principali per il programma europeo FCAS:

  • raggiungere un nuovo traguardo sullo sviluppo all’inizio del 2021:
  • rendere il programma irreversibile e affrontare le sfide del periodo 2040-2080 (probabile durata di vita del FCAS);
  • rendere la cooperazione industriale il più efficiente possibile evitando le insidie incontrate da alcuni dei precedenti programmi di cooperazione;
  • tenere conto dell’aspetto europeo e dell’esistenza di un programma concorrente (il Tempest anch’esso in corso di sviluppo dagli inglesi insieme ad Italia e Svezia).

Per ciascuno di questi punti, lo studio presenta proposte concrete che riportiamo di seguito. Tutto lo studio completo è disponibile al link riportato in alto sul nome dello studio.

Rendere irreversibile il programma FCAS entro la metà del 2021

Il FCAS è essenziale e strutturerà i prossimi decenni. L’attuale impegno finanziario, con un contratto iniziale di 65 milioni di euro per lo studio del concept congiunto e un secondo contratto di 155 milioni di euro per la fase 1A per lo sviluppo del dimostratore, rimane ancora troppo limitato per impedire qualsiasi ritorno. I negoziati, che hanno portato agli accordi franco-tedeschi sulla prima fase del programma sono stati laboriosi. La vigilanza è necessaria per assicurarsi che il programma non incontri un blocco definitivo o un troppo
significativo ritardo.

In questo contesto, i prossimi dodici mesi, a partire dal luglio 2020, saranno cruciali per trovarne un nuovo accordo, in particolare sul tema della proprietà industriale e sul pilastro “stealth” e accelerare l’attuazione del programma.

Proposta 1: dare la priorità alla firma di un accordo quadro generale all’inizio del 2021 per continuare a sviluppare il dimostratore FCAS fino al 2025/2026 piuttosto di una successione di contratti che richiedono ripetute approvazioni politiche.
Proposta 2: migliorare la comprensione reciproca tra i tre partner; identificare e pubblicare una “strategia comune di difesa industriale” che includa a calendario provvisorio dei progetti comuni.
Proposta 3: incoraggiare i tre partner ad accelerare il programma FCAS inserendolo nei piani di stimolo economico post-coronavirus. Piano per il programma da completare entro il 2040.
Proposta 4: Invitare i partner tedeschi a firmare un accordo con la Spagna per quanto riguarda le esportazioni di armi simile a quello firmato con la Francia.

fondi FCAS europeo

Sviluppare la tecnologia necessaria per rendere il FCAS veramente rivoluzionario del 2040

L’FCAS deve sostituire gli attuali sistemi di combattimento aereo (Rafale ed Eurofighter) entro il 2040 e rimarrà in servizio almeno fino al 2080 e, forse, oltre. La velocità con cui la tecnologia evolve, in termini non solo di combattimento aereo, ma anche di intelligenza artificiale, scambi di dati, cloud, guerra elettronica, missili ipersonici, nonché gli sforzi compiuti dagli avversari e dagli alleati per sviluppare sistemi sempre più efficaci, ci impone di guardare oltre il 2040. L’obiettivo è quello di evitare di sviluppare un sistema di combattimento che sarà obsoleto non appena commissionato. Inoltre va considerato anche l’aspetto etico e legale dell’intelligenza artificiale presa in considerazione nell’ambito del programma.

Proposta 5: Considerare l’intelligenza artificiale come un “pilastro trasversale” del FCAS che deve essere sviluppato con il più ampio campo di applicazione possibile.
Proposta 6: Rendere il pilastro “cloud da combattimento” una priorità tanto quanto l’aereo e il motore. Iniziare immediatamente a preparare l’integrazione del cloud da combattimento FCAS con lo Scorpion Command Information System (CIS).
Proposta 7: effettuare gli investimenti necessari per attrezzare il dimostratore previsto per il 2026 con il motore M88 (il motore del Rafale) o una nuova versione di esso.
Proposta 8: cercare le migliori prestazioni possibili già dall’inizio del programma di sviluppo FCAS.

pilastri FCAS europeo

Per una cooperazione industriale equilibrata ed efficace

L’esperienza di alcuni programmi di cooperazione in materia di difesa internazionale come l’Airbus A400M ha portato all’implementazione di un’organizzazione industriale altamente strutturata per il futuro FCAS. Questo sistema è così organizzato attorno a sette pilastri: l’aereo, il motore, i droni remoti, il cloud da combattimento, la simulazione e, presto, furtività e sensori. Un appaltatore principale è stato indicato per ciascuno di questi pilastri ed è stato nominato come partner principale.

Mentre la Francia può contare su una industria di difesa di prim’ordine, che ha già dimostrato il suo know-how nei principali settori interessati dal programma, la posizione dei subappaltatori non deve essere trascurata per mantenere un equilibrio industriale globale. È anche necessario risolvere la questione della proprietà industriale secondo i principi fondamentali già approvati dall’accordo franco-tedesco del dicembre 2019.

Proposta 9: sostenere il principio del “miglior atleta” (colui che ha dimostrato competenza è l’appaltatore principale) per tutta la durata del programma FCAS, per evitare gli errori del programma A400M, assicurando che le aziende della difesa medio-piccole francesi possano partecipare al programma.
Proposta 10: rafforzare la posizione della Spagna sul pilastro “sensori”.
Proposta 11: proteggere il background dei produttori in termini di proprietà intellettuale, facendo un uso equilibrato delle tecnologie che emergeranno durante lo sviluppo, garantendo che ciascuno dei paesi partecipanti possa mantenere o fare modifiche al FCAS dopo la sua messa in servizio e garantire un’adeguata protezione delle innovazioni.
Proposta 12: integrare ONERA nel programma FCAS a un livello equo dato il suo eminente esperienza nell’aviazione da combattimento. Incoraggiare i produttori a fare affidamento su ONERA per il subappalto.

FCAS combat drones

Dare al programma FCAS una dimensione europea

Mentre il programma FCAS è attualmente un progetto francese, tedesco e spagnolo, le opportunità di trovare sinergie con gli strumenti di difesa europei nonché l’obiettivo dell’esportazione deve portare a considerare di ampliare la cooperazione quando sarà il momento giusto. Inoltre, sarebbe imprudente non prendere in considerazione il programma Tempest.

Proposta 13: lavorare per estendere il programma FCAS a nuovi paesi europei in fasi future (post 2026). Occorrerà quindi sviluppare sinergie con gli strumenti di difesa europei (EDIDP, PESCO, EDF), in particolare al fine dell’attuazione di standard europei di interoperabilità.
Proposta 14: prendere in considerazione l’esistenza simultanea del Tempest come concorrente del FCAS. La coesistenza dei due programmi rende più difficile la realizzazione della base tecnologica ed industriale per la difesa europea (EDTIB – Development of a European Defence Technology and Industrial Base).

L’architettura del FCAS europeo: un sistema di sistemi

Nel 2040, le minacce si saranno evolute molto. I sistemi di difesa aerea attualmente in espansione con l’esportazione dei sistemi russi (S400 e successivi), diventeranno sempre più diffusi. La furtività degli aerei sarà generalizzata e il nemico utilizzerà sistematicamente risorse di difesa informatica e cibernetica, sciami di droni e missili ad alta velocità. L’integrazione di difese terrestri, marine, aeree, spaziali e capacità cyber sarà essa stessa molto più sviluppata. Pertanto, la posta in gioco per la futura aviazione da combattimento sarà quella di essere in grado di stabilire e mantenere la superiorità aerea per poter agire nella terza dimensione, su terra e su mare.

Lo sviluppo di FCAS richiede quindi un cambio di paradigma. Le minacce dovranno essere combattute e risolte da un FCAS pensato e costruito come un sistema per condurre un “combattimento collaborativo”. Pertanto, l’FCAS dovrà includere diversi componenti disposti su vari livelli/cerchi.

Il primo livello/cerchio quello più interno è l’NGWS (next generation weapon system – sistema d’arma di nuova generazione) che comprende:

  • un aereo da combattimento (previsto in questa fase), l’NGF (Next Generation Fighter), in grado di portare a termine missioni di intercettazione e difesa aria-aria, nonché missioni di dissuasione. Pertanto, sembra necessario mantenere come base un aereo pilotato, in particolare nei casi in cui la decisione di intervenire includerà un aspetto politico significativo. Inoltre, i sistemi non pilotati sono più esposti a disturbi o alla distruzione del loro collegamento dati a lungo raggio (satellite).
  • i Remote Carriers che possono pesare da un chilogrammo a una tonnellata; macchine senza pilota con capacità di saturazione (invio di sciami di droni per saturare le difese nemiche), di intelligence (prima e durante la missione) o con capacità per colpire obiettivi altamente difesi. Alcuni di essi potranno essere recuperati direttamente sul campo di battaglia o sulla base aerea di partenza; altri saranno materiali di consumo simili alle munizioni. Saranno dotati di capacità autonome (intelligenza artificiale) per affrontare le minacce che potrebbero incontrare prima degli aerei da combattimento.

Dassault Aviation and Airbus Next Generation Fighter FCAS

Remote Carriers: strumenti versatili per il combattimento del futuro

Esistono molte possibili applicazioni per questi vettori remoti, che possono pesare da pochi chilogrammi a diverse tonnellate: penetrare nelle difese nemiche saturandole, ingannare gli aerei nemici, svolgere missioni di guerra elettronica (jamming), designare obiettivi per altri velivoli, effettuare missioni di ricognizione, effettuare missioni di attacco, ecc.

In particolare, MBDA sta esaminando la tipologia di vettori remoti più piccoli, che sarebbero come “materiali di consumo”, cioè non sarebbero recuperabili. Possono essere dotati di una carica esplosiva in modo che possano essere distrutti in caso di smarrimento, in modo che il nemico non tragga vantaggio dalla loro tecnologia. Anche questi piccoli vettori remoti dovranno essere poco costosi in quanto dovranno essere utilizzati in gran numero.

Airbus sta lavorando su vettori remoti più grandi, potenzialmente del peso di diverse tonnellate, che sarebbero lanciati da aerei di grandi dimensioni come ad esempio l’A400M. Potrebbero essere recuperati a terra o in volo mentre alcuni potrebbero essere dotati di carrello di atterraggio. Accompagnando gli aerei con equipaggio, assolveranno alla funzione di “Loyal Wingman” in grado di svolgere operazioni di combattimento, difendere gli aerei da combattimento pilotati e raccogliere informazioni. Tutto all’interno di una “nuvola da combattimento aereo – Air Combat Cloud” che avrà la funzione di collegare tutte le piattaforme per consentire il concetto di “combattimento collaborativo”.

Il secondo livello/cerchio includerà, per la Francia, versioni future di Rafale, per la Germania e la Spagna, versioni future di Eurofighter e/o Super Hornet, insieme a satelliti, aerei per il rifornimento in volo, aerei radar, unità navali della marina, risorse delle forze alleate, ecc.

Tutti gli elementi che compongono i due livelli/cerchi dovranno essere in grado di dialogare tra loro costantemente in modo da costituire una squadra diretta dai piloti degli aerei da combattimento. Pertanto, l’interoperabilità, la connessione e il dialogo tra le piattaforme all’interno della “Air Combat Cloud – nuvola di combattimento aereo” saranno essenziali.

Le capacità militari risiederanno meno nella prestazione unitaria dei suoi singoli componenti (piattaforme, sensori, vettori) e più nel modo in cui saranno combinati. In particolare, questo sistema potrebbe decidere quale piattaforma attaccherà (drone, missile) e quale piattaforma rimarrà indietro in base alla minaccia o all’evoluzione della situazione.

In ogni caso, le future formazioni di attacco dovrebbero comprendere meno aerei da combattimento rispetto a quelli attuali, numeri invece forniti dai vari vettori remoti il ​​cui attrito è più accettabile poiché saranno senza equipaggio e potenzialmente più economici, presi singolarmente, di un aereo da combattimento tradizionale.

Fonte e immagini: Senato della Repubblica Francese; Airbus

Print Friendly, PDF & Email
 

Rispondi