I caccia stealth di quinta generazione F-35B Lightning II britannici sono passati al livello successivo di addestramento dopo che i piloti hanno completato la loro qualifica sulla portaerei HMS Queen Elizabeth II sia di giorno che di notte. I velivoli del 617 Squadron, ‘The Dambusters’ e del VMFA-211 del Corpo dei Marines degli Stati Uniti, hanno trascorso tre giorni d’esercitazione, sganciando bombe ad alto esplosivo Paveway IV da 500 libbre in una zona dedicata al largo della costa del Regno Unito.

L’addestramento ha dimostrato la capacità dell’HMS Queen Elizabeth di gestire pacchetti di missioni d’attacco di F-35 dalla preparazione delle armi fino all’esecuzione degli attacchi. Il Capitano James Blackmore, Commander Air Group, ha dichiarato: “ Lavorare con armi vere britanniche e americane è una nuova esperienza per la Royal Navy ed è il passo successivo sulla strada verso la piena capacità operativa. Tutti hanno bisogno di consolidare le capacità mentre ci avviciniamo al primo schieramento operativo dell’HMS Queen Elizabeth il prossimo anno, poiché da quel momento in poi dovremo essere pronti a farlo davvero.

La portaerei inglese HMS Queen Elizabeth è attualmente alla guida di un Carrier Strike Group di nove navi con 15 velivoli da combattimento e 11 elicotteri. È il numero più alto di caccia imbarcati sulla portaerei da 65.000 tonnellate.

Il comandante Mark Sparrow della Royal Navy, comandante dello squadrone 617, ha dichiarato: “La prima settimana di GroupEx ha stabilito la linea di base per le operazioni dalla portaerei. Questo è stato un trampolino di lancio per la fase successiva, che consisteva nel caricare armi vere sull’aereo, cosa che non avevamo fatto prima dall’HMS Queen Elizabeth. È stata un’opportunità per testare tutti i sistemi all’interno della nave e dello squadrone, dal caricamento delle armi fino al rilascio delle stesse sul bersaglio. È un risultato fantastico ed estremamente vantaggioso per i piloti junior, sia della Royal Navy che della RAF, per costruire la fiducia di poter volare dalla portaerei, fare rifornimento, colpire il bersaglio e poi tornare e rientrare, tutto in un intenso programma di volo.

F-35B Royal Navy inglese

L’addestramento live con gli armamenti arriva quando la HMS Queen Elizabeth ha dimostrato di potersi difendere dalle minacce aeree mentre si esercitava con gli Hawks della Royal Navy del 736 Naval Air Squadron, lo squadrone “aggressor” della Royal Navy. I jet della RNAS Culdrose hanno preso parte all’addestramento con le unità navali della NATO, con i Typhoon della RAF e con i caccia stealth Lightning. Il 736 NAS viene utilizzato per testare la risposta agli aerei ostili o ai missili in arrivo.

Questo addestramento fa parte dell’annuale esercitazione multinazionale Joint Warrior, che si svolge questo mese di ottobre 2020 al largo della costa orientale della Scozia. I jet del 736 NAS verniciati di nero operano dalla RAF Leeming nello Yorkshire prima di spostarsi all’aeroporto internazionale di Aberdeen per l’inizio della Joint Warrior che vede impegnati più di 6.000 soldati, 81 mezzi aerei, 28 navi e 130 truppe di terra di 11 nazioni unite per migliorare la loro capacità di rispondere alle minacce emergenti.

F-35B Royal Navy inglese

Il tenente comandante Jason Flintham, comandante del 736 NAS, ha dichiarato: “Il nostro ruolo è essere il nemico, i cattivi se vuoi. Non è facile, ma cerchiamo di essere il più difficili possibile e spingiamo le capacità del nostro personale a rispondere a una minaccia aerea ad alta velocità. In una situazione, il 736 Squadron ha fornito quattro Hawks come parte di una minaccia aerea di 11 aerei contro 11 Typhoon della RAF. Con 22 aerei in volo che combattevano in questa particolare missione, è stato super eccitante essere coinvolti e richiede molta concentrazione e abilità ai miei piloti di marina. Queste esercitazioni su larga scala sono fondamentali per l’operatività del Carrier Strike Group del Regno Unito e lo Squadrone 736 è in prima linea nella preparazione delle nostre unità navali per future operazioni in tutto il mondo.

Photo Credits: UK MOD © Crown copyright 2020 / Belinda Alker

Print Friendly, PDF & Email
 

Rispondi