us air force F-22 raptor
@ U.S. Air Force photo by Master Sgt. Daniel Heaton

Gli F-22 Raptors americani del 1st Fighter Wing si schierano negli Emirati Arabi Uniti

I velivoli da combattimento F-22A Raptors del 27th Fighter Squadron con sede nella Joint Base Langley-Eustis in Virginia sono arrivati ​​alla base aerea di Al Dhafra, negli Emirati Arabi Uniti, il 12 febbraio scorso come parte di una dimostrazione di sostegno degli Stati Uniti dopo che una serie di attacchi per tutto il mese di gennaio hanno minacciato le forze armate statunitensi ed emiratine di stanza presso  gli Emirati Arabi.

Il Segretario alla Difesa statunitense, Lloyd  J. Austin III, ha ordinato il rapido dispiegamento dei velivoli di quinta generazione in coordinamento con il principe ereditario di Abu Dhabi Mohammed Bin Zayed Al Nahyan degli Emirati Arabi Uniti. Gli aerei parteciperanno ad una serie di esercitazioni di combattimento aereo congiunte con i partners della coalizione ed alleati con sede in tutta la regione.

Austin ha preso l’impegno sulla scia dell’escalation degli attacchi di droni e missili contro gli Emirati Arabi Uniti lanciati dai ribelli Houthi dello Yemen sostenuti dall’Iran. Molti degli attacchi missilistici Houthi hanno preso di mira specificamente Al Dhafra, uccidendo diverse persone e costringendo le truppe americane a rifugiarsi nei bunker. Gli americani hanno risposto con il lancio di missili Patriot. Ma con gli F-22, le forze militari nella regione avranno una maggiore consapevolezza della situazione.

Le capacità senza precedenti dell’F-22 in una varietà di missioni, così come la sua capacità di interagire con le forze congiunte, della coalizione, alleate e partner lo rendono ideale per servire nella regione del Medio Oriente durante questo periodo critico“, ha affermato il tenente Gen. Greg Guillot, comandante della 9th AF (AFCENT). “La presenza dei Raptors rafforzerà le già forti difese della nazione partner e avviserà le forze nemiche che gli Stati Uniti e i nostri partner sono impegnati a consentire la pace e la stabilità nella regione“.

Gli aviatori e gli F-22 sono schierati dal 1st Fighter Wing, situato presso la Joint Base Langley-Eustis, in Virginia. “Grazie al supporto vitale del 192d Wing e del 633rd Air Base Wingg, siamo stati in grado di far decollare i caccia del 27th Fighter Squadron con un breve preavviso. I nostri Raptor sono velivoli moderni ed altamente capaci, gestiti dai migliori aviatori, e portano una potenza aerea decisiva ovunque vadano”, ha affermato il colonnello William Creeden, comandante del 1st Fighter Wing che ha aggiunto che “… il Raptor è il caccia aria-aria da superiorità aerea più potente al mondo. Tuttavia, il suo vantaggio fondamentale risiede esclusivamente negli aviatori che lo pilotano, lo riparano, lo armano, lo sostengono e lo abilitano al combattimento.”

L’ultimo dispiegamento del Raptor nella regione era stato da giugno 2019 a febbraio 2020. Il Dipartimento della Difesa ha anche inviato il cacciatorpediniere missilistico guidato della US Navy USS Cole per collaborare con la Marina degli Emirati Arabi Uniti. L’unità navale americana fornirà informazioni di allerta precoce e collaborerà alla difesa aerea. Nel complesso, le azioni servono come un chiaro segnale che gli Stati Uniti sono partner strategico degli Emirati Arabi Uniti.