E' online il nostro nuovo canale Telegram aggiornato giornalmente con immagini, video, notizie da tutto il mondo dell'aviazione militare e commerciale. Iscriviti oggi cliccando qui, siamo già in tanti!
Esercitazioni

Esercitazione NATO sui cieli della Romania con i velivoli di sette nazioni alleate

Sette forze aeree di tutta l’Alleanza Atlantica si sono unite con i loro aerei e sistemi di difesa terrestri per un evento di addestramento nello spazio aereo rumeno per condurre esercitazioni combinate aria-terra coordinate che dimostrano interoperabilità e preparazione.

Il 28 luglio, l’Allied Air Command ha condotto un’operazione dinamica a lungo raggio sopra la Romania controllata dal Combined Air Operations Center di Torrejón, dal Centro di controllo e segnalazione rumeno e da un aereo Awacs francese. Agli F-16 rumeni si sono uniti i jet francesi Rafale e tedeschi Tornado, schierati dalle rispettive basi di partenza e gli aerei da combattimento E/A-18 della Marina degli Stati Uniti provenienti dal gruppo d’attacco della portaerei statunitense USS Harry S. Truman che attualmente naviga nel Mare Adriatico. La formazione ha simulato scontri con i caccia F-16 belgi, con gli F-18 spagnoli e il sistema di difesa aerea terrestre francese SAMP/T.

Questa attività di vigilanza potenziata consente alle forze di affrontare un ampio spettro di minacce, da tattiche a strategiche, provenienti da molte direzioni“, ha affermato il Tenente Colonnello Raphael, che fa parte del team di pianificazione dell’attività presso l’Allied Air Command della NATO. “Le risorse aeree partecipanti hanno simulato come degradare il sistema aereo e di difesa integrato di un avversario al fine di consentire le operazioni successive e la libertà di manovra richiesta per le operazioni difensive nella NATO e nello spazio aereo internazionale“.

Riunire sette alleati per un evento di addestramento così complesso sottolinea la capacità della NATO di concentrare le capacità delle componenti aeree, marittime e terrestri multinazionali nello stesso luogo e allo stesso tempo e di garantire che queste abbiano la capacità e l’interoperabilità per rispondere nel caso in cui l’Alleanza Atlantica fosse minacciata“, ha detto Raphael.

L’evento è culminato in un sorvolo degli aerei partecipanti sulla base aerea di Mihail Kogalniceanu vicino a Constanṭa, in Romania, dimostrando le capacità avanzate di potenza aerea multinazionale della NATO. Secondo il comando aereo della NATO l’attività è stata conforme alle leggi e agli standard internazionali e non era una risposta agli attuali sviluppi geopolitici, ma inserita nelle attività di vigilanza dell’Alleanza volte a proteggere il fianco orientale e rassicurare gli alleati della NATO nella regione.

Quello che abbiamo eseguito oggi è in realtà qualcosa che faremo più frequentemente per preparare le nostre forze aeree ad operare in un ambiente conteso“, ha riassunto il Tenente Colonnello Raphael. “La prontezza costante delle forze assegnate alla NATO consente una risposta capace e credibile ad una potenziale aggressione sullo sfondo dell’accresciuta tensione in seguito all’invasione russa dell’Ucraina. Continuando l’addestramento quotidiano, la deterrenza e l’integrazione e le esercitazioni della difesa, la NATO dimostra la duratura posizione difensiva di un combattimento credibile, l’interoperabilità alleata e la capacità congiunta pronte a garantire l’integrità territoriale“, ha concluso Raphael.

Seguiteci anche sul nostro canale Telegram.

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto