f16 americani di aviano a rivolto
Copyright: U.S. Air Force photo by Staff Sgt. Valerie Halbert

Esercitazione Agile Combat Employment a Rivolto con gli F-16 americani del 31st Fighter Wing di Aviano

Gli F-16 Fighting Falcon della US Air Force assegnati al 31st Fighter Wing, della base aerea di Aviano, hanno partecipato ad un’esercitazione di tipo ACE – Agile Combat Employment il 16 dicembre 2020, presso la base aerea di Rivolto. Gli F-16 del 555th Fighter Squadron hanno svolto attività di supporto aereo ravvicinato e il personale del 31st Maintenance Group e del 31st Civil Engineer Squadron hanno lavorato con le loro controparti dell’aeronautica militare italiana per la prima volta per supportare e rifornire i velivoli americani a terra.

È con grande prestigio e profondo orgoglio, non solo per me, ma per tutti gli uomini e le donne del 2° Stormo [dell’aeronautica italiana] ospitare le risorse dell’aeronautica militare americana e il personale altamente specializzato qui all’aeroporto di Rivolto“, ha detto l’italiano Col. Marco Bertoli dell’aeronautica militare, comandante del 2° Stormo presso la Base Aerea di Rivolto.

Due F-16 Fighting Falcons del 31° FW sono atterrati a Rivolto per l’addestramento, e gli aviatori statunitensi si sono incontrati con il personale dell’aeronautica militare italiana per conoscere e discutere le capacità del velivolo.

L’addestramento con i nostri alleati e le nazioni partner è importante per mantenere i nostri jet sempre pronti al combattimento“, ha detto il Capitano dell’USAF Vincent Torpy, pilota di F-16 del 555th FS. “Questa tipologia di esercitazioni dimostra che abbiamo la capacità di svolgere queste funzioni da soli, ma tutto è più efficiente ed efficace con il supporto dei nostri alleati. I nostri aviatori sono stati in grado di addestrare e affinare le loro capacità operative e tattiche mentre familiarizzavano le nostre procedure di terra e di rifornimento con le nostre controparti italiane“.

L’esercitazione è stata progettata per testare il rapido dispiegamento e la manovrabilità di aeromobili e aviatori, consentendo operazioni più veloci al di fuori delle basi dell’US Air Force in Europa, mentre la funzione secondaria è stata quella di rafforzare la partnership con gli alleati della NATO, assicurando l’interoperabilità e la coesione in tutta l’area. Realizzare queste connessioni interpersonali rafforza il nostro impegno nei confronti della NATO e aumenta la nostra interoperabilità, ha spiegato Torpy.

Ora conosciamo le nostre controparti a un livello più personale ed è più facile stabilire questi collegamenti con loro in futuro. Questi sono passaggi fondamentali per acquisire competenze fondamentali che ci porteranno a raggiungere i nostri obiettivi generali in futuro“, ha continuato Torpy.

Queste esercitazioni ACE assicurano alle forze americane in Europa la capacità di proteggere e difendere i partner, gli alleati e gli interessi degli Stati Uniti in maniera molto rapida e generare potenza di combattimento reale in caso di fallimento della deterrenza.

Ringrazio la componente americana per questa opportunità, che si è rivelata molto importante per aumentare il livello di addestramento del nostro personale dell’aeronautica militare italiana“, ha detto Bertoli. “Questo addestramento è fondamentale per mantenere adeguati standard operativi e di sicurezza del volo, non solo a livello nazionale ma anche internazionale, come richiesto dalla NATO“.