Il GE Catalyst™, il turboelica di GE Aviation progettato e sviluppato ex-novo in Europa grazie al contributo di 6 Stati tra i quali l’Italia e con tecnologie interamente europee, è pronto a tagliare un altro importante traguardo della propria fase di sviluppo. È previsto infatti entro la primavera 2020 il primo volo del turbopropulsore concepito per soddisfare le esigenze sia del mercato civile che di quello militare, con particolare riferimento a velivoli a pilotaggio remoto (UAV), Trainers e Light Transport.

Il motore, concepito anche grazie all’ampio contributo dell’ingegneria di Avio Aero, si distingue nella sua classe di riferimento (1100 – 1300 cavalli) per prestazioni, sistemi e componenti inediti. Di grande rilevanza è anche il suo carattere europeo che, oltre a consentire di beneficiare dell’indipendenza europea e della crescita tecnologica delle nostre industrie, offre un altro fondamentale vantaggio competitivo: l’indipendenza rispetto al regime ITAR (International Traffic in Arms Regulations). Il propulsore infatti non è soggetto al controllo governativo americano e la variante militare del Catalyst sarà soggetta solo al regime di esportazione italiano.

“Il Catalyst è un caso di scuola relativo a un progetto paneuropeo con tecnologie e prestazioni allo stato dell’arte, nel quale l’Italia ha un ruolo da protagonista grazie al know-how progettuale e produttivo di Avio Aero  ha affermato Paolo Salvetti, Sales Director Military Catalyst di Avio Aero Il propulsore ha superato in termini di prestazioni e affidabilità le più rosee aspettative e, con il primo volo entro la primavera, arriva a un ottimo stadio del proprio percorso di sviluppo. Siamo sicuri che potrà costituire per molti anni a venire un’eccellente risposta alle richieste sempre più sfidanti di utilizzatori sia civili che militari in un’ampia gamma di utilizzi.”

Il Catalyst è il primo motore della sua categoria a disporre del sistema FADEC (Full Authority Digital Engine Control) che controlla non solo il motore ma anche l’elica, consentendo l’ottimizzazione delle prestazioni a tutti i regimi di volo con una diminuzione dei consumi di circa il 15-20% rispetto alla media. Questo accade attraverso un singolo punto di controllo, per un’esperienza di pilotaggio simile a quella di un jet, in cui il pilota agisce attraverso un’unica leva per controllare la spinta del sistema propulsivo. Una caratteristica di grande importanza per i velivoli a pilotaggio remoto perché il FADEC semplifica notevolmente l’integrazione con l’avionica di bordo. 

Tra le altre caratteristiche inedite per la classe del Catalyst vi sono i due stadi di compressione a geometria variabile e le pale della turbina ad alta pressione raffreddate, elementi che garantiscono un migliore rendimento, una risposta più pronta ai comandi e un’elevata affidabilità; inoltre il turboprop incorpora parti sviluppate in additive manufacturing negli stabilimenti italiani di Avio Aero, tecnologia che permette di risparmiare peso e di aumentare così le performance in maniera sostenibile.  Il propulsore vanta inoltre: un rapporto di compressione di 16:1, il più alto nella sua categoria, garanzia di un elevato rendimento termico e quindi di prestazioni più elevate con consumi contenuti e 98 tecnologie brevettate, a dimostrazione di un progetto all’avanguardia dal punto di vista dell’innovazione.

Un passo importante in vista del primo volo e di una veloce entrata in servizio del Catalyst è l’integrazione, avviata il 23 gennaio scorso da Avio Aero nel suo stabilimento di Brindisi, con l’elica tedesca MT Propeller per le applicazioni militari che, grazie ad una particolare struttura che unisce legno, metallo e materiali compositi permette un range di riduzione del peso tra l’8 e il 20% e di rumore e vibrazioni dal 30 fino al 50%. rispetto alle altre eliche presenti sul mercato. L’integrazione in fase di sviluppo a Brindisi consentirà di ridurre notevolmente tempi e rischi sulle future applicazioni velivolo e permetterà di offrire ai futuri utilizzatori militari una soluzione pre-integrata motore-elica già testata e ottimizzata anche grazie al contributo del sistema FADEC.

motore GE Catalyst Avio Aero

Il Catalyst che ha accumulato oltre 1.300 ore di test con oltre 850 avviamenti, ha già superato nel maggio 2019 i test in quota fino a 41 mila piedi (12.496 m), ha inoltre completato nell’ottobre 2019 il primo test di certificazione e concluderà l’intero processo certificativo entro l’autunno del 2021.

Nei test il Catalyst ha dimostrato, grazie alle proprie caratteristiche tecnologiche, un’eccellente capacità di fornire maggior potenza e prestazioni ottimizzate in quota anche grazie a un’architettura a ridotta sezione frontale che consente una sensibile riduzione della resistenza aerodinamica e quindi consumi più contenuti, un incremento del 10% del carico utile e oltre 2 ore in più rispetto al tempo di permanenza in volo caratteristico di una tipica missione UAV.

Informazioni su Avio Aero

Avio Aero è un business di GE Aviation che opera nella progettazione, produzione e manutenzione di componenti e sistemi per l’aeronautica civile e militare. Oggi l’azienda mette a disposizione dei suoi clienti innovative soluzioni tecnologiche per rispondere velocemente ai continui cambiamenti richiesti dal mercato: additive manufacturing, rapid prototyping ma anche tecnologie dedicate alla produzione di trasmissioni, turbine e combustori.  La sede principale dell’azienda è a Rivalta di Torino, dove c’è anche il più grande insediamento produttivo, e altri importanti stabilimenti sono a Brindisi e Pomigliano d’Arco (Napoli) per un totale di oltre 5.200 dipendenti impiegati in Italia mentre, all’estero, ha uno stabilimento produttivo in Polonia che conta oltre 600 dipendenti. Attraverso continui investimenti in ricerca e sviluppo e grazie a una consolidata rete di relazioni con le principali Università e centri di ricerca internazionali, Avio Aero ha sviluppato un’eccellenza tecnologica e manifatturiera riconosciuta a livello globale: un traguardo testimoniato dalle partnership siglate con i principali operatori mondiali del settore aeronautico.

Fonte e immagini: Avio Aero

Print Friendly, PDF & Email
 

A proposito dell'autore

Dalla redazione di Aviation Report

Post correlati

Rispondi