Il 12 novembre 2020 è stato ufficialmente avviato il progetto ECHO, European Concept for Higher airspace Operations, progetto SESAR 2020 della durata di 2 anni che mira a consentire operazioni sicure ed efficienti al di sopra dei livelli di volo in cui opera il traffico aereo convenzionale. L’ENAC è tra i membri del team di progetto insieme a Airbus UTM (Airbus Operations SL), CIRA, Dassault Aviation, il DLR, DSNA, ENAV, EuroControl, ONERA e Thales Alenia Space.

ECHO è un progetto di due anni, che fornirà un’analisi completa della domanda e un concetto di operazioni per uno spazio aereo più ampio, con l’obiettivo di consentire operazioni sicure, efficienti e scalabili al di sopra dei livelli di volo in cui opera il traffico aereo convenzionale.

Nuovi utenti e nuove operazioni di volo stanno emergendo sempre più nello spazio aereo più alto. Esiste un’ampia varietà di velivoli, che vanno dai palloni senza pilota fino ai dirigibili e agli aerei solari in grado di volare persistentemente, noti collettivamente come sistemi di piattaforma ad alta quota (HAPS) e ancora dagli aerei supersonici e ipersonici ai velivoli trans-atmosferici e suborbitali. Anche le operazioni spaziali commerciali e statali transitano attraverso lo spazio aereo più alto per lanci e rientri.

“Le operazioni nello spazio aereo superiore rappresentano un’opportunità unica di innovazione e il progetto ECHO contribuirà a liberare il grande potenziale di questa nuova frontiera del volo. Sono lieto di essere incaricato del coordinamento del consorzio ECHO, che comprende l’industria, le organizzazioni, gli istituti e i centri di ricerca europei leader del settore che si occupano di operazioni nello spazio aereo superiore”, ha detto Henk Hof responsabile del progetto ECHO di Eurocontrol.

Finanziato nell’ambito di Orizzonte 2020, il lavoro di ECHO sulla futura definizione di un concetto europeo di operazioni per uno spazio aereo più ampio confluirà nel quadro globale dell’ICAO, garantendo un approccio globale armonizzato per le operazioni in uno spazio aereo più ampio. Costituirà inoltre la base e il punto di partenza per lo sviluppo del futuro quadro normativo per le operazioni europee nello spazio aereo più alto da parte dell’Agenzia dell’Unione Europea per la Sicurezza Aerea (EASA).

 

Rispondi