Un HH-60W Jolly Green II, il nuovo elicottero da ricerca e salvataggio in combattimento dell’aeronautica americana ha completato, il 2 aprile scorso, un test di un mese in climi estremi all’interno del McKinley Climatic Lab. L’elicottero di test della Sikorsky ha resistito a temperature reali che vanno da 120 gradi a meno 60 gradi Fahrenheit accopiati a forti piogge fino a 45 mph. Tutti questi scenari sono stati creati all’interno della camera di test del laboratorio di 55.000 piedi quadrati.

L’obiettivo di questi test era dimostrare la sostenibilità e l’operatività del nuovo velivolo in qualsiasi ambiente operativo. “Il funzionamento dell’HH-60W in condizioni estreme è stata un’esperienza davvero unica come pilota e collaudatore“, ha dichiarato il Lt. Col. Ryan Coates, pilota del 88th Test and Evaluation Squadron, che ha anche eseguito la maggior parte dei test. “Il controllo delle prestazioni del sistema sotto lo stress di caldo, freddo, vento forte e pioggia ci fornirà dati reali sulla capacità dell’elicottero di eseguire le missioni di salvataggio in tutto il mondo in vari ambienti, che è esattamente ciò di cui abbiamo bisogno per prendere solide decisioni operative.

Una volta che i tecnici di laboratorio hanno creato ambienti estremi, l’equipaggio nell’elicottero ha eseguito varie procedure di prova. L’equipaggio ha eseguito le liste di controllo di preflight ed attività per vedere se le condizioni estreme potevano influire su uno dei sistemi avionici, elettronici, del motore e di altri componenti dell’elicottero.

L’equipaggio che eseguiva le procedure era anch’esso oggetto di test. Le loro reazioni e movimenti sono stati valutati negli ambienti difficili. Ad esempio, l’equipaggiamento per la stagione fredda indossato dall’equipaggio è molto più voluminoso di una tuta di volo standard. Una delle valutazioni è stata quella di garantire che i piloti potessero facilmente raggiungere tutti i controlli dell’aeromobile con l’equipaggiamento e la tuta più rigida per il freddo.

Una parte significativa del programma di test è stato dedicato alla preparazione della camera per la simulazione delle condizioni estreme. Gli operatori del laboratorio di McKinley hanno la capacità di creare, analizzare ogni nuovo ambiente di test richiesto. I tecnici hanno lavorato continuamente per passare da una condizione desertica surriscaldata di 100 gradi a una ghiacciaia sotto lo zero in soli tre giorni.

Il McKinley Climatic Laboratory ha la rapidità e la competenza tecnica tramite il nostro personale di saldatori, macchinisti, elettricisti, esperti di strumentazione, personale addetto ai test e operatori di refrigerazione di grande esperienza“, ha affermato William Higdon, consulente tecnico del laboratorio. “La nostra missione principale è supportare le forze armate e assicurare qualsiasi ambiente incontrino sul campo; la loro attrezzatura è già stata provata in questi test estremi.

Il Jolly Green II ha creato alcune sfide uniche per il personale del McKinley Lab. I tecnici di laboratorio hanno creato un sistema specifico per l’HH-60W per rimuovere lo scarico dell’aeromobile. La rimozione completa dei gas di scarico è una parte fondamentale del mantenimento delle condizioni di temperatura controllata necessarie per i test delle camere, secondo i tecnici di laboratorio che lavorano al test. La progettazione del sistema di ventilazione ha comportato la rimozione delle pale dell’aeromobile per tutta la durata delle prove. Tra le altre cose il team di fabbricazione interno ha anche appositamente progettato le staffe per le armi dell’elicottero.

Dopo i test nel laboratorio climatico, l’HH-60W tornerà alla struttura di test di Sikorsky a West Palm Beach per ulteriori valutazioni. Il programma di test di sviluppo HH-60W è un lavoro congiunto tra Sikorsky, il 413th FLTS, l’88th TES e l’Air Force Operational Test and Evaluation Center. Gli elicotteri di test sono principalmente suddivisi tra Duke Field e la struttura di Sikorsky a West Palm Beach.

Sikorsky HH-60W Combat Rescue Helicopter

Il programma della US Air Force richiede 113 elicotteri per sostituire gli HH-60G Pave Hawk, che è attualmente utilizzato per operazioni di ricerca e salvataggio in combattimento in scenari critici e per operazioni di recupero del personale militare statunitense.

L’elicottero per il Combat Rescue HH-60W è significativamente più capace e affidabile rispetto al suo predecessore, l’HH-60G. L’aeromobile ospita un nuovo sistema di alimentazione che quasi raddoppia la capacità del serbatoio interno di un UH-60M Black Hawk, dando all’equipaggio un maggiore raggio d’azione e più capacità per salvare e recuperare i feriti sul campo di battaglia. Rispetto a quanto attualmente disponibile sull’HH-60G, il nuovo HH-60W dispone di sistemi difensivi più capaci, maggiore riduzione della vulnerabilità, prestazioni maggiori in hovering, maggiori capacità di armamento, avionica migliorata, capacità di cyber-sicurezza e net-centrica.

Per garantire la prontezza della missione, Lockheed Martin fornirà anche un sistema di addestramento personalizzato costituito da simulatori di volo, istruttori procedurali e di manutenzione e materiale didattico di accompagnamento.

Sikorsky, azienda di Lockheed Martin, costruirà 12 ulteriori HH-60W Combat Rescue Helicopters (CRH) a seguito di un secondo contratto di LRIP (Low Rate Initial Production) assegnato dalla US Air Force, noto come Lotto 2, e valutato a oltre 500 milioni di dollari. Il contratto segue una serie di importanti traguardi del programma nel 2019, tra cui il primo volo, una decisione Milestone C da parte della US Air Force e l’aggiudicazione del primo contratto LRIP (Low Rate Initial Production) per 10 velivoli. L’HH-60W è un elicottero completamente nuovo basato sul collaudato Black Hawk UH-60M e personalizzato per la missione di salvataggio in combattimento della US Air Force.

La US Air Force ha anche assegnato il nome proprio al nuovo elicottero – Jolly Green II – in un evento di ospitato da Barbara M. Barrett, Segretaria della US Air Force che si è svolto durante l’annuale Air Force Association (AFA) Air Warfare Symposium. Il nuovo elicottero onora la storia della ricerca e del salvataggio in combattimento dalle missioni in Vietnam – quando gli equipaggi di volo con limitato equipaggiamento hanno effettuato drammatici salvataggi grazie al loro “coraggio e tenacia” fino ad un volo eroico di Jolly 4-1 e Jolly 4-2 per salvare alcuni membri delle forze speciali statunitensi sotto il fuoco in Somalia. Gli altri elicotteri che hanno portato il nome Jolly Green sono stati il Sikorsky HH-3E (Jolly Green) e il Sikorsky HH-53E (Super Jolly Green). Il soprannome deriverebbe dall’impronta a “piedi verdi” che le ruote del carrello di atterraggio degli HH-3E lasciavano nell’erba quando decollavano dopo aver effettuato i soccorsi.

Photo credits: U.S. Air Force photo by Samuel King Jr.

Print Friendly, PDF & Email
 

Rispondi