X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


Il drone per il rifornimento in volo MQ-25 della US Navy ad un passo dalla capacità operativa iniziale

@ US Navy

L’ufficio del programma Unmanned Carrier Aviation (PMA-268) della Marina USA ha condotto il suo primo evento di integrazione di laboratorio dal 28 al 30 giugno a Pax River per dimostrare come la Ground Control Station (GCS) dell’MQ-25 comanderà il velivolo senza pilota nell’ambiente della portaerei. L’MQ-25 sarà il primo velivolo senza pilota operativo basato su portaerei a fornire una capacità di rifornimento aereo alla flotta della US Navy.

Il team governativo e i suoi due principali partner del settore hanno guidato il collaudo al System Test and Integration Lab (STIL) del programma, dove il GCS della Lockheed Martin ha controllato per la prima volta il velivolo Hardware-in-the-Loop (HITL) di Boeing. L’HITL utilizza hardware e software per aeromobili per fornire un surrogato realistico per l’aereo stesso.

Questo è il risultato di settimane di preparazione e dedizione da parte di team altamente qualificati“, ha affermato TJ Maday, responsabile dell’integrazione del MQ-25. “Riunire più sistemi non è mai facile, ma il team congiunto governo/industria, riunitosi per comprendere i problemi e trovare soluzioni ha reso questo evento di successo. Abbiamo imparato come funziona il sistema nel suo insieme e che l’apprendimento e la scoperta precoci sono la chiave per mantenere attivo il programma che va avanti“.

Maday ha detto che la squadra ha fissato l’obiettivo di inviare un comando di base tra il GCS e l’HITL. Per raggiungere tale obiettivo, Boeing e Lockheed Martin avevano bisogno di fornire al governo un software funzionale per gestire la GCS, l’HITL e i componenti di rete che consentissero la connettività tra i sistemi.

Il team ha raggiunto l’obiettivo iniziale prima del previsto e ha utilizzato il tempo rimanente per esercitare più funzionalità come l’invio di comandi per il rullaggio“, ha affermato Maday. “Hanno anche simulato un collegamento perso che è una funzione fondamentale per garantire la connettività di rete tra gli ambienti di sviluppo“. Questo autunno il team prevede di simulare un volo completo utilizzando il velivolo HTIL e dimostrerà anche la commutazione dei “collegamenti” di connessione all’aeromobile, nonché l’aggiunta di altro hardware e software del velivolo nel mix.

L’MD-5 GCS fa parte dell’Unmanned Carrier Aviation Mission Control System (UMCS), il sistema di sistemi richiesto per il comando e il controllo dell’MQ-25A. L’UMCS include anche modifiche all’infrastruttura della portaerei e del sito a terra, apparecchiature ausiliarie prodotte dalla US Navy e integrazione con i sistemi di comando, controllo, comunicazioni, computer e intelligence (C4I).

@ US Navy

Il drone della Boeing  promette di portare nuove capacità al caccia stealth F-35, migliorando la letalità della flotta della Marina Militare degli Stati Uniti contro i suoi grandi avversari. La USS Bush sarà la prima di quattro portaerei della Marina USA che saranno modificati con il sistema UMCS – Unmanned Carrier Aviation Mission Control System necessario per far funzionare il velivolo a pilotaggio remoto MQ-25.

L’MQ-25 Stingray è un velivolo senza equipaggio per il rifornimento in volo sviluppato dalla Boeing. Lo Stingray può quasi raddoppiare il raggio d’azione effettivo dei Carrier Air Wings statunitensi. L’MQ-25 darà, quindi, la possibilità di estendere la portata di un Carrier Air Wing probabilmente di 300 o 400 miglia oltre la distanza massima attuale alla quale si spinge di solito. Per fare un esempio consideriamo che oggi il caccia Boeing F/A-18E/F Super Hornet della US Navy ha un raggio di combattimento di non più di 450 miglia.

Questo è uno dei principali programmi in sviluppo per la US Navy in un momento in cui sia la Cina che la Russia stanno investendo incessantemente in tecnologia missilistica antinave. È proprio questo il problema che lo Stingray è chiamato ad affrontare. Controllato attraverso un sistema di navigazione interconnesso, l’MQ-25 Stingray può fornire fino a quindicimila libbre di carburante a una distanza di poco meno di seicento miglia dalla flotta. La Marina USA sta quindi pianificando affinché tutte le portaerei di classe Ford e Nimitz siano in grado di operare con l’MQ-25.

Migliorando notevolmente il raggio di combattimento dei caccia basati sulle portaerei, l’MQ-25 Stingray consentirà alle flotte di liberare più caccia attualmente impiegati per il rifornimento in volo di tipo buddy-buddy per farli tornare alla loro missione principale e, quindi, di proiettare maggiore potenza a distanze più sicure. Con questa nuova capacità di rifornimento, il jet F-35C potrà sfruttare tutta la sua capacità avanzata di sopravvivenza e tutto il suo potenziale di attacco senza essere limitato dalla sua portaerei.

@ U.S. Navy / MCS 3rd Class Hillary Becke; U.S. Navy / MCS 3rd Class Brandon Roberson

Operazioni offensive che in precedenza sarebbero state considerate troppo rischiose o impraticabili potrebbero finalmente essere fattibili, ampliando notevolmente la portata delle possibilità della Marina USA contro i suoi  avversari più difficili. Queste possibilità includono attacchi ad alto rischio contro infrastrutture e risorse critiche in profondità nel territorio nemico, attacchi contro più bersagli in una singola sortita e una maggiore capacità di adattarsi alle mutevoli circostanze della missione durante il dispiegamento.

Finora, la Marina USA ha ordinato sette velivoli MQ-25, ma intende procurarsi 72 velivoli, e sta mettendo in piedi il Fleet Replacement Squadron per l’addestramento, Unmanned Carrier-Launched Multi Role Squadron VUQ-10, che sarà poi seguito da due squadroni operativi su MQ-25A, il VUQ-11 e il VUQ-12 che schiereranno i distaccamenti presso le portaerei americane.

Seguiteci anche sul nostro canale Telegram.

Categorie: News Militari
Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto