X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


Il drone MQ-4C Triton della US Navy arriva in Italia sulla base aerea di Sigonella

@ US Navy courtesy photo

Il primo drone MQ-4C Triton della US Navy è arrivato sulla Naval Air Station (NAS) di Sigonella, il 30 marzo 2024. L’arrivo dell’MQ-4C nell’area operativa della Sesta Flotta degli Stati Uniti segna il secondo rischieramento avanzato per lo squadrone VUP-19. Quando il programma sarà pienamente operativo saranno previsti un totale di tre distaccamenti. Rischieramenti come questo migliorano l’interoperabilità della Marina americana con gli alleati e i partner della NATO.

L’arrivo del drone MQ-4C Triton, proprio qui a Sigonella, è un’altra pietra miliare nello sviluppo di successo del programma Triton“, ha affermato il Capitano Aaron Shoemaker, comandante di NAS Sigonella. “Siamo orgogliosi di supportare l’Unmanned Patrol Squadron (VUP) 19 mentre si integra con la flotta per espandere i ruoli delle operazioni dei sistemi aerei senza pilota nella nostra regione e oltre”. I Triton con sede a Sigonella saranno ora in grado di aumentare la capacità ISR sopra e intorno all’Europa, all’Africa, al Medio Oriente, fino al Mar Rosso.

L’MQ-4C Triton è il più recente asset di intelligence, sorveglianza e ricognizione marittima della US Navy e aumenta le capacità dell’aereo da pattugliamento marittimo P-8 Poseidon. Per preparare l’arrivo del Triton in Italia, il VUP-19 “Big Red” ha tenuto una cerimonia per celebrare lo schieramento e l’apertura di un nuovo hangar Triton sulla NAS Sigonella, lo scorso 2 marzo.

La Marina USA prevede di istituire un secondo squadrone di questo tipo, il VUP-11, nell’anno fiscale 2026. Anche l’Air Test and Evaluation Squadron 20 (VX-20) basato sulla NAS Patuxent River dispone di un Triton per uso di test e valutazione.

Il VUP-19, con sede in Florida presso la Naval Air Station Jacksonville e la Naval Station Mayport, vanta più di 300 donne e uomini provenienti da varie professionalità dell’aviazione che mantengono e gestiscono il Triton in tutto il mondo. Gli equipaggi di volo raccolgono ed elaborano le informazioni di sorveglianza utilizzando strumenti di fusione dei dati che integrano i dati dei sensori di più velivoli in un quadro completo in rete, per assistere ulteriormente nella costruzione di una rappresentazione accurata delle minacce.

Il VUP-19 ha raggiunto la capacità operativa iniziale nel settembre 2023 durante il suo dispiegamento presso la base aerea di Andersen, Guam. La base aeronavale di Sigonella fornisce supporto operativo, di comando e controllo, amministrativo, logistico e avanzato alle forze statunitensi e ad altre forze della NATO. La posizione strategica dell’installazione consente alle forze statunitensi, alleate e dei paesi partner di schierarsi e rispondere come richiesto, garantendo sicurezza e stabilità in Europa, Africa e nel Comando Centrale.

La base aerea di Sigonella, anche sede del 41° Stormo dell’Aeronautica Militare, è da decenni un punto strategico chiave per le operazioni militari statunitensi con e senza equipaggio in questa aerea geografica. L’MQ-4C della US Navy si unisce agli RQ-4A dell’US Air Force e agli RQ-4D della NATO già presenti sull’aeroporto militare siciliano.

Il drone MQ-4C Triton della US Navy

Costruito per la Marina degli Stati Uniti e la Royal Australian Air Force, il cui primo aereo è stato presentato il 19 settembre 2022, il velivolo multi-intelligence MQ-4C Triton supporta un’ampia gamma di missioni tra cui il pattugliamento marittimo, l’intelligence dei segnali, la ricerca e salvataggio e la ritrasmissione delle comunicazioni. Questi velivoli forniscono ai comandanti una sorveglianza persistente per prevedere il comportamento di un avversario e consentire una migliore pianificazione, migliorando notevolmente le risposte e le operazioni militari congiunte.

Con un’altitudine operativa superiore a 50.000 piedi e una autonomia di 24 ore, il Triton fornisce un relè di comunicazione continuo per mantenere connessa la Marina con le altre forze armate e in tutti i domini operativi, garantendo al tempo stesso che i comandanti operino secondo un quadro operativo comune. I suoi impareggiabili sensori a lungo raggio gli consentono di rilevare, classificare e tracciare obiettivi marittimi ben al di fuori del rilevamento di navi nemiche e missili terra-aria. In una missione di 24 ore, il drone MQ-4C Triton può operare su quattro milioni di miglia nautiche.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp e sul nuovo canale Threads

Categorie: News Militari
Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto