F-35 alla Repubblica Ceca
@ Aviation Report / Andrea Avian

Il Dipartimento di Stato USA autorizza la vendita degli F-35 alla Repubblica Ceca per 5,6 miliardi di dollari

Semaforo verde di Washington per gli F-35 destinati alla Repubblica Ceca. Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha dato il via libera alla vendita degli F-35 alla Repubblica Ceca, nonché munizioni e attrezzature correlate per un accordo del valore di 5,6 miliardi di dollari, secondo un annuncio del 29 giugno.

Lo scorso anno Praga aveva annunciato l’inizio dei negoziati con il governo degli Stati Uniti per una potenziale vendita di 24 velivoli militari F-35 Joint Strike Fighter. In quell’occasione, il governo ceco aveva sottolineato come gli F-35 prodotti dalla Lockheed Martin avessero superato i modelli F-16V Block 70/72, così come l’offerta della svedese Saab, che proponeva sia i Gripen C/D che la loro variante ammodernata Gripen E/F. Come sappiamo attualmente l’aeronautica militare ceca utilizza proprio i Gripen C/D.

Come abbiamo scritto più volte in altre occasioni, come per la Svizzera e la Finlandia, nonostante questa approvazione del Dipartimento di Stato, la notifica non indica la firma di un contratto vero e proprio o la conclusione delle trattative. Oltre ai caccia, l’accordo potenziale include una serie di missili, tra i quali 70 missili aria-aria avanzati a medio raggio AIM-120C-8, bombe, capacità di guerra elettronica, nonché software classificato. L’acquisto comprende anche 25 motori Pratt & Whitney F135-PW-100, secondo la Defense Security Cooperation Agency.

La vendita proposta migliorerà le capacità di difesa della Repubblica Ceca e supporterà le operazioni della NATO per difendersi dalle moderne minacce e mantenere una presenza costante nella regione“, ha affermato il Dipartimento di Stato in una nota. Nel caso in cui la vendita vada a buon fine, la Repubblica Ceca si unirà ad altri nove acquirenti militari stranieri.

I 24 caccia saranno della variante CTOL (Conventional Take Off and Landing), ovvero F-35A. “La nostra decisione di selezionare questa opzione si basa sull’analisi delle forze armate ceche, che afferma chiaramente che solo i caccia di quinta generazione più avanzati saranno in grado di soddisfare i requisiti delle missioni nei futuri campi di battaglia“, aveva dichiarato l’anno scorso il ministro della Difesa ceco Jana Černochová.

La Defense Security Cooperation Agency ha notificato al Congresso questa possibile vendita, afferma il comunicato, aggiungendo che il valore effettivo in dollari potrebbe essere inferiore “a seconda dei requisiti finali, dell’autorità di bilancio e degli accordi di vendita firmati, se e quando conclusi“.