E' online il nostro nuovo canale Telegram aggiornato giornalmente con immagini, video, notizie da tutto il mondo dell'aviazione militare e commerciale. Iscriviti oggi cliccando qui, siamo già in tanti!
Compagnie aeree

Le compagnie aeree discutono con la IATA per superare i problemi, come la carenza di personale, che mettono un freno alla ripresa del settore del trasporto aereo

La scorsa settimana le compagnie aeree, a livello globale, hanno concluso un vertice annuale con l’impegno a superare i problemi operativi, che hanno rallentato la ripresa del settore del trasporto aereo dalla pandemia di COVID-19, come la carenza di personale negli aeroporti.

L’International Air Transport Association (IATA), che comprende quasi 300 compagnie aeree, ha cercato di mettere analizzare l’agitazione per il recente caos aeroportuale e delle vacanze e ha abbozzato i piani per aumentare la capacità mentre il settore cerca di risolvere la carenza di personale a causa del crollo del trasporto aereo durante la pandemia.

Sì, abbiamo delle sfide, ma non è così ovunque“, ha detto il direttore generale della IATA Willie Walsh, aggiungendo che l’industria del trasporto aereo sarà in grado di farsi strada attraverso i problemi recenti poiché la ripresa dei viaggi aerei, oggi più netta del previsto ha colto di sorpresa gli aeroporti e molti pianificatori. Walsh ha suggerito che la carenza di personale può essere gestita e non ha influenzato l’intero settore.

Ci sono alcune compagnie aeree e aeroporti. Non è diffuso in tutto il mondo. Non è in tutti gli aeroporti. Non in tutti i giorni della settimana. Non in tutte le settimane dell’anno“, ha detto Walsh. “Penso che alcune delle compagnie aeree abbiano deciso di adeguare la capacità in futuro per riflettere il fatto che potrebbero non essere in grado di reclutare personale così velocemente”.

Il CEO di Lufthansa Carsten Spohr ha affermato che il problema in Europa è stato esacerbato dalle politiche restrittive sull’immigrazione. “Questo, a mio avviso, è solo l’inizio di un problema strutturale che abbiamo in Europa a causa degli sviluppi demografici“, ha affermato Spohr. “Questo è un qualcosa a cui la politica deve guardare perché ancora una volta non è un problema di aviazione, non è un problema di ristorante, ospitalità oppure di hotel, questo è l’inizio di di un cambiamento del mercato del lavoro per cui è meglio attrezzarsi“.

L’industria aerea prevede di ridurre le perdite quest’anno, ma ha alzato le sue previsioni grazie alla rapida ripresa, esprimendo al contempo preoccupazione per l’aumento dell’inflazione e il conflitto in Ucraina. Le compagnie aeree potrebbero dover adeguare i piani di capacità per far fronte alla carenza di personale, ma non tutti i vettori e non tutti gli aeroporti si trovano ad affrontare il caos visto di recente in Europa, ha ribadito Walsh nella conferenza stampa.

Walsh ha previsto che il settore si farà strada attraverso le attuali sfide in termini di capacità e personale. Tuttavia, ha affermato che le compagnie aeree non saranno in grado di assorbire i forti aumenti dei costi del carburante, invitando le aziende a produrre carburanti per aerei sostenibili. Walsh ha anche promesso che l’industria aeronautica si sarebbe impegnata a raggiungere zero emissioni nette entro il 2050, nonostante il dibattito sulla velocità di sviluppo di combustibili alternativi.

Seguiteci anche sul nostro canale Telegram.

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto