E' online il nostro nuovo canale Telegram aggiornato giornalmente con immagini, video, notizie da tutto il mondo dell'aviazione militare e commerciale. Iscriviti oggi cliccando qui, siamo già in tanti!
News Civili

La compagnia aerea ceca Smartwings torna in Antartide con il suo Boeing 737 MAX

La compagnia aerea ceca Smartwings, lo scorso 11 novembre, è atterrata con uno dei suoi aere Boeing 737 MAX 8 in Antartide. Il velivolo è atterrato al Troll Airfield nella punta settentrionale dell’Antartide. Il volo è stato prenotato dalla compagnia Aircontact per il trasporto di ricercatori dall’Oslo Norsk Polarinstitutt e dell’Alfred Wegener di Brém in Germania.

Atterrare al Troll Airfield, che ha una pista coperta di ghiaccio lunga 3.000 metri e larga 60 metri, richiede un equipaggio particolarmente addestrato. Questo è già il terzo volo che Smartwings effettua in Antartide quest’anno. A gennaio erano diventati la prima compagnia aerea al mondo ad atterrare qui con un 737 MAX.

Il volo QS4196 di Smartwings è partito da Brema per Oslo alle 10:51 del 9 novembre. Il 737 MAX 8 ha poi lasciato Oslo diretto a Praga alle 14:25 dello stesso giorno. L’aereo è partito dalla capitale ceca alle 17:29 per dirigersi a N’Djamena, in Ciad. Il 10 novembre il volo è partito per Città del Capo, in Sud Africa alle 00:41 da dove è ripartito alle 11:28 dell’11 novembre per atterrare alla Troll Research Station poco dopo le 15:00.

Il Troll Airfield si trova a 6,8 km da Troll lungo la Princess Martha Coast, Queen Maud Land. Qui si trova la pista di ghiaccio lunga 3.000 m, che richiede molto lavoro per la manutenzione e che deve essere costantemente monitorata e sistemata per poter essere utilizzata per le operazioni aeree. Anche le condizioni tecniche dell’aeromobile vengono valutate costantemente dal dipartimento tecnico di Smartwings a Praga attraverso un collegamento dati automatizzato.

Il meteo viene attentamente monitorato 5 giorni prima dell’operazione utilizzando le previsioni degli istituti meteorologici tedeschi DWD e AWI con risorse sull’Antartide anche perché non è possibile pianificare alcun aeroporto alternativo al Troll Airfield a causa del fatto che si tratta di un cosiddetto aeroporto isolato, dove non ci sono altre opzioni di atterraggio.

Come gli altri due voli in Antartide l’equipaggio di volo si è sottoposto ad un addestramento speciale per acquisire familiarità con l’area e la pista di atterraggio. Tutti il personale ha seguito l’addestramento Arctic Survival e l’aereo è stato equipaggiato con kit di sopravvivenza Polar che include indumenti polari per l’equipaggio ed inoltre ha trasportato a bordo alcuni pezzi di ricambio critici per un’eventuale manutenzione direttamente sul posto. “È necessario prepararsi a fondo per un simile volo. I preparativi hanno richiesto molti mesi e il volo e l’atterraggio si sono svolti senza intoppi“, aveva detto Tomáš Nevole, capitano e direttore di volo di Smartwings, dopo il volo iniziale di gennaio 2022.

Smartwings segue la compagnia aerea europea Hi Fly nel recente ritorno in Antartide. La compagnia aerea portoghese è atterrata in Antartide, con il suo Airbus A340 per trasportare scienziati, rifornimenti e visitatori, per la seconda volta sulla la scia del primo volo dell’A340 di Hi Fly per l’Antartide nel novembre dello scorso anno. Entrambi i voli sono atterrati sulla pista Wolf’s Fang Runway (WFR) nella Queen Maud Land, in Antartide. La pista del WFR è scolpita nel ghiaccio glaciale blu che ha uno spessore di circa 1,4 chilometri, una lunghezza di 2.500 metri e una larghezza di 60 metri).

Immagini: Smartwings

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto