X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


Come l’F-35 cambia la mentalità dei piloti e migliora le capacità di difesa e sicurezza collettiva

@ Aviation Report / Edoardo Govoni

In occasione della manifestazione aerea organizzata per il Centenario dell’Aeronautica Militare sulla base aerea di Pratica di Mare, Lockheed Martin ha organizzato una conferenza stampa con due giovani piloti, il Capitano “Betty”, del 6° Stormo di Ghedi e la statunitense Monessa “Siren” Balzhiser pilota ed istruttrice di volo di Lockheed Martin, azienda produttrice del velivolo di quinta generazione F-35.

Attraverso una serie di domande hanno illustrato le capacità operative del velivolo F-35, di cui sono esperte pilote, commentando anche le loro esperienze personali nell’utilizzo dell’aereo e delle differenze con il Tornado e l’F-16, i precedenti velivoli sui quali hanno volato “Betty” e “Siren”. Quello che è emerso è sicuramente la capacità del velivolo di quinta generazione di migliorare le capacità di difesa e sicurezza dei paesi utilizzatori come pure il cambio di mentalità dei piloti di questo straordinario velivolo.

“Betty” solleva un punto importante su come cambia il modo in cui un pilota pensa nella cabina di pilotaggio che sia un Tornado o un F-16. “Nell’F-16 abbiamo tre diversi display. E ognuno di quei display mostrava un sensore diverso per i piloti dell’F-16. Quindi, io come pilota, mi siedo e guardo un sensore, prendo quell’informazione. Guardo un altro sensore, prendo quell’informazione. Tutto, dalla fusione dei sensori nel mio F-16, accade nel mio cervello“, dice “Siren”.

Quando si pensa all’F-35, o alla quinta generazione, si pensa alla furtività e alle armi avanzate. Tuttavia, ciò che rende l’F-35 estremamente capace è la fusione dei sensori di cui abbiamo parlato prima. “Ora, nell’F-35, hai un display molto ampio. E tutte queste informazioni vengono fornite al pilota in un display e tutte fuse insieme. Quindi, sta cambiando il modo in cui pensano i piloti, la nostra mentalità. Perché, come aveva detto Betty, abbiamo così tanta consapevolezza situazionale dell’intero campo di battaglia o dello spazio di battaglia. Quindi, per noi essere in grado di vedere queste informazioni e anche diffonderle a tutte le altre piattaforme, sia altri F-35, altri caccia di quarta generazione, è un elemento chiave nel modo in cui un pilota impiega le tattiche da quel momento in poi. Quindi, questo è stato il mio salto più grande, il cambiamento più grande per me quando stavo imparando a pilotare l’F-35. Per me, l’F-16 e l’F-35 erano molto simili perché lo stick e la manetta erano nella stessa posizione. Quindi, è stato naturale per me passare da un velivolo all’altro“, ha aggiunto “Siren”.

Gli scenari attuali ma soprattutto quelli futuri saranno piuttosto complessi e a questo punto, serve un velivolo in grado di affrontare le crescenti difficoltà che si affronteranno sul campo di battaglia. Ovviamente, l’F-35 offre molte capacità per affrontare questa situazione. “Quello che dobbiamo fare è, in primo luogo, sviluppare le tattiche dell’F-35 e, allo stesso tempo, trovare un’integrazione con gli aerei di quarta generazione, essere in grado di stare con tutti sulla stessa lunghezza d’onda ed utilizzare tutte le risorse che abbiamo“, ha detto “Betty”.

L’F-35, di per sé, è l’aereo più capace là fuori. Lo metti in un ambiente altamente contestato e diventa un’arma potente. Permette, e “Betty” lo sta facendo operativamente ora, sfortunatamente io no perché in questo momento ho un ruolo di collaudatore, di dominare quell’ambiente connettendosi in modo sicuro con più domini, terra, mare, spazio aereo, cyber. Non solo ti connetti, ma condividi anche tutte le informazioni. E penso che questo sia ciò che l’F-35 porta davvero come maggiore capacità, quella di vedere i dati e quindi condividerli tra più piattaforme“, ha aggiunto “Siren”.

Un altro tema affrontato da “Betty” e “Siren” è stato quello della difesa collettiva e della condivisione dell’addestramento e della logistica che permette alle nazioni utilizzatrici dell’F-35 di essere in qualche modo “intercambiabili” senza perdere nessun tipo di capacità di combattimento.

Sono appena tornata da un’esercitazione in Norvegia e ho avuto la possibilità di lavorare e volare con gli Stati Uniti, i Paesi Bassi e la Norvegia. E ho avuto la possibilità di vedere con i miei occhi che è fondamentale addestrarsi insieme, e tutto questo allenarsi con lo stesso velivolo ti fa sentire allo stesso modo. Quindi, una volta che lasci l’addestramento, sei in grado di lavorare con i piloti di tutto il mondo e questo crea connessioni. Quindi l’addestramento diventa sia un fattore umano che un fattore tecnologico“, ha detto “Betty”.

Ogni possibilità che ho avuto di volare con i partner, la NATO, in qualsiasi tipo di esercitazione, è stata un’esperienza di apprendimento. Ho avuto modo di volare molto con l’Aeronautica Militare italiana quando ero ad Aviano con l’F-16. Non ne ho ancora mai avuto la possibilità con l’F-35, ma anche le piccole esercitazioni dove vedere il modo in cui l’Italia usa l’F-35 rispetto agli Stati Uniti, dove imparare gli uni dagli altri, dove avere un’interoperabilità tra i piloti, penso siano esperienze molto preziose da sfruttare, in modo che quando verrà il momento, tutti i nostri alleati, tutte le nazioni con cui voliamo, possano essere pronte quando necessario“, ha sottolineato “Siren”.

Dal punto di vista logistico ed economico è emerso il beneficio di avere tutti lo stesso supporto in termini di ricambi e standard per la manutenzione. “Se avete tutti lo stesso supporto logistico, potete integrarvi e aiutarvi a vicenda in più dispiegamenti. Puoi usare pezzi di ogni paese per aiutarsi a vicenda. Penso che sia utile avere tutti la stessa base, da dove puoi iniziare ad addestrarti, puoi schierarti insieme senza usare tutte le macchine della tua nazione, ad esempio. Penso che sia molto importante. Come dicevo prima, la formazione è ormai ad uno stato avanzato, per quasi tutti i paesi, e questo permette di creare uno standard per ogni nazione. Inoltre, penso che in futuro oltre alla formazione, anche la parte logistica con il supporto globale sarà una buona opportunità per questi velivoli ed i suoi utilizzatori“, ha concluso “Siren”.

Immagini: Aviation Report / Edoardo Govoni

Stefano Monteleone: Direttore editoriale e Capo redattore di Aviation Report. Ho volato a bordo di aeromobili militari quali: AB-212, EH-101, SH-90 (Marina Militare); AW-139 (Guardia Costiera); HH-139A, HH-101A, G-222, C-27J, KC-767A, KC-130J (Aeronautica Militare); CH-47C, CH-47F, NH-90, AB-412, AB-205 (Esercito AVES); ATR-42, HH-412, AW-139 (Guardia di Finanza); ACH130 Aston Martin (Airbus). // Editorial Director and Chief Editor of Aviation Report. I have flown aboard military aircraft such as: AB-212, EH-101, SH-90 (Italian Navy); AW-139 (Coast Guard); HH-139A, HH-101A, G-222, C-27J, KC-767A, KC-130J (Italian Air Force); CH-47C, CH-47F, NH-90, AB-412, AB-205 (Italian Army Aviation); ATR-42, HH-412, AW-139 (Italian Custom Police).

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto