missili patriot
@ NATO

Coalizione di paesi NATO fa scorta di missili Patriot

La NATO Support and Procurement Agency (NSPA) sosterrà una coalizione di nazioni della NATO, tra cui Germania, Paesi Bassi, Romania e Spagna, con un contratto per una quantità combinata di un massimo di 1.000 missili Patriot Guidance Enhanced Missiles (GEM-T), in caso di esercizio di tutte le opzioni. Il contratto comprende la qualificazione dei componenti aggiornati, l’aggiunta di nuovi fornitori, apparecchiature di prova e ricambi per supportare il sostegno futuro.

Si prevede che anche altri paesi utilizzatori beneficeranno delle condizioni del contratto. L’Agenzia ha assegnato un contratto di produzione e consegna da 5,5 miliardi di dollari a COMLOG, una joint venture tra Raytheon, un’azienda RTX  e MBDA. Per supportare la produzione e la consegna, COMLOG espanderà la capacità produttiva dei missili GEM-T in Europa.

COMLOG GmbH  è una joint venture al 50% tra MBDA Germania e Raytheon. Il campo di attività principale di COMLOG è il supporto logistico dei missili Patriot PAC-2 con l’obiettivo di mantenere la capacità operativa. Dalla sua fondazione, l’azienda ha eseguito la manutenzione di oltre 5.000 missili PAC-2 presso la Patriot Missile Facility 3 (PMF-3), situata a Schrobenhausen, in Germania. Il principale cliente di COMLOG è proprio la NSPA, che opera per conto dei paesi europei utilizzatori e l’esercito americano.

Il GEM-T è il componente primario per il sistema di difesa aerea Patriot già collaudato in combattimento, su cui fanno affidamento otto nazioni europee, per la difesa contro missili da crociera, missili balistici e minacce aeree nemiche. Sulla scia della guerra della Russia contro l’Ucraina, la NATO ha schierato batterie di missili Patriot per proteggere i suoi alleati sul fianco orientale. Anche gli alleati della NATO hanno fornito sistemi Patriot all’Ucraina e sono impegnati a rafforzare ulteriormente le difese di Kiev.

L’Ucraina finora dovrebbe aver ricevuto tre batterie Patriot, una dagli Stati Uniti e altre due dalla Germania con almeno uno delle quali con componenti tedeschi e olandesi. Per l’Ucraina in particolare, i missili Patriot si sono rivelati efficaci per l’abbattimento di missili da crociera, di missili balistici a corto raggio russi Iskander e di alcuni aerei da combattimento russi, forse anche di alcuni missili ipersonici Kinzhal.

Questo investimento dimostra la forza della cooperazione transatlantica in materia di difesa e l’impegno della NATO nel garantire la sicurezza del nostro popolo. Gli attacchi missilistici e droni russi contro civili, città e paesi ucraini mostrano quanto siano importanti le moderne difese aeree. L’incremento della produzione di munizioni è fondamentale per la sicurezza dell’Ucraina e per la nostra”, ha detto il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg.

Attraverso questo contratto, la NSPA consente alle nazioni utilizzatrici di Patriot di usufruire di vantaggi significativi. Il consolidato appalto multinazionale, nello spirito dell’European Sky Shield Initiative (ESSI), offre economie di scala e sostiene l’espansione della capacità produttiva di nuovi missili GEM-T per soddisfare la crescente domanda. Ricordiamo che le batterie Patriot sono attive in Ucraina, in Europa a difesa dei confini NATO, in Israele e in Medio Oriente a copertura del territorio di Tel Aviv e delle infrastrutture americane nell’area e che le scorte non sono infinite, problema già noto anche agli Stati Uniti anche in previsione di un potenziale conflitto nel Pacifico.

La nuova capacità di produzione di missili Patriot GEM-T in Europa aumenta la sicurezza dell’approvvigionamento e contribuirà alla ricostituzione delle scorte dei missili stessi. L’iniziativa dimostra la forte cooperazione tra gli alleati utilizzatori del sistema di difesa aerea in linea con l’ESSI.

missili patriot
@ COMLOG

Questo contratto dimostra che la NSPA, in quanto attore primario dell’Alleanza, può fornire con successo soluzioni multinazionali efficaci ed economicamente vantaggiose alle nazioni alleate, rafforzando allo stesso tempo le capacità industriali europee. Attraverso la stretta cooperazione euro-atlantica tra alleati e industria, la NSPA ha consentito il consolidamento dei requisiti attraverso l’aggiudicazione di questo complesso contratto. Le nazioni clienti hanno raggiunto economie di scala, ridotto la propria impronta logistica e stanno ottenendo soluzioni e supporto competenti nell’ambito di un comprovato quadro giuridico ‘chiavi in ​​mano’“, ha detto Stacy A. Cummings, direttore generale dell’NSPA.

Thomas Gottschild, amministratore delegato di MBDA Germania ha commentato che “il contratto rafforza le capacità industriali e militari in Europa. Il volume degli ordini consentirà a MBDA di creare un impianto di produzione per i missili Patriot in Germania, nonché la produzione di importanti sottocomponenti. L’impianto COMLOG è attualmente l’unico nel suo genere per il missile Patriot al di fuori degli Stati Uniti. Nel complesso, il contratto sostiene gli stati europei utilizzatori del Patriot, crea posti di lavoro in Germania e rafforza la catena di fornitura di munizioni“.

Thomas Laliberty, Presidente Land & Air Defense Systems di Raytheon ha aggiunto che “Raytheon e MBDA hanno collaborato con NSPA, l’esercito degli Stati Uniti e un’ampia rete di fornitori in tutta la regione per offrire ai nostri partner europei un programma GEM-T che aumenta la capacità missilistica di difesa aerea della NATO, rafforza la deterrenza della NATO e sostiene la prontezza operativa dei sistemi di difesa aerea in tutta Europa. Questo appalto congiunto rafforza la cooperazione tra gli alleati europei”.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp