X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


Cina: l’aereo da guerra elettronica J-16D inizia l’addestramento al combattimento integrandosi con il caccia stealth J-20

@ via Chinese Internet

Il velivolo da guerra elettronica J-16D appartenente all’aeronautica dell’Esercito Popolare di Liberazione Cinese (PLA) è recentemente entrato nella fase dell’addestramento avanzato al combattimento aereo conducendo missioni e operazioni congiunte ed integrate con il caccia stealth J-20 per generare una elevata capacità di combattimento.

Poco dopo il debutto del J-16D all’Airshow China 2021 tenutosi a Zhuhai, nella provincia del Guangdong della Cina meridionale, alla fine di settembre e all’inizio di ottobre, il nuovo caccia da attacco elettronico cinese è stato schierato in vere esercitazioni orientate al combattimento, secondo quanto riferito la scorsa settimana dalla China Central Television (CCTV), citando fonti dell’aeronautica militare  cinese.

Essere schierato in vere esercitazioni orientate al combattimento significa che il J-16D ha iniziato a formare una capacità di combattimento dopo che l’aeronautica militare del PLA ha acquisito familiarità con il nuovo velivolo, ha detto sabato scorso un esperto militare cinese al Global Times, richiedendo l’anonimato. “Sarà presto pronto per il combattimento, se non lo è già“, avrebbe detto l’esperto.

Specializzato nella guerra elettronica, il J-16D è l’ultima classe di jet da combattimento J-16 sviluppato a livello nazionale. Si prevede che accompagni senza soluzione di continuità altri aerei da guerra e migliori le capacità dell’aeronautica militare del PLA nello svolgimento di missioni in una situazione informatizzata stabilendo un sistema completo di guerra elettronica per l’aviazione.

Il J-16, da cui deriva il J-16D, è un caccia pesante biposto e bimotore sviluppato internamente in Cina. Come combattente multiruolo che eccelle sia in attacco che in difesa, gode di vantaggi significativi in ​​termini di sistema di controllo del fuoco, radar e sistemi operativi rispetto ad altri aerei da guerra precedentemente commissionati dall’aeronautica militare del PLA.

Una delle caratteristiche più distintive del J-16D, rispetto al J-16 originale, sono i due grandi pod di guerra elettronica sulle ali dell’aereo, che verranno utilizzati per distruggere e bloccare apparecchiature elettroniche ostili, inclusi radar e sistemi di comunicazione, hanno affermato gli analisti, notando, inoltre, che sono stati smontati il sistema per la ricerca a infrarossi e il sensore di tracciamento davanti alla cabina di pilotaggio poiché il suo ruolo principale non sarà più il combattimento aria-aria.

Il J-16 è ampiamente considerato il più capace di oltre una mezza dozzina di derivati del ​​Flanker in termini di prestazioni complessive beneficia di avionica avanzata e sistemi di guerra elettronica, una cellula che fa un uso molto estensivo di materiali compositi, rivestimenti assorbenti e un radar AESA. Il J-16D beneficia quindi delle elevate capacità e delle prestazioni di volo altrimenti eccezionali del J-16, ma come detto trasporta equipaggiamento da guerra elettronica come armamento principale e sacrifica anche il cannone da 30 mm della variante da combattimento. Questo velivolo è, quindi, una risorsa quasi del tutto unica insieme agli EA-18G Growler schierati dagli Stat Uniti e dall’Australia che sono le uniche altre forze aeree con aerei comparabili, almeno sulla carta, all’aereo cinese.

Il J-16D è inoltre dotato di un nuovo sistema avionico e di motori di fabbricazione nazionale cinese e ha subito significativi cambiamenti strutturali, incluso l’uso di una grande quantità di materiali compositi. Si prevede che il J-16D dispiegherà fino a sei missili anti-radiazioni come unico armamento cinetico, progettati per intercettare i radar nemici in modo simile al Kh-31P russo o all’AGM-88 americano. L’equivalente cinese, il CM-103, ha una portata di 100 km e trasporta una testata da 175 kg, sebbene dispieghi anche l’LD-10, derivato dal missile aria-aria PL-12 e l’YJ-91 che dovrebbe essere il missile anti-radiazioni più utilizzato dagli aerei militari cinesi.

In situazioni di combattimento reale, gli aerei da guerra elettronica come il J-16D potranno accompagnare altri aerei da guerra e fornire loro supporto per l’attacco elettronico potendo anche lanciare attacchi diretti su installazioni radar ostili o aerei per il preallarme radar. Il nuovo velivolo da guerra elettronica cinese potrebbe quindi svolgere un ruolo di primo piano, per la soppressione di queste difese aeree taiwanesi, nell’eventualità di una nuova guerra dello Stretto. Si tratta quindi di una risorsa indispensabile per l’Aeronautica Militare del PLA che ha compiuto avanzamenti nel Mar Cinese Meridionale, proprio in particolare verso Taiwan che considera parte inalienabile della patria cinese.

L’addestramento combinato e il successivo dispiegamento del J-16D e del J-20 conferiscono al PLAAF cinese un’operabilità aerea che potenzialmente gli consentirà di raggiungere la superiorità aerea contro l’avversario.

Il J-16D potrà attaccare e sopprimere qualsiasi sistema di allarme rapido messo in atto dal nemico e disturbare i suoi radar mentre il caccia stealth J-20 o altri nella flotta cinese potranno colpire i bersagli con precisione. Questa combinazione mortale vanificherà qualsiasi tentativo nemico iniziale di valutare un potenziale attacco cinese e ridurrà gravemente la sua capacità di rappresaglia, consentendo al PLAAF di raggiungere la superiorità aerea in anticipo.

Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto