aereo da caccia KF-21 sud coreano spara missile AIM-2000 IRIS-T
@ KAI / DAPA

Il caccia KF-21 sud coreano spara per la prima volta un missile AIM-2000 IRIS-T

Il secondo prototipo del caccia KF-21 sud coreano ha condotto con successo il primo test missilistico aria-aria sparando un missile AIM-2000 IRIS-T a corto raggio. Il missile non aveva una testata e nessun bersaglio è stato colpito. Il test del missile IRIS-T è stato effettuato dall’aeronautica militare sudcoreana e dalla compagnia KAI sul Mar Cinese Meridionale.

Lo scopo del test è stato quello di verificare la sicurezza del volo e quello di controllare i cambiamenti che possono verificarsi nella struttura della fusoliera, nei motori e nelle caratteristiche aerodinamiche del velivolo durante il lancio del missile e per accertare che i sistemi avionici relativi alle operazioni di armamento fossero in funzione normalmente.

L’IRIS-T è un missile aria-aria a corto raggio con sistema di guida a infrarossi che ha la capacità di vedere il bersaglio distinguendolo dalle eventuali contromisure. Il missile destinato a sostituire l’AIM-9L/M Sidewinder incorpora una telecamera ad infrarossi in grado di discriminare tra la sagoma di un aereo ed una fonte puntiforme di calore come un flare. Il missile è già utilizzato sugli F-16, JAS 39, F-18, Tornado ed Eurofighter.

Il 28 marzo scorso la Corea del Sud aveva già condotto con successo i primi test con l’armamento con due prototipi del caccia KF-21 “Boramae” che avevano utilizzato un missile Meteor a medio raggio e la mitragliatrice di bordo. In questo test il secondo prototipo è stato utilizzato per testare la separazione di un missile aria-aria a medio raggio MBDA Meteor dal velivolo, mentre il terzo prototipo, equipaggiato con il radar AESA, ha collaudato la mitragliatrice montata sul velivolo sparando circa 100 colpi.

Ad oggi sono stati assemblati sei prototipi per i test in volo (quattro monoposto e due biposto) e due cellule di prova a terra, e ogni giorno si svolgono fino a tre sortite per i collaudi. La produzione su vasta scala dovrebbe iniziare nel 2026. La Corea del Sud prevede di schierare 40 jet entro il 2028 e 120 entro il 2032.

Il velivolo KF-21 sud coreano

Come sappiamo il programma KF-X, uno sviluppo collaborativo tra la Corea del Sud e l’Indonesia, ha prodotto il caccia di generazione 4+ denominato KF-21 Boramae. Seoul detiene l’80% delle azioni del progetto, mentre l’Indonesia detiene il 20%. Tuttavia, la tempistica per l’Indonesia per onorare i suoi impegni finanziari per il programma rimane ancora poco chiara.

Il progetto del caccia KF-21 sud coreano da 8,8 trilioni di won (6,9 miliardi di dollari), avviato nel 2015, mira a costruire un caccia supersonico, alimentato da due motori GE Aerospace F414, per sostituire la flotta obsoleta di caccia F-4D/E Phantom II e F-5E/F Tiger II della Corea del Sud. Il caccia di generazione 4.5 entrerà nella fase di produzione di massa nel 2026. La ROKAF intende acquistare 120 velivoli KF-21 entro il 2032.

L’aeronautica militare sudcoreana dovrebbe mettere in servizio 40 caccia di questo tipo entro il 2028 e 120/140 aerei entro il 2032 mentre l’Indonesia ne dovrebbe mettere in servizio 48/50. Dal 2026 al 2028, KAI prevede di produrre le unità iniziali del KF-21 Block I. La Corea del Sud conta molto sull’ampia esportazione di questo nuovo aereo militare anche come sostituto degli F-16 Fightning Falcon.

Il nuovo caccia KF-21 sud coreano è stato progettato pensando sia per il suo sviluppo evolutivo per integrare anche i sistemi di armamento sviluppati a livello nazionale e anche per sviluppare un indotto tecnologico nazionale con una maggiore partecipazione delle industrie locali che ad esempio stanno progettando, insieme alla KAI, più di 60 elementi software per il controllo del volo e per l’equipaggiamento di missione installati sul KF-21 creando così migliaia di posti di lavoro. Circa il 65% del KF-21 è di origine sudcoreana.

KF-21 con missile AIM-2000 IRIS-T
@ KAI / DAPA

Come accennato, per quanto riguarda la motorizzazione il KF-21 sarà equipaggiato con due motori General Electric F414-KI (F414-GE-400K) che forniranno al caccia grandi capacità operative con una maggiore autonomia rispetto ai velivoli attualmente in servizio e disponibili. Il General Electric F414-KI non è altro che una versione, specificatamente realizzata per il velivolo sud coreano, del noto F414-GE-400 impiegato ad esempio dagli F/A-18E/F Super Hornet e dal Saab Gripen.

Il velivolo è progettato per volare alla velocità di Mach 1,81 con un’autonomia di 2.900 chilometri. Con un carico utile di 7.700 chilogrammi, il nuovo jet da combattimento ospiterà 10 piloni per missili e serbatoi di carburante. Trasporterà diversi tipi di missili aria-aria, come IRIS-T e missili Meteor a guida radar attiva. Quindi il KF-21 Boramae, come attualmente previsto, dovrebbe avere caratteristiche operative simili a quelle della versione più avanzata del F-16 Viper e alcuni accorgimenti per ridurre la traccia radar e dargli qualche capacità stealth.

In futuro, l’aviazione militare sudcoreana sarà equipaggiata con un mix di F-35 per le operazioni di attacco e KF-21 per la difesa aerea. Gli esperti ritengono che questo framework farà buon uso dell’F-35, che è meglio progettato per gli attacchi al suolo, mentre il KF-21 è progettato per le missioni aria-aria. Questo mix migliorerà le capacità aeree offensive e difensive della Corea del Sud contro l’anziana aeronautica militare della Corea del Nord.