F-16 per l'Ucraina - Caccia F-16 a Kiev
@ Aviation Report / Stefano Monteleone

Caccia F-16: l’Ucraina proteggerà la sua flotta basando alcuni aerei occidentali in altri paesi

Secondo alcuni media di Kiev, la flotta di aerei da caccia F-16 dell’Ucraina, che sarà presto operativa, si proteggerà dagli attacchi del Cremlino posizionando alcuni aerei da combattimento in paesi terzi. È improbabile che la Russia colpisca questi paesi, ha detto il generale di brigata Serhiy Holubtsov, capo dell’aviazione militare ucraina in un’intervista.

C’è un certo numero di aerei che andranno in Ucraina. Un certo numero di aerei verranno immagazzinati in basi aeree sicure, fuori dall’Ucraina, in modo che non vengano presi di mira. E questa sarà la nostra riserva in caso di necessità di sostituzione degli aerei difettosi durante la manutenzione ordinaria”, ha affermato. “Cioè, in modo da poter avere costantemente un certo numero di aerei nell’inventario operativo, che corrisponderà al numero di piloti di cui disponiamo. Quando ci saranno più piloti, ci saranno più aerei in Ucraina”.

L’agenzia di stampa Radio Svoboda, ha pubblicato l’intervista. Le ampie osservazioni di Holubstov hanno fatto seguito a recenti rapporti apparsi su alcuni media internazionali secondo cui il previsto dispiegamento di caccia F-16 di fabbricazione statunitense sarà su piccola scala e difficilmente influenzerà l’avanzamento della guerra aerea in Ucraina a breve o medio termine.

Gli analisti militari ucraini hanno ampiamente previsto che Kiev difficilmente tenterà di utilizzare inizialmente più di quattro o sei F-16, e solo in missioni a basso rischio. Le strutture NATO più probabili per supportare i jet ucraini sono in Polonia, per la manutenzione, e in Romania, per le operazioni.

Holubtsov non ha fornito dettagli sulla misura in cui gli F-16 pilotati dall’Ucraina inviati in combattimento contro le forze russe riceverebbero supporto di base dalle strutture della NATO. Il 5 giugno il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato che il Cremlino avrebbe colpito il personale della NATO in Ucraina se avesse assistito Kiev negli attacchi contro le forze russe.

Il 6 giugno, a seguito di un raro attacco aereo ucraino con munizioni di fabbricazione statunitense contro un obiettivo nella Russia continentale, il presidente Vladimir Putin ha affermato che il Cremlino avrebbe reagito “asimmetricamente” per punire Washington per aver aiutato Kiev a portare a termine l’attacco. Lunedì Andrei Kartapolov, presidente della commissione per la difesa del parlamento russo, ha dichiarato all’agenzia di stampa statale RIA Novosti che la Russia avrebbe colpito gli F-16 ucraini ovunque si trovassero, se fossero stati utilizzati per attaccare la Federazione Russa.

Se non verranno utilizzati per il loro scopo principale, non verranno presi di mira. Ma se partecipassero a missioni di combattimento, allora, incondizionatamente, diventeranno bersagli. Compresi gli aeroporti sui quali verrebbero basati, con tutte le implicazioni che ne deriverebbero“, ha affermato il deputato russo Kartapolov.

Holubstov ha affermato che le prime operazioni di combattimento dell’F-16 saranno limitate e provvisorie, con l’obiettivo principale di capire come utilizzare l’aereo in modo utile, senza mettere in pericolo lo stesso, l’equipaggio di terra e di volo ancora parzialmente inesperto. Le operazioni di volo si svolgeranno inizialmente nello spazio aereo lontano da possibili intercettazioni russe, ha affermato.

È così: gattonare, camminare, correre. Non abbiamo ancora imparato a gattonare. Gli aerei arriveranno, capiremo che andremo da qualche parte nel profondo del paese, proveremo a vedere cosa possono fare questi aerei, impareremo, ci abitueremo, lavoreremo in uno spazio aereo relativamente sicuro. Allora andremo oltre. E quando impareremo a camminare, allora correremo“, ha detto Holubtsov. “Dopodiché arriverà la terza fase: sfruttare un vantaggio”.

Holubstov ha detto che gli F-16 ucraini saranno armati con il missile AIM-120 e i piloti ucraini che daranno la caccia ad aerei o droni russi “troveranno sicuramente degli obiettivi”, ha detto.

Ha lasciato intendere che il ruolo principale degli F-16 ucraini nella difesa aerea sarà quello di fungere da parte della rete di difesa aerea nazionale insieme ai sistemi di terra come il potente missile antiaereo Patriot di fabbricazione statunitense, con le missioni di proteggere lo spazio aereo ucraino e ridurre la capacità russa di volare in determinate direzioni.

Ora, insieme al Patriot, se l’F-16 sarà operativo, ci aspettiamo lo stesso effetto, cioè il degrado delle operazioni aeree russe e possibilmente l’abbandono da parte degli aerei russi di parte dello spazio aereo ucraino. I russi lo capiranno che verranno abbattuti e cambieranno le loro tattiche, o addirittura rifiuteranno di usare l’aviazione in alcune aree”, ha detto Holubtsov.

Il piano di utilizzare i caccia F-16 per attacchi a terra sta andando avanti, ha detto Holubstov. Gli attacchi con missili da crociera lanciati dagli F-16 saranno più efficaci che in passato, ha affermato, perché un missile da crociera standard della NATO come il francese SCALP o il britannico Storm Shadow è già progettato per integrarsi con l’elettronica dell’F-16, consentendo al pilota di programmare un bersaglio fisso ma anche la riprogrammazione in volo per attacchi a bersagli terrestri mobili.

Gli ingegneri ucraini nel 2023 furono in grado di equipaggiare i jet Su-24 e MiG-29 per lanciare queste armi, ma la compatibilità con questi aerei dell’era sovietica con i moderni missili da crociera occidentali non è perfetta, costringendo alla programmazione dell’arma a terra e rendendo impossibile colpire altri bersagli una volta che l’aereo è decollato, ha detto Holubtsov.

Le munizioni che i nostri partner ci forniscono sono tecnologicamente migliori, più moderne, più precise e più protette dallo spoofing. Ma i russi hanno molto di più e si stanno preparando per questa guerra da anni e anni”, ha detto.

La rivista statunitense Politico del 5 giugno aveva riferito che Kiev era “frustrata” dal ritmo del programma internazionale di potenziamento, ormai di 12 mesi, per il dispiegamento di aerei da combattimento F-16 in Ucraina.

L’Ucraina ha 30 candidati piloti selezionati e qualificati per l’addestramento sugli F-16, circa 60 aerei da combattimento saranno consegnati all’Ucraina in estate, ma solo una frazione degli aviatori che potrebbero imparare a pilotare l’aereo saranno in grado di farlo. in tempi brevi, perché non ci sono abbastanza posti di addestramento nelle scuole di volo negli Stati Uniti, in Danimarca e in Romania, si legge nell’articolo.

Holubstov ha confermato che il numero limitato di piloti qualificati per l’F-16 e di slot di addestramento rappresentano il principale collo di bottiglia per lo schieramento di più caccia F-16 da parte di Kiev nei prossimi mesi. La conoscenza dell’inglese è un altro freno all’addestramento sia dei piloti che del personale di terra per il programma F-16 ucraino, ha detto, perché tutto il materiale operativo e di addestramento relativo all’F-16 è prevalentemente in inglese.

Questo ha costretto i pianificatori dell’aeronautica militare ucraina a designare prima una formazione linguistica per avere una forte padronanza dell’inglese quale abilità fondamentale per tutto il personale che vola o si occupa della manutenzione dell’aereo. Tutto ciò ha aggiunto dai due ai quattro mesi a tutti i cicli di formazione, ha detto Holubstov.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp e sul nuovo canale Threads