X

 

SOCIAL MEDIA AVIATION REPORT


Bombardieri americani B-1B atterrano a Guam per “scoraggiare gli avversari” e rassicurare gli alleati …. e la Cina riflette sulle tattiche dei bombardieri americani

@ USAF / Senior Airman Yosselin Campos

I bombardieri strategici B-1B Lancer dell’aeronautica militare americana sono atterrati, lo scorso 18 ottobre, sulla base aerea Andersen AFB di Guam per dare il via al secondo dispiegamento di quest’anno dei bombardieri a lungo raggio sull’isola tra le tensioni regionali su Taiwan e la prospettiva incombente di un nuovo test nucleare nordcoreano.

Le forze armate statunitensi hanno confermato il loro dispiegamento temporaneo nel territorio del Pacifico degli Stati Uniti come parte di una missione “Bomber Task Force” con i velivoli provenienti dal 37th Expeditionary Bomb Squadron della base aerea Ellsworth Air Force Base.

Il rischieramento “ha… lo scopo di inviare un messaggio che gli Stati Uniti sono a stretto contatto con i loro alleati e partner per scoraggiare potenziali provocazioni“, ha detto il portavoce del Pentagono, il Generale di Brigata Pat Ryder, quando gli è stato chiesto se la missione avesse lo scopo di inviare un messaggio alla Corea del Nord. La presenza dei bombardieri strategici americani mira anche a dimostrare che gli Stati Uniti hanno la capacità di condurre operazioni globali in qualsiasi momento, ha aggiunto il Generale Ryder.

La Corea del Nord ha condotto un numero record di test missilistici quest’anno, incluso il lancio di uno che ha sorvolato il Giappone. Funzionari di Washington e Seoul affermano che anche la Corea del Nord sembrerebbe pronta a riprendere i test nucleari per la prima volta dal 2017. La Corea del Nord ha condotto sei test nucleari dal 2006.

Gli Stati Uniti e i loro alleati in Corea del Sud e Giappone hanno intensificato le dimostrazioni di forza militare in risposta ai test missilistici della Corea del Nord, inclusa la conduzione di esercitazioni navali con una portaerei statunitense e l’organizzazione di importanti esercitazioni sul campo per la prima volta da anni.

I bombardieri B-1B hanno partecipato a dimostrazioni di forza contro la Corea del Nord negli anni precedenti. La Corea del Nord denuncia le esercitazioni militari degli Stati Uniti e dei suoi alleati come provocatorie e prove di intenzioni ostili. Durante la loro permanenza temporanea a Guam, i bombardieri americani collaboreranno con forze alleate non specificate per diverse missioni di addestramento nell’Indo-Pacifico, ha affermato l’aviazione americana in una nota.

Il B-1 è una piattaforma particolarmente capace in questa regione, essendo in grado di percorrere grandi distanze avendo anche una potenza di fuoco significativa“, ha affermato nella dichiarazione il Tenente Colonnello Daniel Mount, del 37th Bomb Squadron. Questa missione della Bomber Task Force dimostra la capacità del bombardiere di schierarsi rapidamente ovunque, in qualsiasi momento e fornire opzioni di attacco globale di precisione per i comandanti di teatro.

La missione della Bomber Task Force dimostra il continuo impegno degli Stati Uniti nel Pacifico“, ha affermato il Colonnello Joseph Sheffield, comandante del 28th Bomb Wing. “Non solo fornisce ai nostri equipaggi dei B-1 preziose opportunità di addestramento con importanti alleati e partner, ma segnala loro anche il sostegno incrollabile della nostra nazione“. Le missioni della Bomber Task Force migliorano la preparazione addestrando gli aviatori a rispondere a qualsiasi potenziale crisi o sfida nell’Indo-Pacifico.

Nel frattempo esperti cinesi avvertono delle minacce dei bombardieri B-21 e B-52 statunitensi. Gli Stati Uniti hanno fatto annunci di alto profilo la scorsa settimana su due dei suoi bombardieri strategici, il B-52 completamente aggiornato e il nuovissimo B-21, con esperti cinesi che hanno affermato che il duo diventerà il nucleo della forza d’attacco strategica dell’aeronautica militare americana nei prossimi decenni con la Cina che dovrà essere pronta a contrastare gli aerei ma anche imparare da loro.

Giovedì scorso Northrop Grumman, la società che costruisce il B-21A Raider, ha annunciato che l’aereo sarà rivelato al pubblico per la prima volta il 2 dicembre prossimo. Questa sarà la prima presentazione pubblica di un nuovo bombardiere dell’US Air Force dopo 34 anni dal debutto del bombardiere B-2 nel novembre 1988. Dopo la presentazione, il bombardiere strategico B-21 effettuerà il suo primo volo nel 2023, afferma il rapporto.

L’annuncio sul B-21 è arrivato poco dopo che Boeing ha rilasciato una nuova immagine da un modello di prototipazione digitale che mostra un bombardiere B-52 aggiornato che dovrebbe ricevere la designazione B-52J o B-52K, ha riferito la rivista americana Air & Space Forces. Il nuovo B-52 sarà dotato di aggiornamenti tra cui nuovi motori F130 che saranno costruiti da Rolls-Royce, una variante del radar AN/APG-79 utilizzato sul jet da combattimento F/A-18EF e una cabina di pilotaggio aggiornata.

Questi due bombardieri formeranno una combinazione di un bombardiere di fascia alta e uno di fascia bassa, ha detto al Global Times Zhang Xuefeng, un esperto militare cinese. “Il B-52 di fascia bassa ha poche capacità di penetrazione della difesa e l’aeronautica militare americana potrebbe fargli lanciare il missile ipersonico AGM-183 in fase di sviluppo dall’esterno delle linee di difesa nemiche. Ma tali missili sono costosi e in numero limitato, quindi il B-21 di fascia alta trarrà vantaggio dalla sua elevata capacità di bassa osservabilità per penetrare le linee di difesa ostili e utilizzare munizioni più economiche come le JDAM“, ha detto Zhang.

La Cina dovrà prepararsi per questa tattica statunitense, poiché i due tipi di bombardieri potrebbero essere schierati contro la Cina, avvertono gli esperti di Pechino. “Non importa quanti aggiornamenti otterrà il B-52, perché non potrà mai diventare invisibile e può solo lanciare missili standoff. La Cina dovrebbe sviluppare le sue capacità nel rilevamento a lungo raggio e nell’intercettazione a lungo raggio schierando aerei da guerra e navi da guerra più lontano dai suoi territori“.

Il B-21, d’altra parte, ha un’autonomia minore rispetto al B-2 e farà affidamento su basi operative avanzate, quindi attaccare quelle basi e aeroporti in cui è schierato sarà la strada da percorrere, hanno detto gli analisti. La Cina può anche imparare dallo sviluppo dei bombardieri strategici degli Stati Uniti, ha detto Fu Qianshao, altro esperto militare cinese.

Il bombardiere cinese H-6 è della stessa generazione del B-52 e ha anche ricevuto molti aggiornamenti che lo hanno trasformato da bombardiere a medio raggio a bombardiere strategico a medio-lungo raggio e, inoltre, una volta sviluppato il bombardiere cinese di nuova generazione H-20, questo sarà allo stesso livello del B-21 e probabilmente lo supererà in alcuni aspetti, ha aggiunto Fu.

Seguiteci anche sul nostro canale Telegram.

Redazione di Aviation Report: Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto