Boeing ha svelato la sua ultima piattaforma senza pilota “Loyal Wingman”, il Boeing Airpower Teaming System. Progettato per i clienti della difesa globale da Boeing Australia, è il più grande investimento della compagnia in un nuovo programma di velivoli senza pilota al di fuori degli Stati Uniti. L’aereo completerà ed estenderà le missioni aeree attraverso una integrazione intelligente con gli aerei militari esistenti e pilotati.

Un modello del Boeing Airpower Teaming System è stato presentato all’Avalon 2019 Australian International Airshow dal Ministro della Difesa australiano, l’on. Christopher Pyne MP. Come attività di ricerca e sviluppo, il governo australiano e la Boeing produrranno un dimostratore denominato Loyal Wingman – Advanced Development Program che fornirà indicazioni chiave per la produzione del Boeing Airpower Teaming System.

Il Boeing Airpower Teaming System fornirà un enorme vantaggio per le missioni aeree con velivoli con o senza equipaggio“, ha affermato Kristin Robertson, vicepresidente e direttore generale della Boeing Autonomous Systems. “Con la sua capacità di riconfigurarsi rapidamente ed eseguire diversi tipi di missioni in tandem con altri velivoli, la nostra più recente aggiunta al portafoglio di Boeing sarà davvero un moltiplicatore di forze.

Il Boeing Airpower Teaming System

  • Fornirà prestazioni simili a quelle dei jet da combattimento, misurerà 38 piedi di lunghezza (11,7 metri) e sarà in grado di volare a più di 2.000 miglia nautiche
  • Integrerà pacchetti di sensori per supportare le missioni di intelligence, sorveglianza, ricognizione e guerra elettronica
  • Utilizzerà l’intelligenza artificiale per volare in modo indipendente o a supporto di aerei convenzionali con equipaggio pur mantenendo una distanza di sicurezza tra altri velivoli.

Questo velivolo è uno sforzo storico per Boeing. Non solo è sviluppato al di fuori degli Stati Uniti, ma è anche progettato in modo che i nostri clienti globali possano integrare le produzioni locali per soddisfare i loro requisiti specifici“, ha dichiarato Marc Allen, presidente di Boeing International.Il Boeing Airpower Teaming System fornisce una capacità di trasformazione in termini di difesa e i nostri clienti, guidati dall’Australia, diventano effettivamente partner del programma con la capacità di far crescere le proprie capacità per supportarlo, compresa la messa in campo di una forza lavoro altamente tecnologica.

L’Airpower Teaming System è il primo velivolo senza pilota progettato e costruito da Boeing al di fuori degli Stati Uniti, dice la compagnia, e il primo volo è previsto per il 2020. Il Boeing Airpower Teaming System è un nuovo velivolo senza pilota che utilizza l’intelligenza artificiale per essere un moltiplicatore di forze. È progettato per funzionare come una squadra intelligente integrata con gli aerei militari convenzionali per completare ed estendere le missioni aeree dall’ISR alla guerra elettronica e altro ancora, ma con un design a basso costo che consente agli operatori di metterlo tranquillamente in prima linea.

Immaginate dozzine di UAV economici e spendibili che volano e combattono insieme a costosi velivoli con equipaggio in una nuova struttura aeronautica destinata a espandere notevolmente la letalità degli Stati Uniti e degli alleati. Capace di collaborare con velivoli tradizionali come il Boeing F/A-18 Super Hornet o il Lockheed Martin F-35 Lightning II i droni “Loyal wingman” potrebbero essere inviati dove le forze aeree preferirebbero non utilizzare velivoli convenzionali e costosi.

Photo credits: The Boeing Company

Rispondi