Il nuovo aereo da rifornimento in volo drone che sarà imbarcato sulle portaerei della US Navy, il Boeing MQ-25 Stingraysi sta preparando per la ripresa dei voli di prova, questa volta con il pod Aerial Refueling Store (ARS) per il rifornimento in volo Cobham agganciato sotto l’ala sinistra del velivolo. 

Il pod, lo stesso integrato nel F/A-18 Super Hornet della Marina militare USA per il rifornimento buddy-buddy di carburante, è stato recentemente integrato nel velivolo di prova MQ-25 sotto le ali.

Quando riprenderemo i test di volo entro la fine dell’anno, avremo l’opportunità di raccogliere tutte le informazioni sull’aerodinamica di quel pod e sui comandi software che lo controllano, tutto prima della consegna del primo jet MQ-25 alla US Navy”, ha dichiarato il direttore del programma MQ-25 Dave Bujold in una dichiarazione del costruttore dell’aeromobile, Boeing.

I primi test e lo sviluppo iniziale del software sono una parte importante dell’obiettivo della US Navy di portare l’MQ-25 disponibile per la flotta il più rapidamente possibile“, ha aggiunto. Gli ingegneri osserveranno principalmente l’aerodinamica del pod montato sull’aereo Stingray, quindi vedranno come si comportano il tubo flessibile e l’imbuto mentre vengono trascinati dietro la cellula.

La US Navy e la Boeing avevano completato con successo il primo volo di prova dell’MQ-25A Stingray, il primo velivolo per il rifornimento in volo senza pilota imbarcato su portaerei, il 19 settembre 2019 dall’aeroporto MidAmerica di Mascoutah, Illinois. Il velivolo in questione un MQ-25 di proprietà della Boeing, noto come T1 (Tail 1), ha completato un rullaggio e un decollo autonomi certificati FAA e ha effettuato una rotta predeterminata per un volo di due ore per convalidare le funzioni e le operazioni di volo di base dell’aeromobile. Il secondo volo del MQ-25A Stingray è avvenuto il 7 ottobre 2019. Il T1 ha ricevuto il certificato di aeronavigabilità sperimentale dalla FAA a settembre 2019.

La compagnia consegnerà l’aereo per il modello di sviluppo ingegneristico a partire dal 2021. L’MQ-25A Stingray sarà il primo velivolo senza pilota a bordo delle portaerei americane, progettato per fornire una capacità di rifornimento in volo. L’integrazione dello Stingray nei Carrier Air Wings (CVW) aumenterà il numero di F/A-18E/F ed F-35C disponibili per le missioni di combattimento e fornirà un’autonomia ancora maggiore al CVW, migliorandone le prestazioni, l’efficienza, la sicurezza e la prontezza in combattimento.

L’MQ-25 Stingray è un programma denominato “Maritime Accelerated Acquisition program” della US Navy, che ha come obiettivo quello di fornire alla flotta, il più rapidamente possibile, nuove capacità cruciali per soddisfare le esigenze dei gruppi aerei imbarcati. La Marina USA ha assegnato a Boeing un contratto di ingegneria, produzione e sviluppo da 805,3 milioni di dollari per il MQ-25A il 30 agosto del 2018.

Inoltre la Marina degli Stati Uniti ha assegnato alla Boeing, ad aprile 2020,  una modifica del contratto per tre ulteriori velivoli senza pilota MQ-25A Stingray per il rifornimento in volo, portando a sette il numero totale di velivoli che Boeing sta producendo. Questa modifica del valore di 84,7 milioni di dollari esercita l’opzione per tre ulteriori aerei di test dimostrativi del sistema MQ-25 ed è stata un’opzione identificata nel contratto originale da 805 milioni di dollari per quattro aeromobili MQ-25 aggiudicati nell’agosto del 2018. La capacità operativa iniziale è prevista entro il 2024 e dopo aver raggiunto questo obiettivo la US Navy deciderà quanti esemplari acquisire, ma già oggi l’intenzione del Congressional Budget Office sarebbe quella di procurare almeno 75 velivoli MQ-25A.

Il Boeing MQ-25A Stingray

MQ-25A Stingray è un UAS Unmanned Aircraft System, un velivolo a pilotaggio remoto senza equipaggio, progettato come rifornitore in volo per la US Navy. Il nuovo aereo fornirà la necessaria e robusta capacità di rifornimento in volo per estendere così le capacità di combattimento dei caccia Boeing F/A-18 Super Hornet, Boeing EA-18G Growler e Lockheed Martin F -35C.

Secondo i requisiti della Marina degli Stati Uniti, il MQ-25A dovrà essere in grado di rifornire carburante per 14.000 libbre a distanze fino a 500 miglia nautiche da una portaerei. L’aereo sostituirà di fatto l’F/A-18E F Super Hornet nelle operazioni di rifornimento così da restituire il Super Hornet alle solo missioni di combattimento.

Quale primo velivolo a pilotaggio remoto per il rifornimento in volo al mondo imbarcato su portaerei, quando operativo, il MQ-25A migliorerà le prestazioni, l’efficienza e la sicurezza dei Carrier Air Wing e fornirà una maggiore capacità di rifornimento in volo per eseguire missioni che altrimenti non potrebbero essere eseguite. Il contratto stipulato è il culmine di un processo di selezione dei partners molto competitivo, supportato dal personale del Naval Air Systems Command e dall’ufficio programmi Unmanned Carrier Aviation (PMA-268) di Patuxent River.

LMQ-25 sarà propulso dal motore Rolls-Royce AE 3007N, l’ultima variante della famiglia di motori Rolls-Royce AE. Può fornire oltre 10.000 libbre di spinta nonché energia elettrica per l’aereo. Il motore turboventola AE 3007H equipaggia il Triton della US Navy e il Global Hawk dell’USAF, oltre ad aerei per aviazione civile. Il turboelica AE 2100 alimenta il Lockheed Martin C-130J e LM-100J, così come l’italiano C-27J di Leonardo e il Saab 2000. Il turboalbero AE 1107C equipaggia il convertiplano Bell-Boeing V-22 Osprey operato dalla Marina USA, dal Corpo dei Marines e dall’Aeronautica. L’MT7, una variante dell’AE 1107 per impieghi navali, sarà il propulsore Ship-to-Shore Connector hovercraft della Marina.

MQ-25A è un programma di acquisizione denominato “Maritime Accelerated Acquisition program” della US Navy che accelera le decisioni che consentiranno azioni rapide con meno spese generali. L’intento è quello di ridurre significativamente i tempi di sviluppo dall’assegnazione del contratto alla capacità operativa iniziale da cinque a sei anni. Riducendo il numero di parametri di prestazione chiave per l’idoneità alla missione e all’idoneità del vettore, l’industria ha aumentato la flessibilità per progettare rapidamente un sistema che soddisfi tali requisiti. L’obiettivo è quello di fornire alla flotta USA, il più rapidamente possibile, nuove capacità cruciali per soddisfare le esigenze dei gruppi aerei imbarcati.

Nel 2020 il team Boeing-US Navy sperano anche di installare sul velivolo il sistema JPALS – Joint Precision Approach and Landing System della Raytheon per guidare consentire all’MQ-25A l’appontaggio automatico sulle portaerei. Su questo tema la Raytheon sta sviluppando anche una variante “expeditionary” del JPALS che un giorno potrebbe guidare l’MQ-25A su piste di atterraggio su isole remote, una capacità che potrebbe consentire all’UAV di allestire punti di rifornimento per aerei da combattimento delle tre forze armate americane.

Print Friendly, PDF & Email
 

Rispondi