Come anticipato da Aviation Report nei giorni scorsi, anche il Ministero della Difesa del Belgio ha scelto l’F-35 Lightning II come velivolo sostituto della sua ormai anziana flotta di F-16MLU Fighting Falcon, diventando così la 13^ nazione ad aver scelto il caccia stealth di 5^ generazione della Lockheed Martin.

Alcuni alleati del Belgio, Stati Uniti, Regno Unito, Paesi Bassi, Danimarca, Norvegia e Italia, sono già partner nel programma F-35 e alcuni di essi hanno già il velivolo in uso. Per questo motivo, l’F-35 è stato scelto come soluzione definitiva per mantenere una elevata interoperabilità con la NATO e gli alleati. Dalla capacità di condurre attività di congiunte e operazioni di mantenimento della pace fino alla manutenzione e alla logistica, il nuovo caccia incrementerà le possibilità per il Belgio di partecipare a missioni attuali e future.

In Belgio la fiducia nel programma F-35 è radicata nella lunga partnership tra il governo e l’industria americana. L’aeronautica militare belga ha iniziato a utilizzare l’F-16 Fighting Falcon e il C-130 Hercules negli anni ’70. Più di 40 anni dopo, questa forte partnership continua a vivere nel Lightning II.

Da allora, l’industria belga ha svolto un ruolo significativo nella produzione e nel mantenimento dei prodotti Lockheed Martin. Proprio come l’F-16, in più di quattro decenni, anche il programma F-35 nel prossimo futuro è pronto a generare posti di lavoro a lungo termine e di alta qualità.

Attraverso le tre regioni del Belgio (Fiandre, Bruxelles e Vallonia), Lockheed Martin continua a collaborare attivamente con dozzine di aziende belghe per ampliare le opportunità di business, dimostrando un forte impegno nella cooperazione industriale nei settori della difesa ad alta tecnologia, aerospaziale, cibernetica e sicurezza. In Belgio, ci sono anche sei istituti di istruzione superiore inclusi nel programma di partecipazione industriale.

Oggi grazie alla tecnologia stealth, ai sensori avanzati con tecnologia allo stato dell’arte, alla capacità e alla portata delle armi e alle connessioni netcentriche, l’F-35 è il velivolo da combattimento più capace e con le più alte potenzialità di sopravvivenza in combattimento e il più connesso mai costruito.

Photo credits: Archivio Aviation Report / Stefano Monteleone

Rispondi