Bomba nucleare B61
@ Sandia

B61 la bomba atomica che gli Stati Uniti schierano in Europa e che può essere imbarcata sugli F-35

Con lo spauracchio dell’escalation tra Russia e NATO nel conflitto in Ucraina, Mosca, all’inizio del conflitto, aveva messo in allerta le forze di deterrenza strategica con la triade nucleare dei missili ICBM lanciati da terra, mare e cielo. L’Alleanza Atlantica ha messo in guardia i propri membri sulla possibilità che le forze armate russe possano colpire l’Ucraina o uno dei paesi confinanti con degli ordigni nucleari tattici.

Il presidente Biden ieri rilanciato sulla questione affermando che gli Stati Uniti potrebbero, in circostanze estreme, usare l’opzione “first-strike” e cioè l’opzione dell’attacco atomico preventivo per mettere fuori combattimento il comparto nucleare russo impedendogli di rispondere al fuoco e di riarmarsi successivamente. Ricordiamo inoltre che la Russia possiede attualmente il più grande arsenale nucleare del mondo con 6.257 testate rispetto alle 5.550 americane, secondo la Arms Control Association.

Sul piano tattico e non strategico, la NATO dispone in Europa di un certo numero di bombe nucleari tattiche B61. Il numero e la geolocalizzazione non è mai stata confermata anche se molti esperti stimano che ci siano circa 100 bombe nucleari tattiche B61 immagazzinate tra cinque paesi della NATO (Belgio, Germania, Italia, Olanda e Turchia), pronte per essere caricate sui jet e sganciate dagli Stati Uniti e dai loro alleati verso un obiettivo nemico.

Le circa 100 bombe statunitensi in Europa, oggi, non aspettano tanto la detonazione quanto la modernizzazione. A maggio, gli Stati Uniti dovrebbero iniziare la produzione su vasta scala di una versione modernizzata della B61 che avrà una resa regolabile, che significa che i militari potranno aumentare o diminuire la forza con cui esplode ogni bomba, ed un kit per migliorarne la precisione. Si prevede che questa modernizzazione, iniziata più di un decennio fa, costerà tra i 9,1 e i 10,1 miliardi di dollari, rendendolo probabilmente il programma di bombe nucleari più costoso nella storia degli Stati Uniti, secondo Hans Kristensen, direttore del Nuclear Information Project presso la Federazione degli scienziati americani.

La prima bomba nucleare B61 è entrata in servizio 50 anni fa e nel corso dei decenni sono state apportate numerose modifiche per aumentarne la sicurezza e l’affidabilità. L’ultima versione, la B61-12, consolida e sostituisce la maggior parte delle precedenti varianti. La National Nuclear Security Administration aveva recentemente annunciato l’intenzione di produrre la prima B61-12 aggiornata nell’anno fiscale 2022.

Nell’ultimo mezzo secolo, con varie modifiche, le B61 sono state inviate in Europa per scoraggiare la Russia e rassicurare l’alleanza NATO, e rimangono lì per questi motivi. Gli scenari per la loro detonazione sembrano inverosimili, ma forse non così inverosimili come sembravano un mese fa. Poiché l’invasione russa dell’Ucraina innesca un altro giro di ansia per la terza guerra mondiale, la B61 rimane l’unico sistema di armi nucleari degli Stati Uniti con sede in Europa, una rassicurazione avanzata per la NATO in un momento in cui il presidente russo Vladimir Putin sta facendo leva sulla propria potenza nucleare.

Ma come potrebbe essere utilizzata una B61? Durante un’escalation di un ipotetico conflitto tra NATO e Russia, un singolo allarme nucleare lanciato dalla Russia in Polonia potrebbe far scaturire una risposta nucleare alleata. La B61 potrebbe essere utilizzata come una bomba atomica “tattica” o “non strategica” su un campo di battaglia, contro un obiettivo militare avanzato, al contrario di un attacco “strategico” che cancellerebbe, dietro le linee nemiche, una città.

Se ipotizzassimo che una B61 venisse lanciata su una installazione militare a Kaliningrad, per esempio, questo attacco a sua volta potrebbe provocare un’escalation russa e poi, se le cose continuassero su questa strada, una guerra nucleare totale con gli Stati Uniti, che provocherebbe almeno 91,5 milioni di vittime in tutto il mondo, secondo una simulazione del 2019 del Program on Science dell’Università di Princeton e Sicurezza globale.

La versione B61-12 è in fase di integrazione sui caccia stealth di quinta generazione F-35, un tema molto importante anche per quanto riguarda la NATO e gli arsenali basati in Germania e in Italia, che come sappiamo in caso di conflitto, oggi, utilizzerebbero i velivoli Tornado per il lancio di questa arma. Questo è stato proprio il tema al centro del dibattito, dei mesi scorsi, sulla sostituzione della flotta Tornado della Luftwaffe con un velivolo che fosse necessariamente in grado di utilizzare le B61. Come sappiamo ma scelta di Berlino è caduta proprio sull’F-35.

In collaborazione con la National Nuclear Security Administration, il Los Alamos National Laboratory e l’US Air Force, Sandia aveva già completato una dimostrazione completa del sistema d’arma B61-12 con il caccia F-15E Strike Eagle a marzo del 2020 e un’altra a luglio 2020 con il bombardiere strategico B-2A Spirit.

La certificazione nucleare è suddivisa in due fasi: certificazione del progetto nucleare e certificazione operativa nucleare. Questo collaudo è considerato l’evento di prova in volo per la certificazione del progetto nucleare dell’F-35A e conclude i test per lo sforzo iniziale di certificazione nucleare. I dati dei test ricevuti da questo evento sono attualmente in fase di analisi e revisione da parte del Dipartimento della Difesa e del Dipartimento dell’Energia per garantire che gli F-35A e le B61-12 abbiano funzionato correttamente durante tutte le fasi dell’operazione.

Le armi della serie B61 sono armi nucleari tattiche a gravità che possono essere utilizzate su velivoli a doppia capacità (Dual Capable Aircraft) come l’F-15E e l’F-16C/D“, aveva affermato il Tenente Colonnello Daniel Jackson, capo divisione, deterrenza strategica e integrazione nucleare della sede centrale dell’Air Combat Commad. “Avere un aereo da caccia di quinta generazione DCA idoneo ad utilizzare questo armamento porta una capacità di livello strategico completamente nuova che rafforza la missione di deterrenza nucleare della nostra nazione“.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale Telegram.