L’aviazione dell’esercito russo risale al 1948, quando a Serpukhov fu formato il primo squadrone di elicotteri. Inizialmente, gli elicotteri eseguivano solo compiti ausiliari: consegna di posta, regolazione del fuoco dell’artiglieria, ricognizione aerea. In futuro, con il miglioramento delle tattiche, dei metodi di guerra, degli elicotteri e delle armi, i compiti dell’aviazione militare si sono espansi.

Allo stato attuale, essendo parte delle forze aerospaziali, l’aviazione dell’esercito risolve una vasta gamma di compiti: fuoco, trasporto aereo, ricognizione e compiti speciali. Oggi, l’aviazione dell’esercito è armata di moderni sistemi di aviazione, è un ente altamente flessibile e agisce come uno dei mezzi principali per raggiungere gli obiettivi nei conflitti armati.

L’aviazione dell’esercito sta terminando l’anno accademico con buoni risultati, le formazioni e le unità aeree hanno preso parte a più di 840 eventi di addestramento al combattimento di base. Il tempo di volo medio per un pilota è di circa 100 ore. Il piano per l’addestramento al combattimento dell’aviazione militare per il 2020 è stato pienamente attuato, ha affermato il Colonnello Igor Romanov, capo dell’aviazione dell’esercito delle forze aerospaziali russe.

Tra gli elicotteri in servizio con l’Esercito russo, il Mi-28 è uno degli elicotteri da combattimento più potenti in servizio in Russia e sono in servizio presso il Ministero della Difesa russo dal 2013. Il Mi-28 è andato in volo per la prima volta nel 1982 e 14 anni dopo fu sviluppata la versione Mi-28N “Night Hunter”. L’elicottero continua ad essere sotto upgrade e il Mi-28N è in sostituzione con il Mi-28NM, aggiornato tenendo conto dell’esperienza di combattimento in Siria. Per le sue elevate caratteristiche di volo e affidabilità, il nuovo elicottero ha ricevuto il rispettoso soprannome di “Nikolai Mikhailovich”.

L’elicottero russo Mi-28N “Night Hunter”

Il concetto di supporto aereo per le forze di terra con “carri armati volanti” pesantemente armati, gli elicotteri da combattimento , è emerso già alla fine degli anni ’50. Il Mi-24 Hind (detto anche il carro del diavolo), il cui primo volo risale al 1969, del geniale designer Mikhail Mil è diventato il primo elicottero da combattimento nelle Repubbliche Socialiste Sovietiche e il secondo nel mondo.

Il suo successore, il Mi-28, è stato sviluppato come risultato di una gara tra il Mil Design Bureau e il Kamov Design Bureau per il diritto di creare un nuovo elicottero d’attacco in grado di resistere all’americano AH-64 Apache e sostituire l’obsoleto Mi-24. Per molto tempo, il Mi-28 e il Kamov Ka-50 sono andati su un piano di parità nei test. Nel 1982, il Mi-28 è decollato per la prima volta con il compito di supportare le forze di terra, i veicoli corazzati e gli elicotteri da trasporto.

14 anni dopo, fu sviluppato un Mi-28N modificato. Questo modello è stato creato appositamente per l’aviazione dell’esercito in un momento in cui gli elicotteri venivano trasferiti in modo massiccio dall’aeronautica alle forze di terra. La nuova macchina avrebbe dovuto mantenere tutte le qualità del Mi-28 e, inoltre, corrispondere alle specifiche delle forze di terra: lavorare non solo di giorno, ma anche di notte, così come con qualsiasi condizioni meteo, avere un alto livello di autonomia ed essere abbastanza semplice da usare e manutenere.

Per implementare la modalità di battaglia notturna, si è puntato sulla profonda integrazione di tutte le apparecchiature di bordo. L’avionica migliorata ha permesso di utilizzare efficacemente la potenza dell’elicottero di notte, per il quale il Mi-28N è stato chiamato “Night Hunter”. Quindi i vantaggi del Mi-28N, come la capacità ognitempo, un costo inferiore al Ka-50/Ka-52 e le somiglianze con il Mi-24, furono i maggiori fattori di valutazione per le forze armate russe che nel 2003 dichiararono che il Mi-28N sarebbe diventato l’elicottero da combattimento russo standard.

Inoltre grazie alla sua manovrabilità il Mi-28N è in grado di effettuare manovre di combattimento ad alte prestazioni che vengono dimostrate anche durante gli airshow dalla pattuglia acrobatica russa “Berkuts” nelle loro esibizioni.

L’elicottero da combattimento Mi-28NM “Night Super Hunter”

Il Mi-28NM Night Modernized (Mi-28НМ ночной модернизированный) è l’ultima modifica del “Night Hunter” chiamata anche “Night Super Hunter”, il cui sviluppo è iniziato nel 2009. Prende in considerazione tutti i requisiti degli equipaggi utilizzatori del Mi-28N. Un altro requisito di modernizzazione è stata quella della sostituzione di sistemi e componenti esteri con quelli nazionali. Inoltre gli ingegneri hanno fatto molto per rendere più confortevole il lavoro dell’equipaggio del “Night Super Hunter”, soprattutto durante le operazioni notturne così le informazioni sul funzionamento dei sistemi e sulla dinamica del volo sono diventate più ampie.

Il cockpit blindato protegge l’equipaggio da proiettili fino a 20 mm. Nell’abitacolo del navigatore è stato creato un vero e proprio sistema di controllo di volo dell’elicottero, in modo che anche in caso di urto diretto nell’abitacolo del pilota, il navigatore potrà essere in grado di tenere l’elicottero in volo. Uno schema simile è già stato implementato nella versione di addestramento al combattimento, il Mi-28UB. Secondo quanto riportato dai piloti collaudatori, la cabina del Mi-28NM in termini di dimensioni e isolamento acustico ha iniziato ad assomigliare alla cabina di un aereo passeggeri.

Ma l’innovazione chiave del Mi-28NM è il motore. I Mi-28 di serie erano dotati di motori Isotov TV-3-117VM da 2200 shp, la cui produzione principale è rimasta in Ucraina. Come già detto, come parte della sostituzione di componenti d’importazione, UEC-Klimov ha sviluppato il motore VK-2500, che è assemblato interamente con componenti russi. La sua ultima modifica è il VK-2500P ed è installata sul Mi-28NM.

Il nuovo motore si differenzia dal motore di base nel sistema di controllo automatico di tipo FADEC (sistema di controllo digitale completo del motore) aggiornato e nella protezione antincendio, che garantiscono la sicurezza del volo, semplificano la manutenzione e migliorano le caratteristiche tecniche nel suo complesso. La potenza del motore è aumentata in modo significativo e la durata utile prima della prima revisione è aumentata da 2000 a 3000 ore / cicli. Inoltre, il nuovo motore consente di utilizzare il “Night Hunter” in un’ampia gamma di temperature. Proprio in questi giorni il motore VK-2500P ha superato con successo una serie di prove, al banco, per soddisfare i requisiti tecnici specificati dal ministero della Difesa russo e potrà, quindi, essere utilizzato come propulsore per gli ultimi elicotteri russi, ha specificato l’ufficio stampa dell’azienda.

I motori VK-2500 sono montati sugli elicotteri Mi-8/17, Mi-24/35 e Ka-50/52 e anche sugli elicotteri civili Ka-32. Come detto la modifica VK-2500P è stata sviluppata proprio per la cannoniera Mi-28NM.

Il Mi-28NM utilizza il design del suo predecessore e la differenza esterna più evidente è il radar H025. Questo radome, situato sopra il rotore principale dell’elicottero, aiuta l’equipaggio a trovare i bersagli anche fuori dal campo visivo. In precedenza, tali apparecchiature erano installate solo sui modelli per l’esportazione. Le pale del rotore principale sono realizzate in materiali compositi, il che consente di tenere l’elicottero in volo anche se colpito da proiettili di calibro 20-30 mm e dovrebbero permettere al velivolo di raggiungere velocità prossime ai 400 km/h.

Come prima, l’arsenale del Mi-28NM include vari tipi di missili guidati e non guidati. Nel 2019, i rappresentanti del Mil Design Bureau avevano affermato che l’elicottero integrerà missili multifunzionali aria-aria/aria-superficie dalla portata maggiorata (fino a 25km).

Per la propria protezione, il “Night Super Hunter” è dotato di una stazione di soppressione laser sviluppata dalla holding KRET. Il suo compito è creare bersagli fantasma per i missili nemici puntati sull’elicottero usando un laser. Inoltre, l’elicottero avrà una integrazione molto promettente con i droni in due modalità operative: quando il drone esegue le funzioni di designazione del bersaglio per il Mi-28NM o quando è controllato dal navigatore direttamente dall’elicottero.

Il Mi-28NM, come i modelli precedenti, è prodotto nello stabilimento di Rostov “Rostvertol” della holding “Russian Helicopters”. Sergei Shoigu aveva parlato di prove di combattimento di un prototipo del nuovo “Night Hunter” nel 2019. Secondo il ministro della Difesa, il Mi-28NM ha preso parte alle ostilità in Siria, ovvero l’elicottero è stato testato con successo in un clima caldo e nel deserto. Nello stesso anno, il Ministero della Difesa ha firmato un contratto con Russian Helicopters holding per la fornitura di 98 elicotteri Mi-28NM entro la fine del 2027. Il “Night Super Hunter” continua ad essere sottoposto ai test, contemporaneamente ai quali è stata lanciata la produzione in serie nel settembre di quest’anno, e molto presto il Mi-28NM entrerà a far parte dell’aviazione dell’esercito russo.

Photo credits: Russian Helicopters, Rostec Corporation, Ministero della Difesa Russo

 

Rispondi