E' online il nostro nuovo canale Telegram aggiornato giornalmente con immagini, video, notizie da tutto il mondo dell'aviazione militare e commerciale. Iscriviti oggi cliccando qui, siamo già in tanti!
Operazioni militari

[Video] Allied Resolve 2022: gli aerei di Russia e Bielorussia continuano l’addestramento congiunto e la NATO si mobilità con l’invio di altri aerei in Polonia, Romania e Regno Unito

Presso i campi di addestramento combinato delle forze armate della Repubblica di Bielorussia, nell’ambito della seconda fase di test delle forze di reazione dello Stato dell’Unione, è iniziata l’esercitazione congiunta russo-bielorussa “Allied Resolve-2022”. Secondo quanto detto dai ministeri della difesa di Russia e Bielorussia, l’esercitazione è svolta al fine di simulare le attività di combattimento per respingere un’aggressione esterna nel corso di un’operazione difensiva, nonché di contrastare il terrorismo e tutelare gli interessi dello Stato dell’Unione.

Durante l’esercitazione nei campi di addestramento di Domanovsky, Gozhsky, Obuz-Lesnovsky, Brest e Osipovichsky, nonché in alcune aree del territorio della Repubblica di Bielorussia, verranno adottate misure per rafforzare la protezione del confine di Stato per impedire la penetrazione di gruppi armati di militanti, bloccare i canali per la consegna di armi e munizioni, perquisire, bloccare, distruggere formazioni armate illegali e gruppi di sabotaggio di un finto nemico. Nell’esercitazione saranno coinvolti anche gli aeroporti di Baranovichi, Luninets, Lida e Machulishchi.

L’esercitazione, che durerà fino al 20 febbraio 2022, coinvolge agenzie governative, unità militari del Distretto militare orientale russo e le forze armate della Repubblica di Bielorussia. Il numero dei partecipanti all’evento, così come il numero dei principali sistemi d’arma che rientrano nel campo di applicazione del Documento di Vienna 2011, non supera i parametri da esso determinati, che sono soggetti a notifica.

Conformemente alla decisione dei Presidenti di Russia e Bielorussia, adottata nel dicembre dello scorso anno, le forze di reazione dello Stato dell’Unione vengono testate sul territorio della Repubblica di Bielorussia.

L’Alleanza Atlantica vede in questa esercitazione, insieme alle truppe pre-posizionate in territorio russo vicino ai confini, il preludio all’invasione dell’Ucraina. Sono circa 140.000 i soldati russi posizionati vicino al confine ucraino-russo. Le truppe di terra sono coperte dai velivoli da combattimento dell’aviazione militare russa che in questi giorni è in addestramento congiunto con le forze aeree della Bielorussia.

Ed ecco che Tu-22M3, SU-34, Su-25CM3, Su-30CM, Su-30 sono impegnati in attività addestrative molto intense sempre però riconducibili all’esercitazione in corso, così come detto dal Ministero della Difesa di Mosca. Secondo la NATO e gli Stati Uniti potrebbero invece partecipare all’eventuale invasione dell’Ucraina. Oltre a questi reparti aerei, pochi giorni fa alcuni MiG-31K Foxhound armati di missili ipersonici Kinzhal sarebbero arrivati a Kaliningrad con la capacità di lanciare attacchi missilistici fulminei sulle maggiori capitali europee.

In questi giorni russi e bielorussi hanno lanciato diverse missioni d’addestramento. In alcune fasi di queste attività si sono visti, ad esempio, i bombardieri strategici Tu-22M3 scortati dai caccia Su-35S delle forze aerospaziali russe e dai caccia Su-30SM dell’aeronautica militare bielorussa. Sono in corso diverse attività addestrative al combattimento aereo, con scramble simulati, con l’impiego dei Su-35S e dei Su-30SM. Dal lato delle missioni di attacco al suolo sono impiegati i bombardieri Su-25M3 e i moderni caccia multiruolo Su-34 che hanno svolto missioni swing-role di attacco al suolo e di combattimento aereo contro i Su-35S.

Tutto questo addestramento aereo viene continuamente supportato dai sistemi di difesa aerea S-300 e S-400. Vediamo tutti questi aerei nel video di seguito.

Nel tentativo di dissuadere la Russia dall’invasione dell’Ucraina la NATO non resta a guardare e sta rischierando diversi velivoli in Polonia, Romania e Regno Unito, F-15, F-16, Eurofighter (tra i quali anche quattro Typhoon italiani e tre tedeschi in arrivo). Anche Il Belgio è presente con un’aliquota di F-16, l’Olanda invierà un’aliquota di F-35 e Spagna e Regno Unito stanno valutando l’invio di alcuni loro caccia.

Gli USA hanno spostato otto F-16 del 52nd Fighter Squadron della base aerea USAF di Spangdahlem in Germania, sulla base aerea di Fetesti, in Romania, l’11 febbraio, mentre altri otto F-15C del 48th Fighter Squadron della RAF Lakenheath nel Regno Unito, sono atterrati a Lask in Polonia, il 10 febbraio come parte della missione di polizia aerea rafforzata e per condurre un addestramento bilaterale con gli alleati della NATO.

Inoltre poche ore fa sono giunti sulla base aerea di Fairford nel Regno Unito anche i bombardieri strategici B-52H del 5th Bomb Wing, provenienti dalla Minot Air Force Base e giunti in Europa nell’ambito della missione BTF – Bomber Task Force Europe che precede un rischieramento regolare di bombardieri nel teatro delle operazioni europeo.

Video copyright: Russian MoD

Condividi
Stefano Monteleone

Direttore editoriale e Capo redattore di Aviation Report. Ho volato a bordo di aeromobili militari quali: AB-212, EH-101, SH-90 (Marina Militare); AW-139 (Guardia Costiera); HH-139A, HH-101A, G-222, C-27J, KC-767A, KC-130J (Aeronautica Militare); CH-47C, CH-47F, NH-90, AB-412, AB-205 (Esercito AVES); ATR-42, HH-412, AW-139 (Guardia di Finanza). // Editorial Director and Chief Editor of Aviation Report. I have flown aboard military aircraft such as: AB-212, EH-101, SH-90 (Italian Navy); AW-139 (Coast Guard); HH-139A, HH-101A, G-222, C-27J, KC-767A, KC-130J (Italian Air Force); CH-47C, CH-47F, NH-90, AB-412, AB-205 (Italian Army Aviation); ATR-42, HH-412, AW-139 (Italian Custom Police).

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto