All Nippon Airways A380 Orange
@ Airbus Industries

All Nippon Airways (ANA) prende in carico il terzo ed ultimo Airbus A380 con la livrea speciale della tartaruga marina volante

La compagnia aerea giapponese All Nippon Airways (ANA) si prepara a prendere in consegna il suo terzo ed ultimo Airbus A380 “FLYING HONU” ordinato. Il “Ka La”, dipinto in arancione come la “tartaruga marina hawaiana”, sarà preso in consegna all’aeroporto Narita di Tokyo il prossimo 16 ottobre 2021. Questa consegna era stata ritardata di sei mesi a causa del Covid19.

La parola hawaiana “honu” è un vezzeggiativo usato nei confronti della tartaruga marina, e riflette l’amore diffuso che il popolo hawaiano prova per questo animale. Si crede che sia una creatura sacra alle Hawaii, e si dice che coloro che riescono a intravederne una siano benedetti con buona fortuna e prosperità. Così ANA ha deciso di denominare le livree speciali FLYING HONU (che significa “tartaruga marina volante”) dei suoi A380 prendendo ispirazione rispettivamente dal cielo, dall’oceano e dal tramonto hawaiani.

ANA ha annunciato questa settimana l’acquisizione dell’ultimo A380 del Giappone. A causa del crollo della domanda causato dalla pandemia di Covid19, la compagnia aerea ha ritardato l’acquisizione del suo ultimo gigantesco jet, il JA383A, numero di serie MSN266. I super jumbo Airbus di ANA possono ospitare ciascuno fino a 520 passeggeri e beneficiare delle cabine “Fly Honu” che offrono quattro classi di servizio con 8 posti in First Class, 56 posti in Business Class, 73 posti in Premium Economy e 383 posti in Economy Class, di cui 60 posti ANA COUChii trasformabili in divanetti.

ANA utilizza i suoi tre A380, il team comprende anche il “Lani” il velivolo blu e il “Kai” il velivolo verde, per un servizio navetta per le isole Hawaii, con cui viaggiano soprattutto le famiglie a fine anno e gli sposi che iniziano la loro luna di miele. Il piano, prima del disastro del Coronavirus, era di operare la rotta Narita / Honolulu due volte al giorno con tre “Flying Honu”. Gli aerei sono equipaggiati con spogliatoi in modo che i passeggeri si possano cambiare con l’apposito guardaroba tropicale prima dell’atterraggio alle Hawaii.

Il nuovo velivolo arancione “Ka La”, come battezzato dall’ANA, è stato ultimato un anno fa ad ottobre e tecnicamente approvato dal cliente. Airbus aveva più volte verificato la funzionalità del jet nuovo di zecca, che era parcheggiato in un hangar, su voli individuali iniziati alla fine di questa estate da Tolosa, che si stanno tenendo anche in questi giorni. Il primo aereo A380 dell’ANA era arrivato a Narita nel marzo 2019, era il “Lani” il velivolo blu, mentre il velivolo verde “Kai” era stato consegnato nel mese di maggio del 2019. Il decollo dall’aeroporto di Tolosa è previsto per il 15 ottobre prossimo nel tardo pomeriggio.

Emirates e British Airways

Questa consegna è la terz’ultima che Airbus farà prima degli ultimi due esemplari di A380 previsti per Emirates ed attesi entro la fine dell’anno. A tal proposito solo giovedì della scorsa settimana è arrivato il più giovane A380 per Emirates, immatricolazione A6-EVQ, numero di serie MSN270, il 121° A380 per Emirates da Hamburg-Finkenwerder a Dubai. Si presume che Emirates non prenderà in consegna il suo ultimo nuovo A380, l’aereo con il numero di serie MSN272 e la registrazione A6-EVS, fino a dicembre.

Ciò pone fine alla produzione degli ultimi quattro jet presso Airbus, dove in futuro verranno utilizzati i capannoni di produzione dell’A380 di nuova costruzione ad Amburgo e Tolosa per aumentare la produzione a favore dell’A321neo, velivolo attualmente di grande successo.

Come accennato altri operatori di A380, che a causa della crisi sanitaria mondiale, avevano messo a terra i propri velivoli, stanno mettendo nuovamente in servizio i grandi aerei passeggeri di Airbus. A novembre Qatar Airways ha in programma il ritorno in servizio di cinque A380 come British Airways che opererà inizialmente quattro A380, su dodici aerei in flotta, verso una serie di destinazioni a corto raggio come Francoforte e Madrid per consentire la familiarizzazione degli equipaggi e poi su Miami e Los Angeles negli Stati Uniti, oltre a Dubai dal mese di dicembre.

Photo credits: Airbus Industries, ANA