La Gran Bretagna e la Svezia hanno concordato il 19 luglio al Royal International Air Tattoo che è in svolgimento sulla base aerea di RAF Fairford di studiare una cooperazione per lo sviluppo di un aereo da combattimento nel prossimo decennio e hanno aperto la porta ad altri potenziali partner in una mossa che potrebbe vedere il paese scandinavo aderire a un progetto di un caccia britannico di prossima generazione. I due Ministri della Difesa, Peter Hultqvist e Penny Mordaunt hanno firmato un Memorandum of Understanding (MoU).

L’anno scorso la Gran Bretagna aveva svelato i piani per un aereo da combattimento e una coorte di droni di nome Tempest, sollevando interrogativi sul futuro della cooperazione europea in materia di difesa mentre Francia e Germania stanno perseguono il loro programma del FCAS per far fronte alle crescenti minacce.

Il Tempest, destinato a sostituire l’Eurofighter Typhoon dal 2040, sarà sviluppato e costruito da BAE Systems, la più grande industria di difesa britannica, insieme alla Rolls-Royce, a Leonardo UK e alla MBDA. La svedese Saab, che ricordiamo avere un notevole know how in fatto di aerei da combattimento (Draken, Viggen, Gripen) non entrerà immediatamente nello stesso team industriale, ma sarà coinvolta in un più ampio studio di tecnologia che abbozza le future partnership di difesa post-Brexit della Gran Bretagna e potrebbe portare altri paesi a salire sul treno inglese.

Il ministero della Difesa britannico ha dichiarato che l’accordo prevede un programma congiunto per lo sviluppo e l’acquisizione di aerei da combattimento. Tuttavia, la Svezia ha detto che il piano ha permesso a entrambe le parti di condurre studi con altri partner e ha sottolineato che il suo caccia Saab Jas-39 Gripen avrebbe soddisfatto le sue esigenze in fatto di difesa aerea “per il prossimo futuro”.

Lo studio, che dovrebbe produrre un rapporto iniziale entro l’autunno 2020, “getta le basi per la collaborazione e invita altri paesi a partecipare alle nostre discussioni“, ha dichiarato il Ministro britannico degli appalti della Difesa Stuart Andrew. “La Gran Bretagna resterà un partner chiave per i suoi vicini europei nella NATO dopo aver lasciato l’Unione europea“, ha detto.

Le nazioni europee affrontano oggi una combinazione di minacce alla loro sicurezza e stretti vincoli di bilancio che hanno stimolato le alleanze e la competizione per contendersi la leadership e una fetta di spesa futura per qualsiasi nuovo aereo da combattimento europeo. Gli analisti dicono che non è chiaro se l’Europa potrà permettersi più di un programma di sviluppo per un futuro caccia (FCAS e Tempest) rispetto gli attuali tre in essere il francese Rafale, lo svedese Gripen e il multinazionale Eurofighter.

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi