Dopo un volo di circa 11 ore, è arrivato alle 13.30 circa del 16 Settembre a Pittsburgh, in Pennsylvania, l’aereo Falcon 900 Easy dell’Aeronautica Militare che ha trasportato dall’Italia una bambina italiana di 5 anni affetta da una rara patologia per consentirle di ricevere una cura sperimentale all’University of Pittsburgh Medical Center (UPMC).

Il trasporto con questo velivolo, che è attrezzato per l’assistenza sanitaria a bordo, si è reso necessario a causa della gravi condizioni di salute della piccola paziente. Il Falcon 900, in dotazione al 31° Stormo di Ciampino, era decollato verso l’1:40 di notte del 16 Settembre dalla propria base, dove la bimba era stata trasportata in ambulanza dal Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma.

Il protocollo umanitario è stato attivato grazie ad un inteso lavoro di coordinamento tra le due strutture ospedaliere, l’Ufficio dell’Addetto per la Difesa e la Cooperazione per la Difesa presso l’Ambasciata d’Italia a Washington D.C., l’Ufficio Voli della Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Sala Situazioni di Vertice del Comando della Squadra Aerea, la sala operativa dell’Aeronautica Militare che ha tra i propri compiti anche quello di organizzare e gestire questo genere di interventi a favore della popolazione italiana.

Al seguito della bimba e della sua famiglia ha viaggiato un’equipe medica del Policlinico Gemelli.

Ogni giorno equipaggi e velivoli da trasporto dell’Aeronautica Militare sono pronti a decollare in tempi strettissimi per missioni di pubblica utilità, quali il trasporto sanitario d’urgenza di pazienti in imminente pericolo di vita o comunque in situazioni di rischio, oltre al trasporto di organi ed equipe mediche per trapianti. Sono migliaia ogni anno le ore di volo effettuate dai velivoli del 31° Stormo di Ciampino, del 14° Stormo di Pratica di Mare e della 46a Brigata Aerea di Pisa.

Nel 2018 i velivoli del 31° Stormo hanno già trasportato circa 40 pazienti, molti dei quali bambini, ed oltre 100 passeggeri tra personale medico ed infermieristico.

Fonte e immagini: Ufficio Pubblica Informazione Aeronautica Militare

Rispondi