Prova il nostro nuovo servizio gratuito AvRep WhatsApp! Salva nella tua rubrica il nostro numero di telefono +39 342 049 1665 e inviaci un messaggio WhatsApp con scritto "ok aviation". Ti invieremo un articolo a settimana tra quelli più letti e a fine mese la newsletter con tutti gli articoli più letti. Nulla di più! Per annullare l'iscrizione sarà sufficiente cancellare il nostro numero dalla tua rubrica. Iscrivendoti accetti la privacy del sito web
Esercitazioni

L’Aeronautica Militare e l’Armée de l’Air si addestrano insieme al tiro aria-aria live nell’attività di Slow Movers Interception

Dal 20 settembre al 1° ottobre si è svolta sui cieli della Corsica, presso la Base Aerienne 126 di Solenzara, la prima attività addestrativa di tiro Aria-Aria che ha visto velivoli e personale di diversi reparti dell’Aeronautica Militare operare congiuntamente a quelli dell’Armée de l’Air.

All’attività addestrativa, che va a perfezionare la qualifica Slow Movers Interception (S.M.I. – intercettazione velivoli a basse prestazioni), ha partecipato personale del 15° Stormo, 16° Stormo “Protezione delle Forze” e del Reparto Sperimentale di Volo, con una componente di 18 persone tra equipaggi di volo, personale della manutenzione e di supporto. L’Aeronautica Militare ha preso parte all’evento addestrativo con l’impiego di due elicotteri HH-139, sia nella versione alfa che bravo, del 15° Stormo unitamente a personale specializzato all’impiego di armamento di precisione in forza al 16° Stormo.

Nello specifico, per contrastare la minaccia degli Slow Movers (ovvero aeromobili di piccole dimensioni, lenti e/o non convenzionali), l’Aeronautica Militare impiega assetti ad ala rotante ed equipaggi con capacità SMI, allo scopo di fornire il necessario intervento in caso di necessità.

A tal proposito, considerati gli attuali scenari e le eventuali minacce a cui si deve far fronte, risulta fondamentale potenziare ed integrare lo strumento della Difesa Aerea, sviluppando ulteriormente la capacità SMI abilitando anche altre figure, quali operatori di bordo e aero-soccorritori alla qualifica Slow Mover Interceptor Operator (SMIO). Inoltre, con quest’esercitazione gli SMIO del 16° Stormo hanno raggiunto la Initial Operational Capability inerente la capacità Air-to-Air.

La SMI 2021 ha conseguito diversi obiettivi addestrativi, tra i quali la condivisione di tecniche e tattiche con gli equipaggi francesi, la conduzione di operazioni in formazione in contrasto a minacce aria-aria e il consolidamento delle capacità relative al tiro aria-aria.

Durante l’esercitazione sono state effettuate 13 sortite di volo per un totale di 14 ore di volo, nel corso delle quali è stato impiegato il sistema target francese SECAPEM 100. L’attività di tiro reale è stata effettuata in completa sicurezza a largo della Corsica in aeree dedicate a questo tipo di addestramento.

La partecipazione a questo tipo di eventi dal forte ritorno addestrativo per la Forza Armata permette ad equipaggi e specialisti di confrontarsi con i colleghi delle altre Nazioni e di condividere le conoscenze in un’ottica di una sempre più forte cooperazione internazionale.

Immagini: Ufficio Pubblica Informazione Aeronautica Militare

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto