Martedì 13 novembre 2018, ha avuto luogo presso l’hangar di Sigonella la cerimonia di cambio al comando del 41° Stormo Antisom e dell’Aeroporto di Sigonella tra il Comandante uscente Colonnello Pilota Francesco Frare e il subentrante Colonnello Pilota Gianluca Chiriatti.

L’evento, presieduto dal Comandante le Forze di Supporto e Speciali dell’Aeronautica Militare, Generale di Divisione Aerea Gianpaolo Miniscalco, alla presenza dell’Ispettore dell’Aviazione per la Marina, Generale di Brigata Aerea Carlo Moscini e di alte Autorità religiose, militari e civili della Sicilia Orientale, si è svolto dinnanzi alla Bandiera di Guerra del 41° Stormo, decorata di due Medaglie d’Argento al Valor Militare e una al Valor Civile, nonché dei Labari delle Associazioni Combattentistiche e di tutto il personale dipendente schierato.

All’evento anche ex Comandanti, personale in congedo del reparto e le rappresentanze di tutti gli altri Enti – nazionali ed internazionali – presenti sull’Aeroporto Siciliano per vari motivi. Tra questi, le maggiori realtà, quelle AM – del 11° Reparto Manutenzione Velivoli e del 61° Gruppo Volo Predator – e quelle internazionali stanziali – la Naval Air Station Statunitense e la NATO AGS Force – nonché gli assetti stranieri impegnati periodicamente nelle operazioni di EUNAVFORMED (Lussemburgo, Spagna e Polonia).

Ad arricchire la platea studenti degli Istituti del comprensorio: dal Besta di Ragusa al Majorana di Gela e Milazzo, al Ruiz di Augusta e all’aeronautico Ferrarin di Catania; i ragazzi di quest’ultimo al momento sono impegnati proprio a Sigonella nel percorso di alternanza scuola lavoro.

Il Colonnello Frare, nel ripercorrere un anno di lavoro impegnativo ma gratificante per il continuo rinsaldo nei vincoli di collaborazione ed amicizia con tutte le realtà territoriali – sia interne che esterne a Sigonella, ha ricordato lo sforzo profuso nel continuo supporto a chi opera o transita da Sigonella (Naval Air Station USA, NATO AGS Force, assetti stranieri per Eunavformed, e tanti altri), nelle attività del velivolo P-72A del 41° Stormo per la sicurezza e difesa dei nostri mari) e, in particolare, ha sottolineato “la perfetta sinergia con i vertici aeroportuali di Fontanarossa per l’ottimale gestione del traffico aereo di Catania, Comiso e Sigonella, indispensabile per la crescita dell’economia della Sicilia Orientale” nonché “riscontri positivi avuti dagli oltre 350 studenti e loro insegnati che nell’anno 2018 hanno svolto i progetti di alternanza scuola lavoro nelle diverse articolazioni interne”.

Il Colonnello Chiriatti, nel corso del suo intervento, ha sottolineato che seguirà con convinzione il percorso lungimirante del predecessore e ha ringraziato i Vertici AM per il prestigioso incarico affidato dicendo che “sono conscio della delicatezza, risonanza e complessità delle attività che si svolgono su questo Aeroporto, sede di concrete e virtuose tradizioni interforze, nonchè preziosissima risorsa per tutto il nostro Paese”. Rivolgendosi poi al personale che si appresta a guidare, ha precisato che: “impronterò la mia azione di Comando ponendo al centro la persona ed ispirandomi a semplici – ma eternamente nobili – valori: integrità, chiarezza e rispetto.  Ritengo che un Comandante debba fornire la visione e creare il sano clima di lavoro in cui ognuno possa esprimere – in modo leale, genuino e propositivo – le proprie idee ed il proprio potenziale”.

Il Generale Moscini, solo da 1° ottobre scorso Ispettore dell’Aviazione per la Marina, nel salutare tutti gli intervenuti all’evento, ha lodato l’operato del Colonnello Frare per avere portato a compimento la fase di implementazione del sistema d’arma P-72A: “Ha svolto un lavoro che ha dato frutti molto concreti e positivi, ha permesso di onorare gli impegni, qualificare equipaggi e iniziare nel migliore dei modi il nuovo corso. Il velivolo sta svolgendo le previste valutazioni operative e partecipato con successo alle maggiori recenti esercitazioni, oltre ad effettuare quotidianamente le prioritarie missioni di pattugliamento marittimo per il controllo delle vie di comunicazione, per il contrasto all’immigrazione clandestina ed il soccorso ai naufraghi; inoltre, sta crescendo nelle sue molteplici potenzialità per l’impiego sul mare e a favore delle altre Forze Armate e Agenzie dello Stato”.

Il Generale Miniscalco, a conclusione degli interventi, ha tenuto a salutare tutte le Autorità ed Ospiti intervenuti che con la loro presenza testimoniano la loro vicinanza alla Forza Armata. Nel confermare la piena fiducia al Colonnello Chiriatti e il plauso al Colonnello Frare, si è rivolto al personale che opera da Sigonella dicendo loro che: “La peculiarità del vostro reparto, che lo rende unico e punto specifico di riferimento per la Forza Armata, è rappresentata dall’insistenza sul sedime militare di altri enti/reparti di Forza Armata, Interforze, Interagenzia ed Internazionali, che da questa base operano quotidianamente, a qualsiasi ora del giorno e della notte in tempi rapidissimi, al servizio del cittadino e della stabilità internazionale. Questa particolarità, oltre a dare prestigio, impone degli obblighi di ospitalità rilevanti, ribaditi nella missione assegnata al reparto che racchiude l’essenza del vostro operare con orgoglio, ininterrottamente e con i risultati encomiabili che sono sotto gli occhi di tutti”.

Il Comando Aeroporto di Sigonella, gerarchicamente dipendente dal Comando Forze Supporto e Speciali dell’AM, ha il compito di fornire il supporto operativo, tecnico, logistico ed amministrativo agli Enti e Reparti rischierati ed in transito sull’omonima Base Aerea, assicurando senza soluzione di continuità i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo, che includono tra gli altri l’assistenza tecnica a terra, il rifornimento di carburante, il servizio meteorologico, il servizio antincendio, l’assistenza sanitaria, la disponibilità di infrastrutture ricreative ed alloggiative. Inoltre, è responsabile della fornitura dei servizi traffico aereo all’interno della zona di controllo (CTR) denominata “Catania”, che comprende i cieli della Sicilia orientale e mari adiacenti, ivi compresi l’Aeroporto Militare di Sigonella e quelli civili di Catania-Fontanarossa e di Comiso (RG).

Il 41° Stormo Antisom di Sigonella, gerarchicamente dipendente dall’Ufficio dell’Ispettore dell’Aviazione per la Marina, è dotato di velivoli “P-72A” con i quali garantisce la propria missione primaria di sorveglianza marittima, contrasto ai traffici illeciti e al terrorismo internazionale e di salvaguardia della vita umana in mare a lungo raggio nonché protezione delle principali vie di traffico marittimo nei quadranti meridionali del mediterraneo. Gli equipaggi del P-72A sono formati da ufficiali piloti e sottufficiali operatori di bordo che appartengono all’AM e alla MM. La caratteristica tipica rappresenta dal 1965 un esempio di sinergia e cooperazione interforze ben collaudato ed efficiente che si pone in netto anticipo rispetto al forte sviluppo interforze dello strumento militare caratteristico di questi ultimi anni. Per questo motivo, a seguito dell’istituzione nel 1957 dell’Aviazione Antisommergibile, il 41° Stormo mantiene una veste tipicamente interforze e perfettamente integrata attraverso il connubio tra due Componenti (AM e MM). I velivoli antisom, in passato i Grumman ed Atlantic ed oggi il P72A, dipendono infatti per l’impiego dalla MM che valuta e determina tutte le missioni operative ad essi assegnabili, mentre le attività tecnico-logistiche e l’addestramento tecnico-professionale sono responsabilità dell’AM che ha alle dipendenze il 41° Stormo.

Fonte e photo credits: Ufficio Pubblica Informazione Aeronautica Militare, 41° Stormo

Rispondi