Aeronautica Militare all'esercitazione Neptune Strike 24
@ Ufficio Pubblica Informazione Aeronautica Militare

L’Aeronautica Militare all’esercitazione Neptune Strike 24 – 1

I velivoli caccia Eurofighter italiani, appartenenti alla Task Force Air 4th Wing schierata a Malbork in Polonia, hanno partecipato all’esercitazione NATO Neptune Strike 24 – 1 dal 26 aprile al 10 maggio, interessando anche l’area del Baltico.

Questa esercitazione ha permesso di potenziare l’attività di vigilanza, rafforzare la collaborazione e migliorare l’interoperabilità tra le forze militari dei Paesi dell’Alleanza, con l’obiettivo di essere più efficaci in operazioni congiunte. Questa iterazione ha visto anche la prima partecipazione della Svezia, come alleato a pieno titolo, nella serie di esercitazioni Neptune Strike con i jet Gripen.

Durante la Neptune Strike 24 – 1, alla quale ha partecipato anche la Marina Militare con il Task Group 460.01 e la portaerei Cavour, sono state condotte diverse attività addestrative in volo nell’area del Mar Baltico e dell’Europa orientale, con la partecipazione di velivoli caccia impegnati in missioni di Air Policing sul fianco orientale dell’Alleanza, provenienti da Finlandia, Germania, Italia, Polonia, Portogallo e Spagna.

Le missioni di aerocooperazione con assetti navali e terrestri hanno avuto lo scopo di aumentare l’interoperabilità e la standardizzazione attraverso l’addestramento congiunto in missioni Anti-surface Warfare (ASuW) e Close Air Support (CAS), supportate dal personale qualificato Joint Terminal Attack Controllor (JTAC).

L’esercitazione Neptune Strike 24 – 1 ha rappresentato, così, un’eccellente opportunità per la NATO per addestrare le sue flotte aeree e navali su grandi distanze, permettendo ai Paesi membri di mantenere un alto livello di prontezza nel lavorare insieme per difendere il territorio dell’Alleanza.

La Task Force Air 4th Wing impiega quattro velivoli Eurofighter (F-2000) da vari stormi di difesa aerea dell’Aeronautica Militare. Il contingente italiano, sotto la diretta dipendenza del Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI), è composto da personale dell’Aeronautica Militare schierato presso l’aeroporto Krolewo di Malbork, operando al fianco della Polish Air Force per proteggere il fianco nord-est dell’Alleanza Atlantica.

In uno scenario globale incerto, il dovere primario dell’Alleanza Atlantica è quello di proteggere oltre 1 miliardo di persone da qualsiasi minaccia proveniente da ogni direzione possibile. La Neptune Strike 24-1 riafferma fermamente come la NATO sia risoluta nell’adempimento di questa missione vitale, sottolineando nel contempo il ruolo del comando alleato STRIKFORNATO – Naval Striking and Support Forces NATO quale pietra di paragone per l’eccellenza operativa e la coesione strategica.

Seguiteci anche sul nostro nuovo canale WhatsApp e sul nuovo canale Threads