Prova il nostro nuovo servizio gratuito AvRep WhatsApp! Salva nella tua rubrica il nostro numero di telefono +39 342 049 1665 e inviaci un messaggio WhatsApp con scritto "ok aviation". Ti invieremo un articolo a settimana tra quelli più letti e a fine mese la newsletter con tutti gli articoli più letti. Nulla di più! Per annullare l'iscrizione sarà sufficiente cancellare il nostro numero dalla tua rubrica. Iscrivendoti accetti la privacy del sito web

Aeronautica Militare: 7000 ore di volo in teatro operativo per i KC-767 schierati in Kuwait

Con il volo del 13 novembre 2020, il velivolo Boeing KC-767A dell’Aeronautica Militare, in dotazione al 14° Stormo di Pratica di Mare  ed attualmente inquadrato nel Task Group Breus della Task Force Air Kuwait, ha raggiunto l’importante traguardo delle 7000 ore di volo in teatro operativo, nell’ambito dell’operazione internazionale Inherent Resolve istituita per il contrasto al Daesh.

Il velivolo è stato schierato in Kuwait presso la base aerea di Abdullah al Mubarak a partire dal 14 ottobre 2014 per svolgere operazioni di rifornimento in volo, incrementando così la quantità di carburante disponibile in volo agli altri assetti aerei e consentire la permanenza prolungata di assetti tattici nazionali e internazionali nelle zone di svolgimento delle operazioni militari. Il rifornimento in volo rientra nelle capacità particolari di cui solo alcune forze aeree possono disporre e che risulta sempre più richiesta quale funzione abilitante all’espressione del potere aereo nelle sue forme più persistenti e pervasive.

La Task Force Air Kuwait si avvale, oltre che del Task Group Breus con il KC-767A, anche del Task Group Devil che impiega i Tornado del 6° Stormo di Ghedi, il Task Group Araba Fenice che utilizza il Predator del 32° Stormo di Amendola e il Task Group Albatros che svolge missioni con il C-27J della 46^ Brigata Aerea di Pisa. Il complesso coordinato di queste capacità ha il compito di effettuare operazioni di intelligence, sorveglianza, ricognizione aerea, rifornimento in volo ed è perfettamente integrato nel dispositivo militare della Coalizione Internazionale.

In questo contesto, l’Aeronautica Militare offre il KC-767A che, grazie ad una elevata modularità si presenta quale assetto pregiato sia in funzione di rifornitore (c.d. Tanker) sia come assetto per il trasporto strategico e le tre configurazioni possibili (COMBI, CARGO e FULL PAX), l’elevata autonomia di volo, la possibilità di essere a sua volta rifornito di carburante mentre è in volo (c.d. Receiver) ed il carico utile complessivo di 25.000 Kg, ne fanno un assetto fondamentale nel panorama delle capacità dell’Aeronautica Militare.

Inoltre, la possibilità di rifornire altri velivoli utilizzando sia il sistema “Flying Boom” sia i POD sub-alari dotati di tubi e cestelli da rifornimento (Hose and Drogue) rende il KC-767A “compatibile” con quasi tutti i velivoli aerotattici impiegati nell’operazione Inherent Resolve, ed è pertanto un assetto molto richiesto.

Ricordiamo che la flotta dei KC-767A dell’Aeronautica Militare aveva raggiunto le 4000 ore di volo nel teatro operativo nell’agosto del 2017, e le 30.000 ore di volo in totale lo scorso mese di luglio. Il prestigioso obiettivo è stato raggiunto in un periodo molto particolare, in quanto il velivolo KC-767A è stato uno degli assetti più utilizzati per contrastare l’emergenza COVID-19, svolgendo missioni di rimpatrio, trasporti materiali sanitari e trasporti di persone in bio-contenimento.

8° Gruppo Volo dell’Aeronautica Militare

L’8° Gruppo Volo denominato “I cavalieri”, che costituisce uno dei due gruppi volo in seno al 14° Stormo, ha in dotazione 4 velivoli Boeing KC-767A, che oltre ad essere impiegati nel rifornimento in volo, grazie alla configurazione multiruolo, supportano l’attività operativa e addestrativa con capacità di proiezione globale, eseguendo una considerevole attività di trasporto cargo e soprattutto passeggeri a ritmi serratissimi, durante tutto l’arco dell’anno senza soluzione di continuità, da e per i vari teatri operativi dove i militari italiani sono impegnati.

Oltre queste peculiarità di trasporto strategico ed aerocisterna, lo Stormo ha acquisito l’ulteriore capacità dei trasporti in alto bio-contenimento con il primo intervento, nel novembre del 2014 in favore del medico italiano dell’ONG Emergency risultato positivo al virus Ebola in Sierra Leone. Il successo delle operazioni condotte in questi anni, unito alla quasi totale esclusività della dotazione italiana nel panorama internazionale, ha reso l’Aeronautica Militare leader nel settore del trasporto aereo in alto bio-contenimento.

Il 14° Stormo ha sede presso l’Aeroporto Militare di Pratica di Mare e dipende dal Comando Squadra Aerea per il tramite del Comando Forze di Supporto e Speciali. Conduce missioni nel settore del rifornimento in volo, radiomisure, trasporto e addestramento con i velivoli KC-767A (il cui Controllo Operativo è demandato allo European Air Transport Command – EATC di Eindhoven), P-180 Avanti, e nel settore della sorveglianza dello spazio aereo con il velivolo G-550 CAEW in aderenza alle pianificazioni e alle direttive ricevute dal Comando Squadra Aerea, l’Alto Comando dell’Aeronautica Militare cui è deputato l’addestramento, l’approntamento e l’impiego degli assetti  e del personale che operano presso i Reparti operativi su tutto il territorio nazionale.

L’aereo per il rifornimento in volo italiano: Boeing KC-767A

L’Aeronautica Militare ha acquistato nel 2002 quattro esemplari del velivolo da rifornimento in volo KC-767, provenienti dalla conversione militare di altrettanti aerei Boeing 767-200 quali sostituti di altrettanti anziani Boeing 707T/T Transport/Tanker (KC-707A) in servizio dal marzo del 1992 fino al 3 aprile 2008.

I KC-767A sono impiegati in operazioni di rifornimento in volo e trasporto strategico in condizioni ognitempo e contesti operativi di proiezione delle forze in supporto ai contingenti italiani o alleati impegnati in operazioni NATO/ONU. Inoltre possono essere utilizzati in operazioni di trasporto sanitario e bio-contenimento di pazienti altamente infettivi. Sono quindi assetti di volo preziosi e dei veri moltiplicatori di forze già utilizzati più volte anche in scenari operativi reali quali la Libia, l’Afghanistan e la Siria.
A conferma di questo concetto i KC-767 sono stati inseriti anche nel comando unificato europeo EATC (European Air Transport Command) a sottolineare la fondamentale importanza ricoperta da questi velivoli, per la sicurezza della Difesa Europea e NATO.

Il KC-767A, come già detto, deriva dal velivolo commerciale Boeing 767-200ER Extended Range. L’aereo è in grado di garantire un’elevata autonomia di volo ed una notevole capacità di carico unite alla possibilità di rifornire altri assetti aerei e di essere a sua volta rifornito in volo incrementando così il proprio raggio d’azione. Le potenzialità e la flessibilità di utilizzo del velivolo gli permette di operare in contesti operativi complessi, mettendo a disposizione la sua elevata capacità di proiezione della componente aerea nazionale permettendogli un ruolo di rilievo nell’ambito di operazioni multinazionali o di emergenza sanitaria e umanitaria.

Il primo KC-767A è giunto al 14° Stormo di Pratica di Mare il 26 gennaio 2011, dopo un programma di sviluppo piuttosto complicato. Nel 2002 l’Italia firmò il contratto per quattro velivoli con le consegne previste dal 2005. Per problemi di sviluppo e collaudi i velivoli ritardarono ad essere consegnati e l’Aeronautica Militare si ritrovò senza questa componente strategica per qualche anno, fino alla consegna del primo aereo nel 2011.

Il velivolo, spinto da due turbofan General Electric CF6-80C2, consente un carico utile di 25.000 kg. e grazie alla sua modularità può essere allestito nelle configurazioni:

  • Cargo, si possono imbarcare 19 pallet NATO standard.
  • Combi, si possono imbarcare 100 passeggeri e 10 pallet NATO standard.
  • Full Pax, si possono 200 passeggeri e relativi bagagli.

Per quanto riguarda la sua missione principale e cioè quella del rifornimento in volo o AAR (Air to Air Refueling), questa viene gestita tramite una stazione, con monitor multifunzione e computer, altamente automatizzata che, tramite due operatori, gestisce quattro punti di rifornimento: un punto centrale ad asta rigida con capacità di flussaggio fino a 4.091 litri al minuto e 50psi oppure con tubo e cestello da 2.727 litri al minuto e 50psi,  due punti di estremità alare WARPS (Wing Air Refuelling Pod) a tubo e cestello con capacità di flussaggio fino a 1.818 litri al minuto e 50psi e un ricettacolo universale UARRSI (Universal Aerial Refueling Receptacle Slipway Installation), posizionato sul dorso della fusoliera all’altezza della cabina di pilotaggio, con capacità di imbarcare fino a 4.091 litri al minuto.

Durante le fasi di rifornimento nel KC-767A i movimenti del boom avvengono tramite joystick e la manovra viene supervisionata tramite il “Remote Vision System” (un casco visore che consente una visione stereoscopica e ad altra definizione su un campo di 185°), mentre durante l’utilizzo del sistema probe and drogue il ruolo del boomer è essenzialmente di supervisione sui movimenti dei “receivers” in coda al tanker.

Gli schermi touch screen, RARO II (Remote Air Fueling Operator Station), dei boom operators offrono una situational awareness completa sulle stazioni di rifornimento grazie alle immagini (nello spettro visibile e/o infrarosso) inviate dalle telecamere esterne.

Immagini: Ufficio Pubblica Informazione Aeronautica Militare

Condividi
Redazione di Aviation Report

Dalla redazione di Aviation Report // From editorial staff

Il nostro sito utilizza solo cookies tecnici e di funzionalità.

Leggi tutto