US Army AH-64E Apache
@ U.S. Army photo by Lt. Col. Andy Thaggard

A breve l’Esercito Americano dovrebbe ordinare almeno 100 elicotteri da combattimento AH-64E Apache

Boeing si aspetta un ordine dall’esercito americano per almeno 100 elicotteri d’attacco Apache AH-64E nel secondo trimestre del 2022. Il conteggio finale degli elicotteri è ancora in fase di negoziazione, così come l’importo finale in dollari, afferma Jesse Farrington, direttore del programma di elicotteri d’attacco della Boeing.

L’accordo sarebbe il secondo contratto pluriennale per il programma AH-64. Il primo accordo pluriennale, del valore di 3,4 miliardi di dollari per 244 Apache ricondizionati e 24 esemplari di nuova costruzione era stato firmato nel 2017. I contratti di appalto pluriennali sono un meccanismo speciale che il Congresso consente al Dipartimento della Difesa di ridurre i costi per un numero limitato di programmi che raggiungono la produzione a pieno ritmo. I risparmi sui costi derivano dall’acquisto di beni o servizi all’ingrosso per diversi anni.

Il secondo contratto pluriennale per l’AH-64E durerà quattro anni, fino al 2026, con un’opzione per ordinare ulteriori elicotteri nel 2027, afferma Farrington. Mentre il numero finale è ancora in fase di negoziazione, l’ordine dovrebbe avere probabilmente una base di almeno 100 Apache ma potrebbe anche salire.

Il contratto vedrebbe la rigenerazione e l’aggiornamento degli AH-64D allo standard AH-64E, nonché la produzione di AH-64E di nuova costruzione. Gli elicotteri d’attacco sarebbero poi consegnati all’esercito americano e ad alcuni clienti internazionali, ma la Boeing non ha specificato quanti saranno destinati all’esercito americano e quanti saranno consegnati ad eserciti stranieri.

Il primo AH-64 di produzione, un Apache modello A, è uscito dalla catena di montaggio il 30 settembre 1983 ed è stato consegnato dalla storica società Boeing McDonnell Douglas all’esercito degli Stati Uniti nel gennaio 1984. Oggi Boeing produce e consegna AH- elicotteri 64E a un elenco crescente di clienti in tutto il mondo.

L’elicottero Apache sparò i primi colpi dell’Operazione Desert Storm nel 1991, fu attivato per la difesa nazionale dopo le tragedie dell’11 settembre 2001 e successivamente fu dispiegato in Afghanistan a sostegno dell’operazione Enduring Freedom. Ha praticamente partecipato a tutte le operazioni militari statunitensi dalla sua entrata in servizio.

L’odierno modello E di Apache è dotato di tecnologie integrate che includono comunicazioni e capacità di navigazione per migliorare la consapevolezza e il coordinamento della situazione, un nuovo processore di missione multi-core più veloce per l’integrazione di sistemi avanzati, la capacità marittima del radar per il rilevamento e l’identificazione delle imbarcazioni.

Inoltre è equipaggiato con motori GE Aviation T700-GE-701D più potenti di quelli della versione D, combinati con una trasmissione aggiornata per produrre potenza aggiuntiva, di nuove pale del rotore principale in materiale composito ed è dotato della radio Joint Tactical Information Distribution System, che fornisce la capacità di controllare un velivolo senza pilota (tipicamente RQ-7B Shadow di Textron Systems o MQ-1C Grey Eagle di General Atomics Aeronautical Systems).

La modernizzazione pianificata ha assicurato che l’elicottero d’attacco Apache si sia evoluto con tecnologie rivoluzionarie. Gli odierni elicotteri sono dotati di capacità di resilienza in ambienti operativi multi-missione.

L’esercito degli Stati Uniti dovrebbe gestire attualmente circa 682 AH-64E e 136 AH-64D nel suo inventario. Invece sarebbero 1.183 Apache quelli in servizio in tutto il mondo, in 15 paesi. Dall’inizio del 2020, Australia, Egitto, India, Marocco, Kuwait e Filippine sono state autorizzate dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ad acquistare un mix di 86 esemplari di AH-64E di nuova costruzione e ricondizionati. L’esercito degli Stati Uniti continua anche ad aggiornare la sua flotta variante “D” al modello “E”.

Allo scorso 30 giugno 2020, uscito dalla linea di produzione dell’azienda a Mesa in Arizona, Boeing aveva consegnato il suo 2.500° elicottero Apache AH-64, dei quali più di 500 modelli “E” per l’esercito degli Stati Uniti.