Sabato 22 giugno presso il 60° Stormo dell’Aeronautica Militare basato presso l’aeroporto militare di Guidonia si è svolto l’evento “Pilota per un giorno” in cui l’Aeronautica Militare e il Wefly! Team, l’unica pattuglia aerea al mondo in cui due dei tre piloti sono “disabili”, si sono stretti per un grande evento di volo dedicato al superamento delle barriere, una giornata interamente dedicata alle persone diversamente abili, che hanno potuto provare l’emozione di volare con il WeFly! Team.

Un modo per mostrare a tutti che, con il giusto impegno e una forte motivazione, tutte le difficoltà nella vita possono essere affrontate e superate e anche la disabilità piuttosto che un limite può diventare un’opportunità.

L’Aeronautica Militare ha messo a disposizione un’area espositiva con in mostra statica alianti e velivoli S-208 del 60° Stormo, un velivolo MB339 del 61° Stormo ma utilizzato anche dalla Pattuglia Acrobatica Nazionale “Frecce Tricolori” ed un simulatore ludico di volo.

Durante la giornata le persone diversamente abili, più di 60, tra i quali alcuni atleti del Gspd il Gruppo sportivo paralimpico della Difesa, hanno provato l’emozione di alzarsi in volo con i piloti e gli aeroplani del WeFly! Team e del 60° Stormo, coordinati nelle attività dal personale dello Stormo dell’Aeronautica Militare comandato dal Col. Paolo Frare.

Grande esempio di impegno e una forte motivazione quello di Sabrina Papa, la prima e unica allieva pilota non vedente, che ha potuto provare l’ebrezza del volo a bordo di un S.208M insieme ad un pilota istruttore del 60° Stormo. Dai piloti del WeFly Team! a Sabrina Papa che ci insegnano che tutte le difficoltà nella vita possono essere affrontate e superate e anche la disabilità piuttosto che un limite può diventare un’opportunità. Un evento nel quale il messaggio più forte è stato quello di mostrare che spesso i limiti non sono un ostacolo ma un incentivo, un’opportunità, ad affrontare la propria vita con coraggio e tenacia. “Se ci credi lo puoi fare“.

WeFly Team!

Alessandro Paleri e Marco Cherubini, rispettivamente leader e gregario sinistro della pattuglia, accompagnati da Erich Kustatscher, gregario destro, con tenacia, determinazione e spirito d’amicizia, hanno fatto in modo di realizzare i propri sogni e trasformare la disabilità in un’opportunità piuttosto che considerarla un limite. Una forte passione, quella del volo, che li ha portati alla costituzione della pattuglia WeFly Team!

.

I piloti utilizzano un aereo ultraleggero biposto Texan Top Class con Depis Pack della Fly Synthesis pilotandolo sono con le mani grazie ad un comando speciale, progettato e realizzato da Alessandro Paleri, che è un ingegnere aerospaziale. Nati nel 2007 hanno la loro base a Caposile vicino a Jesolo. I piloti del team sono in possesso di tutte le abilitazioni richieste per la loro attività e di Licenza di pilota privato di aereo. In particolare Marco Cherubini, nel maggio 2016, è stato il primo pilota disabile nella storia a conseguire la licenza PPL SEP(A) in Italia. Oltre ai tre piloti fanno parte del Team Pino di Feo, PR e speaker e Marco Tricario fotograto ufficiale.

Ogni hanno sono impegnati in un fitto programma di eventi in tante manifestazioni aeree sia in Italia che all’estero. Il programma di volo della pattuglia prevede una serie di manovre in formazione che mettono in evidenza l’eleganza delle figure e l’abilità dei piloti. Oltre agli airshow il team partecipa ogni anno a giornate dedicate alla promozione del volo per le persone disabili. Forte il legame che unisce la pattuglia civile con l’Arma Azzurra che, oltre ad incontrarsi spesso in occasione di eventi e airshow, sono unite anche grazie ad un bellissimo gemellaggio con la 46^ Brigata Aerea di Pisa.

60° Stormo di Guidonia Montecelio

Il 60° Stormo dipende dal Comando Scuole dell’Aeronautica Militare/3^ Regione Aerea. Fra le attività del Reparto quella di formazione al volo su aliante per gli allievi della Scuola Militare “G. Douhet” e per gli allievi piloti dell’Accademia Aeronautica, l’organizzazione e gestione dei Corsi di Cultura Aeronautica che ogni anno si svolgono in alcune città italiane e sono rivolti agli studenti del triennio delle scuole superiori, l’attività di volo minima per i piloti che lavorano presso lo Stato Maggiore Aeronautica, l’attività di lanci para a favore delle Forze Speciali, attività congiunte con il centro di Aerocooperazione ed attività di trasporto e collegamento.

Testo: Stefano Monteleone
Immagini: Michele Monteleone

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi