Il 29 giugno scorso ha visto il battesimo dell’aria per l’ottavo Lockheed Martin F-35A Lightning II in produzione presso la F.A.C.O. di Cameri e destinato all’Aeronautica Militare.

Come i precedenti Joint Strike Fighter, AL-8 ha lasciato la pista novarese per il primo di una lunga serie di collaudi dove ha fatto rientro dopo una ventina di minuti, come sempre accompagnato da un Eurofighter Typhoon in qualità di chase plane.

Dopo il roll-out del primo F-35B (BL-1), la versione a decollo corto ed atterraggio verticale presentata alcune settimane fa e destinato a volare entro alcune settimane, continua a buon regime il programma di rinnovo della flotta da combattimento nazionale.

L’Italia si è impegnata all’acquisto di 90 JSF da produrre nello stabilimento novarese che produrrà anche 29 F-35A per l’Olanda.

Tre dei sette aerei accettati dalla nostra Aeronautica Militare, tail codes 32-05, 32-07 e 32-13 sono basati ad Amendola in organico al 32° Stormo, XIII Gruppo Caccia che recentemente ha festeggiato i 100 anni di vita.

Per questa celebrazione tutte le macchine sono state temporaneamente rischierate presso il 4° Stormo di Grosseto insieme a velivoli Eurofighter Typhoon degli altri 4 gruppi caccia nel quadro delle celebrazioni de “I 100 anni della Caccia”. Un F-35A, insieme a 4 F-2000A hanno poi sorvolato in formazione il litorale toscano durante l’Airshow di Marina di Grosseto.

Il jet di fabbricazione americana ha poi lasciato la formazione per compiere alcuni passaggi, di cui uno a stive aperte, prima di far rientro alla base. È stata la prima vera apparizione pubblica ad un Airshow italiano.

I primi 4 aerei prodotti sono tutt’ora rischierati in USA presso la Luke AFB sede del centro di addestramento multinazionale destinato a formare i piloti delle nazioni partecipanti al programma Joint Strike Fighter.

Testo: Gianluca Conversi
Immagini: Almos Castellazzi

A proposito dell'autore

Nato a Parma, vive a Brescia. Grande appassionato di fotografia aeronautica e sportiva, annovera un passato da radiocronista sportivo per alcune radio private emiliane. Collabora come fotografo sportivo con l’associazione Oldmanagency. Si occupa di processi aziendali i e formazione presso una multinazionale leader nei settori del trasporto internazionale e logistica integrata.

Post correlati

Rispondi