Lunedì 19 dicembre alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Enzo Vecciarelli, si è svolto presso l’ Aeroporto Militare “Francesco Baracca” di Centocelle la cerimonia di passaggio di consegne tra il Generale di Divisione Massimo Berti ed il Generale di Brigata Giorgio Baldacci, nell’incarico di Generale del Ruolo delle Armi, e tra lo stesso Generale Berti ed il Generale di Brigata Francesco Cannillo, nell’incarico di Comandante del Comando Aeronautica Militare Roma.

Comando Aeronautica Militare Roma – COMAER

Il Comando Aeronautica Roma è un organismo di Vertice posto alle dirette dipendenze del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare ed ha tra i principali compiti quello di assicurare il supporto tecnico logistico e amministrativo agli enti di Forza Armata ed interforze ubicati nel comprensorio di Palazzo Aeronautica, del Comando Aeroporto-Quartier Generale del COMAER di stanza a Centocelle e del Comando Aeroporto Vigna di Valle-Centro Storiografico e Sportivo A.M.
Il Comando è retto attualmente da un Generale di Squadra che assolve anche l’incarico di “Generale del Ruolo delle Armi”.

Il Comando Aeronautica Militare Roma nasce il 1 Marzo 1999, data che per l’Aeronautica Militare segna anche il passaggio da una struttura “territoriale” ad una di tipo “funzionale” e, in tale quadro di riorganizzazionc generale, assorbe parte delle funzioni logistiche e amministrative in precedenza devolute alle Direzioni Territoriali della soppressa “seconda Regione Aerea”.
Dall’11 aprile 2014 l’organizzazione del Reparto ha subito una radicale rivisitazione, inserita nel più ampio progetto di trasformazione delle Forze Armate, tra cui si evidenziano provvedimenti come la rilocazione del COMAER all’interno dell’Aeroporto di Centocelle (Roma) con il contestuale incorporamento del locale Quartier Generale, rinominato “Comando Aeroporto / Quartier Generale del COMAER”.

Il Generale del Ruolo delle Armi

Il Generale del Ruolo delle Armi nell’espletamento delle sue funzioni provvede a studiare e proporre provvedimenti nel settore del reclutamento e dei profili d’impiego del personale del Ruolo delle Armi, quali la definizione dell’iter formativo del personale del Ruolo ai fini di una mirata pianificazione della crescita professionale e della progressione di carriera nelle rispettive specialità; studia e concorre all’elaborazione, di concerto con il Comando delle Scuole e secondo le esigenze dei diversi Alti Comandi, dei programmi di studio per la formazione del personale del Ruolo;  propone la formazione delle commissioni degli esami di concorso e in quelli di avanzamento e cura l’espletamento delle relative prove; promuove la pubblicazione e la diffusione di studi, conferenze e monografie tecniche di specifico interesse aeronautico.

Nel suo intervento di saluto, il Generale di Divisione Massimo Berti, ha ringraziato tutti i presenti e tutto il personale del COMAER ed ha rivolto un affettuoso saluto ai suoi colleghi del Corso Nibbio 3° con i quali 44 anni fa iniziò la propria personale “avventura” in Forza Armata. Sono 44 gli anni di carriera, prestati con dedizione al servizio del Paese. In questi anni il Gen. Massimo Berti ha svolto incarichi di rilievo presso numerosi Reparti: dal
Reparto Servizi Centrali-Roma, all’Accademia Aeronautica, lo Stato Maggiore Aeronautica, la Direzione Generale Personale Militare, il 4″ Stormo di Grosseto, lo Stato Maggiore Difesa, la Direzione Impiego Personale Militare Aeronautica. Tra i compiti di maggior rilievo è stato Comandante del 504° Gruppo SLO dell’Aeroporto Militare di Grosseto, Comandante del Reparto Sistemi Informativi Automatizzati, Vice Comandante del COMAER, Comandante del Q.G. del COMAER, Comandante della 3^ Divisione del Comando Logistico.
Ha ricoperto presso lo Stato Maggiore Aeronautica l’incarico di Capo Reparto Generale Sicurezza, in seguito Comandante del Comando Aeronautica Militare Roma e successivameute ha assunto anche l’incarico di Generale del Ruolo delle Armi.

Il nuovo Comandante del COMAER, il Generale di Brigata Francesco Cannillo, nel suo discorso ha evidenziato il suo orientamento a rendere sempre più coesa la comunità interforze garantendo continuità ed impulso all’azione di sostegno logistico a favore dell’operatività della componente. Il Gen. Francesco Cannillo nella sua carriera ha svolto vari incarichi presso il Comando Aeroporto del 37″ Stormo di Trapani Birgi, all’Aeroporto di Pantelleria, al Comando e lo Stato Maggiore della 3^ Regione Aerea a Bari, presso lo Stato Maggiore Aeronautica, presso il Comando Logistico A.M. a Roma, presso la Scuola Marescialli A.M. di Viterbo, presso il Comando Aeronautica Militare di Roma e presso il Comando Supporti Enti di Vertice.
In ambito internazionale è stato Capo della Divisione di Supporto allo Stormo di Addestrarnento della NATO E-3A Component di Geilenkirchen in Germania e Addetto per la Difesa presso l’Ambasciata d’Italia a Seoul in Corea del Sud.

Il Generale di Divisione Giorgio Baldacci, nuovo Generale del Ruoli delle Armi, si è soffermato sull’importanza risolutiva che ricopre oggi il Ruolo delle Armi e che, ancora di più, ricoprirà nell’Aeronautica 4.0 facendo riferimento al prezioso compito che ognuno deve svolgere nel concorrere e collaborare alla vita e alla salute dello stesso corpo cui si appartiene.
Il Gen. Giorgio Baldacci nella sua carriera ha ricoperto diversi incarichi dal Comando Aeroporto di Decimomannu (Ca), al Reparto Servizi Centrale dell’Aeronautica Militare, allo Stato Maggiore Aeronautica. È stato Addetto Aggiunto Programmi Progetti Difesa Aerea presso la Rappresentanza Permanente Italiana presso il Consiglio Atlantico di Bruxelles. Ha ricoperto incarichi in ambito interforze quale Aiutante del Capo di SMD e Vice Capo
Ufficio del Sottocapo di SMD e, successivamente Capo Ufficio Comunicazione del Capo di Stato Maggiore della Difesa. È stato Comandante dello Scuola Militare Aeronautica G. Douhet, e al terrnine del periodo di
comando ha assunto l’incarico di Vice Capo del V Reparto dello Stato Maggiore Difesa e a seguire l’incarico di Capo del 5° Reparto “Comunicaziorte” dello Stato Maggiore Aeronautica.

Il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, nel suo intervento, ha ripercorso la storia del Ruolo dagli anni ’90 in poi nel quadro della riorganizzazione della Forza Armata: ”Noi facciamo parte di una learning organization, a noi piace imparare dalle lezioni apprese nel corso della nostra operatività, prendere spunto dall’intelligenza dei nostri uomini”.

Fonte: UCOM Aeronautica Militare, COMAER
Testo: Stefano Monteleone
Immagini: Michele Monteleone

Rispondi