Anche quest’anno ha avuto luogo presso l’aeroporto militare di Sankt Stephan, l’HunterFest. Si tratta di una commemorazione di velivoli storici quali Hunter e Vampire, che hanno servito la Schweizer Luftwaffe (l’Aeronautica Militare della Confederazione Elvetica).

L’efficienza degli aeromobili è affidata ad Associazioni senza fini di lucro, tra i quali ricordiamo: “Hunterverein Obersimmental” e “Amici dell’Hunter”, che mettono a disposizione mano d’opera altamente qualificata, a titolo gratuito per tutto l’anno.

Il risultato di tutta questa passione, non poteva essere altro che una manifestazione spettacolare.
Grande assente purtroppo è stato il raro “Hunter Papyrus”, il quale è attualmente in revisione approfondita; si tratta di un particolare Hunter con una colorazione speciale che riproduce i nomi di tutti i gruppi e le squadriglie che hanno avuto in servizio il velivolo inglese e visto – tra gli altri – a Zeltweg lo scorso anno.
Gli organizzatori hanno voluto brillantemente sopperire a questa lacuna, invitando un Hunter dell’ Aeronautica Olandese, le cui evoluzioni non hanno fatto rimpiangere il Papyrus.

Già dalla prima mattina è stato un susseguirsi di arrivi e partenze di velivoli tra i quali segnaliamo: BÜ 131 APM, C.A.S.A. Bucker 1- 131E JUNGMANN, PIPER J-3C, ERCOUPE 415C (con matricola americana) e altri, fino ad arrivare al decollo del sempre splendido DC-3 che ha aperto, di fatto, la manifestazione.

A distanza di pochi minuti, è stata la volta dei decolli dei quattro Hunter presenti e di due Vampire, senza ombra di dubbio sembrava di essere tornati indietro di qualche decina di anni.
Eccellenti, non ci stancheremo mai di dirlo, le condizioni di conservazione degli esemplari presentati.

I piloti hanno deliziato i presenti con passaggi in formazione e a bassa quota davvero spettacolari; il background dato dal panorama della bellissima Svizzera e le condimeteo molto favorevoli hanno fatto il resto. Dopo una breve pausa, la manifestazione è ripresa a ritmo serrato, con nuovi decolli di Hunter e il tanto atteso display dell’elicottero AS-532 Super Puma della Aeronautica Militare Svizzera. Potenza e agilità vengono espressi in ogni figura.

La giornata volge al termine ormai, con gli ultimi passaggi a bassa quota dei Jet, che regalano ancora grande emozione ai presenti. I paracadute freno che aiutano il rallentamento della corsa degli Hunter in atterraggio (peraltro utile ausilio ad un minor impegno dell’impianto frenante dei “vecchi” velivoli) sono il segnale che la manifestazione è ormai terminata. Appuntamento quindi al 2011 con l’Hunterverein Obersimmental per un altro grande spettacolo.

Testo e foto: Stefano Frezzotti & Aviation-Report

Rispondi