Giovedì 11 dicembre 2014 il “Resource Policy and Planning Board” (RPPB) dell’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord (NATO) ha effettuato una visita sulla Base Aerea di Sigonella finalizzata a verificare lo stato dei lavori e le attività in corso per la realizzazione di quanto necessario, in termini di infrastrutture e predisposizioni, per accogliere sull’Aeroporto Siciliano il nuovo programma NATO legato all’impiego dei velivoli non pilotati della Società “Northrop Grumman”: i moderni aeromobili a pilotaggio remoto (APR) Global Hawk.

Alla visita ha preso a parte anche il Chairman del Board of Director della NATO Alliance Ground Surveillance Management Organization (NAGSMO), Mr. Erling H. WANG, che ha confermato l’esigenza di accelerare i tempi tecnici per il finanziamento del programma, in visione di una ottimale aderenza all’agenda delle attività propedeutiche. Presente, altresì, il General Manager della NAGSMA, agenzia da cui dipende tutto il programma, Mr. James E. EDGE.

Il RPPB, organo consultivo del Consiglio Atlantico, responsabile della gestione di tutte le risorse poste in comune dai Paesi aderenti al Trattato della NATO, ed in particolare dei programmi d’investimento per la sicurezza internazionale, composto dai rappresentanti delle Nazioni finanziatori del programma Alliance Ground Surveillance (AGS), è stato guidato dal Chairman, Colonnello Pilota Giorgio ROMANO.
Ad accogliere gli ospiti internazionali, il rappresentante dello Stato Maggiore Aeronautico, Generale di Brigata Aerea Stefano SALAMIDA e il Colonnello Pilota Vincenzo SICUSO, Comandante dell’Aeroporto e del 41° Stormo Antisom di Sigonella.

global hawk usa sigonella

Dopo una puntuale presentazione proposta dal Colonnello SICUSO, cui è seguito un intenso ed interessato dibattito, durante il quale è stato presentato il Nucleo Iniziale di Formazione del “Host Nation Support Element(NIF RSN AGS-NATO), guidato dal Colonnello Pilota Alessandro AMENDOLA, ed il primo nucleo di personale NATO (ADVON Team) già presente sul sedime dell’Aeroporto, guidato dal Colonnello Stefan KAUFMANN, la delegazione è stata accompagnata ad una breve ma efficace visita guidata dei cantieri attivi sulle aree che in futuro ospiteranno le infrastrutture operative del Sistema AGS.

Il veloce pranzo basato su specialità siciliane locali, ha dato modo di creare un ulteriore momento di relazione e di scambio d’informazioni, utile a chiarire quanto sino a quel punto presentato, è stato seguito da una visita al rischieramento dei Global Hawk dell’Aeronautica Statunitense. Quest’ultimo, visitato, ha dato modo agli ospiti di prendere atto della reale capacità operativa e affidabilità di tutto il programma, prendendo atto dalla già consolidata esperienza americana. Sottolineando ancora una volta la vincente decisione strategica di scegliere la Base Aerea dell’Aeronautica Militare di Sigonella quale base per questo importante strumento di difesa dell’intera Organizzazione Atlantica.

La visita si è conclusa con l’apprezzamento di quanti intervenuti, per il lavoro ed il ruolo svolto dall’Italia, ed in particolare dagli uomini che operano a Sigonella, e con il consueto scambio di crest commemorativi dell’evento. Note di particolare apprezzamento e ringraziamento sono state lasciate a futura memoria dalle illustri autorità presenti sull’Albo d’Onore del 41° Stormo Antisom di Sigonella

Fonte e photo credits: Ufficio PI Aeronautica Militare 41° Stormo Antisom

Rispondi