La Regione Friuli Venezia Giulia presenterà il prossimo febbraio la candidatura per far sì che nel 2019 possa ospitare il XXII campionato mondiale di deltaplano, la più importante competizione ufficiale in assoluto in questa disciplina.

Un progetto ed un lavoro di squadra molto articolato, che per la prima volta includerebbe nell’area di gara territori estremamente variegati  ed estesi su tre nazioni (Italia, Slovenia e Austria), l’utilizzo della nuova tecnologia Live Tracking per seguire le prodezze dei piloti. Queste sono le carte che il Friuli Venezia Giulia metterà in tavola, a Losanna, per convincere la Federazione Aeronautica Internazionale a prediligere la candidatura italiana.

Forti della riconosciuta capacità organizzativa messa in luce nel 2012 in occasione dei Campionati Italiani e del fatto che la regione è ormai conosciuta e apprezzata dai praticanti del volo libero, il Team Volo Libero Carnia ed altri sette club, in collaborazione e con il sostegno dell’amministrazione regionale, si stanno preparando per sfruttare al meglio un evento che avrà centro operativo a Tolmezzo, ma che coinvolgerà tutta la regione, offrendo ai piloti la possibilità di spingersi fino in Veneto, Trentino Alto Adige, Slovenia e Austria.

L’intera organizzazione è mobilitata per questo evento unico e spettacolare che se accolto ed approvato offrirà un’esperienza irripetibile e coinvolgente ai piloti e a tutti gli appassionati di questo sport e un ritorno turistico, economico e d’immagine per l’intera regione, nonchè per tutto l’indotto economico che ruoterà intorno alle gare.
La manifestazione richiamerà in regione piloti, staff tecnici di varie nazionalità, accompagnatori, familiari e appassionati, in grado di apportare un indotto diretto stimato in circa € 500.000 sia nel 2018 per i pre-mondiali sia nel 2019 per le gare di campionato e una ricaduta a lungo termine sul territorio per valorizzarlo permettendo di dare nuovo slancio alle attività esistenti e di predisporre strutture ed attività che resteranno operative in futuro, creando prospettive occupazionali per i residenti.

Rispondi